Astrologia e Religione

BERGOGLIO: UN GESUITA O UN PAPA..? E’ ORA DI TIRARE LE SOMME…

DOPO AVERGLI SCRITTO QUALCHE MESE FA,  UNA “LETTERA” SULLA VALENZA DELLA DOTTRINA ASTROLOGICA DA LUI GENERICAMENTE E SUPERFICIALMENTE BISTRATTATA,  MI VOGLIO METTERE, CON TUTTO IL RISPETTO CHE SI DEVE (MA NON L’OSSEQUIO…!), QUESTA VOLTA NEI PANNI DEL SANTO PADRE, AL SECOLO FRANCESCO I°, BERGOGLIO, PRIMO PAPA GESUITA, PRIMO PAPA SUDAMERICANO, PRIMO PONTEFICE NON EUROPEO DA 1300 ANNI (inoltre è l’unico monarca europeo, insieme a Maria II del Portogallo, a nascere al di fuori dell’Europa e l’unico dei due a nascere in un territorio non appartenente ad una nazione europea…: io ci rifletterei..su quest’ultima specifica che non è di poco conto..!) e, PER ULTIMO, E’ IL  PRIMO PAPA DELLA STORIA A DECIDERE DI CHIAMARSI “FRANCESCO”, non tanto in ossequio alle parole legate all’amore per la povertà, per la rinuncia di quel santo, ma quanto per l’ossequio alla regola prima che lo ordina e lo segna: la REGOLA GESUITA.

Così ha esordito, da Papa neoeletto, davanti ad una Piazza San Pietro gremita di fedeli “Cari fratelli e sorelle, buona sera”, ha esordito interrotto da un applauso appena presentatosi alla folla dei fedeli raccolta a Piazza San Pietro. “Voi sapete che il Papa è vescovo di Roma – ha detto – ma sembra che i miei fratelli cardinali siano andati a prenderlo quasi alla fine del mondo. Ma siamo qui, vi ringrazio dell’accoglienza”.
“Ringrazio la città di Roma come suo vescovo – ha proseguito il neo Pontefice nel suo primo discorso pubblico – e prima di tutto vorrei fare una preghiera per il nostro vescovo emerito Benedetto XVI: preghiamo tutti insieme per lui, perché il Signore lo benedica e la Madonna lo custodisca”. Una preghiera che deriva dal cuore o dal calcolo..? beh lo capiremo presto ma se intanto ne segnalo il dubbio sta a significare che l’azione plutonica, regnante nel tema di Bergoglio, inevitabilmente ne controlla ogni mossa foss’anche da dietro le quinte….

Di primati Francesco ne ha collezionati parecchi altri, in onore della sua elezione papale costellata, come visto, da primati come quelli descritti, non sapendo probabilmente che è regola ferma della didattica astrologica che il seme piantato in un preciso istante sia poi quello che ci contraddistingue nell’intero arco di vita, il che significa che la realtà di Bergoglio disseminata di primati al dunque lo segue e lo seguirà in questi anni di papato, come tutti hanno potuto constatare date le innumerevoli innovazioni proposte e imposte, siano esse di comportamento personale che quelle, ben più importanti del suo operato da pontefice, di liturgia evangelica.

Quindi, come detto, mi voglio mettere a ragionare con la mente di Bergoglio e comprenderne fino in fondo, se possibile, i suoi schemi mentali che, devo dire senza falsa modestia, sono più facilmente leggibili per uno come me che si fida della traduzione simbolica astrologica e della sua applicazione analogica come preciso fondamento di una valutazione. Valutazione a senso unico la mia nel senso che per forza di cose è applicabile solo da un verso: mi spiego. Voglio dire cioè che non essendoci la possibilità di scambio diretto di opinioni tra noi, posso solo descrivere la mia valutazione senza il contributo di un contraddittorio, peraltro impossibile, che sappiamo essere la base di ogni processo democratico..ma tant’è…: sarà la dinamica astrologica, che non abbisogna, unica tra le scienze, della presenza dei personaggi, a darmi una mano per potermi esprimere al meglio nella valutazione dell’Uomo, seppur papa…

