Blog

GIOVE RETROGRADO IN TORO: UN NUOVO ORIZZONTE

alt* Da Giove retrogrado in Toro, fino a Dicembre 2011, possiamo trarre le seguenti osservazioni:

- La simbologia di Giove, il benessere nasce nella mente
- La cultura del segno del Toro, il significato dell'abbondanza
- Il significato di un moto planetario così importante come quello retrogrado

-1 Innanzitutto Giove è Zeus, il "nous" del pensiero giusto, della Saggezza. Tra gli dei dell'antichità era il più potente. Giove era in fondo molto umano, era nato come tutti i comuni mortali, questo si, ma a differenza di noi , oggi si direbbe “aveva i super poteri”, tra cui importantissimo quello di camuffarsi. Era immortale. spesso annoiato, dedito a feste continue e gozzovigli, quando non era intento a interferire con le faccende umane combinandone di tutti i colori. Sua era la benevolenza, ma anche il fulmine distruttore. In astrologia il pianeta Giove ha il suo domicilio in Sagittario e nella sequenza planetaria quando transita in Toro si interessa esclusivamente di questioni economiche, materiali, di possesso. La mitologia greca ci regala un bellissimo episodio delle avventure del Re degli Dei.

Leggi tutto: GIOVE RETROGRADO IN TORO: UN NUOVO ORIZZONTE

ZENIT-NADIR L'ASSE DELL'UOMO

IL MEDIOCIELO NON CORRISPONDE ALLO ZENIT

La prima teoria che e' stata proposta per spiegare la struttura dell'Universo e il moto degli astri e' stata formulata da Aristotele nel IV secolo a.C. Secondo questa teoria, tutti i corpi celesti allora conosciuti (la Luna, Mercurio, Venere, il Sole, Marte, Giove, Saturno e le cosiddette "stelle fisse") erano incastonati in sfere rigide concentriche rotanti in modo uniforme attorno alla Terra. Le varie peculiarita' dei moti planetari venivano spiegate attraverso complicati moti su circonferenze centrate su queste sfere. Le sfere celesti avevano la proprieta' di essere perfette ed immutabili. La teoria geocentrica rimase in voga fino al secolo XVI, quando l'astronomo polacco Niccolo' Copernico (1473-1543) formulo' l'ipotesi che fosse il Sole, e non la Terra, il centro dell'universo. Copernico sosteneva che la Terra e' un semplice pianeta orbitante come gli altri intorno al Sole. Qusta teoria prende quindi il nome di eliocentrica. L'ipotesi di Copernico era accompagnata da un accurato studio per spiegare il moto dei pianeti, ma incontro' notevoli resistenze nel mondo scientifico dell'epoca e delle maestranze religiose. La sua definitiva affermazione fu dovuta agli studi di Galileo Galilei (1564-1624) e alla dimostrazione che le orbite di tutti i pianeti sono ellissi, delle quali il Sole occupa uno dei due fuochi...Rimase famosa la sua abiura, pena le torture della "santa" Inquisizione..che riammise al centro dell'universo la Terra: questa era la scienza ieri ed è la stessa metodica che informa quella di oggi. In realtà nulla è cambiato in quel senso ed anche se non c'è più una "santa inquisizione" c'è il blocco usurpatore del cosiddetto buon senso comune che piega di fatto le libere scelte dei popoli obbligandoli a leggi assolutamente inadeguate e contrarie alla crescita dell'uomo e della sua coscienza, asservendolo alle esigenze di questa Elite monarchica e religiosa, statale e burocratica, che nulla ha a che vedere con la grandezza del'Uomo e della sua specie. Oggi, noi sappiamo che a sua volta il Sole non e' al centro dell'universo, ma e' solo una delle tante stelle della nostra galassia, e questa, a sua volta, e' solo una delle tante galassie che lo popolano...!! Pertanto mettere in discussione il discorso scientifico è cosa buona e giusta stando a cotanti fatti, tanto richiesti dalla scienza stessa a riprova della sua validazione: fatti però che essa stessa ha eluso nei secoli appropriandosi di un termine, Scienza, senza che questo risponda poi alle corrette sollecitazioni.

Leggi tutto: ZENIT-NADIR L'ASSE DELL'UOMO

Naviga verso:

Logica Astrologica 

Ultime dal Blog

Monitoraggio Personale sul nadir