Il buon samaritano, Francesco, da bravo sagittariano (Sole in Sagittario e Ascendente Granchio ) con quel Plutone a fine Granchio in Prima Casa, seppur non congiunto all’Ascendente, ci dice che i suoi pensieri fanno parte di ragionamenti non proprio lineari, cioè non facilmente deducibili dalle parole proclamate: quindi se qualcuno, dato il Granchio all’Ascendente, crede che questo Papa possa essere una persona debole o indecisa o ancor peggio influenzabile, si sbaglia di grosso…!!  Plutone all’Ascendente o in Prima Casa, dice bene Faraoni (detto saturnello..), nello stesso segno dell’Ascendente è senz’altro un portatore di passionalità e creatività nel comportamento fino alla teatralità, grande intuito, forte magnetismo personale, capacità di comando, in una parola grande carisma, il tutto tenendo ben presente però anche la natura del segno che lo ospita,  che ne amplifica le caratteristiche di occultazione, di trasformazione, di segretezza, di chiusura e introversione, di aderenza ad una visione profonda del proprio ruolo, fino al fanatismo o al sacrificio…!! Un altro aspetto assolutamente importante del tema natale di Papa Francesco è la congiunzione del Sole con il Nodo Nord: questa congiunzione, dice ancora Faraoni, significa un accrescimento ulteriore delle caratteristiche del Sole, compensando tra l’altro, la mancanza di altri pianeti in segni di fuoco, e qui porta grandi doti di vitalità e di entusiasmo, forza morale e fisica, lunga vita, popolarità e potere…e, senza tema di smentita, mi sembra che ci siamo proprio..!! Tenendo conto che l’asse dei Nodi è tra casa VI^ e XII^, vediamo come siano messe in evidenza la casa del servizio e quella della solitudine, del ritiro, della privazione..,  oppure del servizio e dei luoghi chiusi e di sofferenza, ma anche l’asse del lavoro dipendente in Sesta all’opposizione evidentemente del lavoro imprenditoriale in Dodicesima: cosa questa da non sottovalutare nell’operato di Bergoglio come stiamo vedendo in questi anni di pontificato.. Dice ancora Faraoni, ed io condivido in pieno, con questa “nodalità” di nascita Bergoglio avrebbe potuto, con la presenza di altri pianeti, fare il medico, financo il terapeuta, invece eccolo sacerdote…: e, siccome il Sole non è solo congiunto al Nodo Nord ma anche a Giove, eccone la trasformazione in Papa.., come vuole l’esegesi gioviana..! L’Astrologia parla sempre con dovizia di particolari a saperne leggere le pieghe, anche le più sottili, quelle meno appariscenti. Nel tema di Bergoglio c’è molto altro che ho analizzato in altri articoli, cui vi rimando.., per capirne meglio la struttura della sua personalità.
In sintesi, siamo in presenza di una personalità decisa, con un forte carisma, in possesso di una direzione spirituale ben definita, quella decisamente gesuita, con un forte bisogno di comunione e comunicazione con il resto del mondo, che sembrando preferire una lettura pragmatica dei problemi, al dunque si mostra con modalità improntate alla semplicità e alla immediatezza, proprio come, a prima vista, quelle del buon padre di famiglia più che del capo assoluto della chiesa…; una valutazione ulteriore su questo atteggiamento corre l’obbligo di applicarla è il mio consiglio…, che poi in realtà gli appartiene abbastanza data la presenza di quell’Urano al suo Mediocielo in Toro (cuspide Ariete). Mediocielo in cuspide Ariete-Toro, tra l’altro, transitato in questi ultimi anni proprio da Urano stesso che ritorna sui valori di nascita del Papa, distribuendo la sua energia, tra l’altro, al quadrato di Marte (vedere il mio articolo in 3 parti sull’Ingresso di Urano in Toro) sulle ultime decisioni del Pontefice, perlomeno controverse, per certi versi sconvolgenti, stando alla liturgia del cristianesimo ortodosso della curia romana.., che, in qualche modo ne sta chiedendo la scomunica…, ufficiosamente scandalizzata dalle invadenti innovazioni bergogliane, decisamente anti scuola cristiana, ma ufficialmente, in realtà, sentendosi indebolita sia politicamente che economicamente, nonostante l’assiduo controllo di Parolin, un Capricorno Segretario di Stato, ultimo baluardo, se così si può dire, in parte, degli interessi curiali ..!! Inutile ricordare, a tal proposito, dato il riferimento alla crisi della Chiesa.. che le “stranezze” teologiche di Bergoglio stanno mettendo in chiara evidenza, che l’inquietante profezia di Malachia sembrasse accennare, e davvero lo fa, ad un ultimo papa “Caput Nigrum”, prima della fine della chiesa (una sorte di Apocalisse…): tutti gli esoteristi cioè, ma anche i semplici curiosi, chiaramente hanno pensato, come fosse logico pensare, peraltro, che l’ultimo papa potesse essere di colore…, (cioè un Papa negro, africano…ad esempio) senza ponderare che le profezie sono tali proprio perchè difficilmente leggibili solo per “direzione d’Arco”, direbbe un astrologo classico. Caput Nigrum può perfettamente significare, e davvero significa (data la politica religiosa di Bergoglio in questi cinque anni di governo), il Capo dei Gesuiti, altresì detto, il Papa Nero…!! Il che tradotto spiegherebbe la vera significanza della profezia: Bergoglio, il Papa Nero dei Gesuiti, sarebbe l’Ultimo Papa di santa romana chiesa…per come siamo abituati a conoscerla..ovvero per come sono abituati ad interpretarla i fedeli del cristianesimo..ormai agli sgoccioli..!!

Ora, come detto all’inizio di questo pensiero-articolo, volendo mettermi a ragionare con la mentalità bergogliana, cercherò di comprenderne gli schemi mentali per capire se stiamo parlando di un Papa o di un Gesuita che, come spiegai nel mio primo articolo all’indomani dell’elezione di Bergoglio alla soglia di Pietro, non sono proprio la stessa cosa..! A tal proposito stamane il buon samaritano così si è pronunciato in relazione all’aborto. Sua santità ha detto “abortire è come affittare un sicario” e, dal suo punto di vista, come dargli torto..? Interrompere la gravidanza, ha continuato Bergoglio con crudezza mortale, significa farne fuori uno e, senza alcun dubbio da religioso e credente qual’è come papa, certamente non può dire cose diverse da questi concetti seppur crudi e duri nella loro sintesi. Chiaramente, ragionando con lui e la sua mente, si può anche condividere, appunto, l’input altamente cristiano del Papa. Condivisibile, non c’è dubbio, se mi metto nelle sue vesti ma, sempre rimanendo nelle sue “sante” vesti francescane, mi chiedo e vi chiedo, chiedendolo indirettamente anche al buon samaritano, perchè questo dell’aborto è da considerare un omicidio brutale e violento e quello dell’abuso pedofilo non ha alimentato nella sua dinamica mentale toni così violentemente duri..: direi senza appello..?

Se l’aborto uccide nel fisico, l’abuso pedofilo uccide nell’anima.. caro Bergoglio: questo lo dico Io…Santità, senza tema di smentita alcuna, neanche la sua mi convincerebbe per quanto alta sarebbe la sua formazione religiosa rispetto alla mia chiave astrologico-psicologica.

Umilmente, Santità, penso che sarebbe bene che ci riflettesse su a questa mia affermazione per quanto proposta da una persona semplice, certamente vicina alla sua decantata povertà, e lei, come rappresentante della giustizia divina in terra dovrebbe essere il Primo a ridefinire il concetto di colpa in relazione alle sue sentenze così dure e decise in un senso e morbide e comprensive nell’altro. Inutile sottolineare che nell’azione dell’abortire ci possono essere mille con-cause, molte delle quali accettabili, per quanto si tratti sempre di un’azione pesante e violenta..!! Non uccidere è un comandamento divino che conferma la sacralità della vita umana, come dono di Dio, che nessuno, in nessuna circostanza, ha il diritto di togliere o manipolare o disprezzare: sono sue parole..!!  La povertà, la superficialità, la gioventù, l’inesperienza: le occasioni per abortire sono moltissime anche si si tratta sempre di una azione complessa sia fisicamente che mentalmente. Ma l’abuso pedofilo di ragazzi giovani e giovanissimi perpetrato da persone, tra l’altro, dedicate alla vocazione religiosa è delittuoso e senza alcun perdono possibile e plausibile..Non si tratta di una distrazione amorosa o di una relazione incestuosa casuale: l’abuso è violenza gratuita e consapevole agita, inoltre, contro chi non può difendersi, sia perchè giovane e inesperto sia perchè succube della presenza subdola e incombente di un prete nelle veci del Cristo.. chiamato spesso a testimone per confondere la coscienza del povero ragazzo sfruttato..e abusato. !!

Santità lei ha detto stamane queste parole su cui mi piace riflettere se me lo consente: “ma come può essere terapeutico, civile, o semplicemente umano un atto che sopprime la vita innocente e inerme nel suo sbocciare..?”, e poi rivolgendosi a braccio ai 26 mila fedeli presenti in piazza San Pietro, ha aggiunto, come se non fosse bastato il concetto precedente: “Io vi domando: è giusto fare fuori una vita umana per risolvere un problema..? Cosa pensate voi..? È giusto o no? È giusto affittare un sicario per risolvere un problema..? Un discorso eloquente.. senza alcun dubbio, Santità, che chiama le risposte già dalle domande: proprio come fanno le migliori forme di manipolazione psicologica..: se questa accusa così chiara per chi compie quell’atto nefasto, l’aborto, le consente, così semplicemnte, di chiedere un parere (se sia cosa giusta o meno…!) al popolo dei suoi fedeli, riunito a Casa sua (un bel gregge di pecore..silenti..e imbambolate..!!), io invece, forse insolentemente, parlo direttamente con lei, ne pecora ne lupo, parafrasando le sue stesse parole cos’ da non poter essere frainteso nella mia richiesta: ma come può essere terapeutico, civile, o semplicemente umano un atto che sopprime la vita innocente e inerme nel suo sbocciare..?  Io le domando, continuando a parafrasare le sue stesse parole: “è giusto fare fuori una vita umana per risolvere un problema, direi, aggiungendo di mio, “incestuoso” ? Cosa ne pensa lei Santità..? È giusto o no..? E semmai che differenza ci sarebbe tra gli orrori…commessi..? Nel mio piccolo, però, qualche differenza penso proprio di trovarla.., non fosse altro nelle differenti azioni in oggetto: una certamente per lo più inconsapevole, l’altra certamente e decisamente consapevole..!! Uno essere muore per non essere nato, l’altro muore per essere nato ….!! Muoiono entrambi, quindi, se vogliamo parlare di morte e soprattutto di omicidi chiamando in causa dei colpevoli: ma c’è chiara differenza di morte e di sentenza a sentire le sue oscuranti parole..così limpidamente recitate. Le ripeto, con le sue stesse parole, “è giusto fare fuori una vita umana per risolvere un problema…., di ordine incestuoso, aggiungo io”..? Chi risponderà…a questa mia domanda, il Papa Cristiano o il Gesuita..? Essendo già consapevole che il secondo, il GESUITA, è nettamente prevalente nell’anima del suo Cielo di nascita, Santità, con quella presenza plutoniana, certamente ingombrante, che ne condiziona non poco lo sviluppo per una sincera spiritualità che un Papa di “mestiere”, per di più di scuola gesuita, non può permettersi..!! Un Plutone decisamente ingombrante che sta consentendo il suo stravolgimento del cristianesimo, trasformamdone dal di dentro i principi cristiani fondanti per reinterpretarli in un panteismo iconografico ben aldifuori delle antiche leggi cristiane..! Siamo assistendo, questa è la mia previsione, ovvero, stando allo sconvolgimento plutonico in essere nel cielo di Bergoglio (Plutone in Prima Casa in Granchio in opposizione al transito di Plutone in Capricorno), siamo agli inizi di una completa rivisitazione del processo religioso secondo schemi completamente innovativi, ovvero siamo di fronte al processo di trasformazione dell’essere umano Bergoglio che in chiaro contrasto con i suoi doveri cristiani si adopererà per distruggerne tutti gli obiettivi…: siamo di fronte al crollo della Chiesa per come la si conosce..Si, direi senza dubbio, con quel cielo di nascita, Bergoglio è un gesuita, anzi è IL GESUITA, militare ribelle, che stravolgendo il principio cristiano, stravolgerà l’intero schema della Chiesa..e del Vaticano, costretti ad un pieno ridimensionamento della loro realtà storica politico-istituzionale cadendo in mano alla presa gesuita che non è proprio il massimo della religiosità; anzi penso che la sua organizzazione sia correlata ad un demone.., ampiamente travestito da angelo..!

…”E adesso vorrei dare la Benedizione, disse affacciato dalla sua finestra in Vaticano la sera della sua elezione, ma prima, prima, vi chiedo un favore: prima che il vescovo benedica il popolo, vi chiedo che voi preghiate il Signore perché mi benedica: la preghiera del popolo, chiedendo la Benedizione per il suo Vescovo. Facciamo in silenzio questa preghiera di voi su di me…

Si facciamola tutti questa preghiera..Santità…, ma facciamola sul serio.., che lei si possa redimere dallo sbandamento plutonico cui è sottoposto o, come ben valutai sin dall’inizio della dimissione di Rathzinger, che dica la verità vera della sua missione che non corrisponde alla missione per un rinnovo della cristianità ma per la sua fine..!!

Roma 10.10.2018                                             Claudio Crespina

 

Riguardo L'autore

Redazione Il Nadir

Il dr. Claudio Crespina, astrologo, filosofo, counselor psicologico-comportamentale e ricercatore nasce sotto il segno del Capricorno a Roma, una città così significativa e simbolicamente attraente, per i suoi continui richiami storici ed esoterici che credo superfluo e inutilmente ripetitivo spiegarne la grandezza e l’importanza.

Aggiungi un commento

Clicca qui per lasciare un commento

Monitoraggio Personale