Blog

ALIENI E DIO...!! QUALE VERITA'...

Trovato Teschio Alieno in Danimarca, il racconto shock.

15 luglio 2015 (ilGiornale.it)

Un imprenditore ha scoperto un teschio sotto una struttura in un’ isola danese di Sealand. Proprietario della proprietà era un macellaio di cavalli così si credeva che fosse un teschio di cavallo. Tuttavia, dopo essere stato pulito, il teschio si è rivelato per quello che era realmente, un Teschio Alieno.

Gli scienziati del College di Medicina Veterinaria hanno iniziato i primi studi sul teschio Alieno. Tuttavia, hanno concluso che per loro è impossibile svelare il mistero che circonda questo insolito cranio. Nel racconto ufficiale degli scienziati, secondo le loro analisi il teschio Alieno sarebbe simile a quello di un mammifero, ma le sue caratteristiche non corrispondono con la Tassonomia linneana.

Successivamente il teschio è stato inviato al Niels Bohr Institute di Copenhagen. Sulla base di un test di datazione al carbonio, gli scienziati hanno scoperto che il cranio è  antico quasi mille anni. Questo cranio proviene dal periodo tra l’anno 1200 e il 1280. Il sito è stato ulteriormente scavata per scoprire il resto del corpo, ma non sono stati trovati altri reperti.

Secondo alcune indiscrezioni del Niels Bohr il teschio fu lasciato lì nell’ultimo decennio o due. dall’Ordine di Pegaso Luce, clan neolitico fondato nel 1350 da membri famosi come Shakespeare, HG Wells e Thomas Jefferson. Si credeva che l’Ordine custodisse misteriose reliquie, tra qui questo teschio alieno.

Questo Teschio Alieno è più grande del cranio umano, con orbite molto più profonde e ampie, dalla forma orbitale. Le narici sono piccole rispetto alla normalità e il mento strettissimo. Gli studi condotti fino ad ora sembrano non lasciare altra possibilità oltre quella che esso sia appartenuto ad un essere extraterrestre, e custodito dall’Ordine per anni.  Il governo Danese ha inoltre stanziato 50 milioni per le ricerche sul teschio Alieno, sperando che entro il prossimo anno si possa capire qualcosa di più su questa particolare razza Aliena che sarebbe arrivata sulla terra mille anni fa.  (fonte: ilGiornale.it)

Ora la cosa interessante sta che di questo teschio se n'è già parlato abbastanza nel 2007:

Nel luglio del 2007, infatti, venne ritrovato un cranio nella zona di Olstykke, nelle isole Sealand, il quale però è rimasto stranamente ignorato o quasi (si parla sempre del cranio dello Starchild e pochissimo o nulla di questo). Venne dissotterrato mentre si stavano sostituendo in strada dei tubi di scarico e si pensò inizialmente fosse un osso di cavallo data la presenza di cavalli nella zona; difatti vi si badò con la errata importanza, anche se da lì a poco vennero trovate altre ossa di animali identificabili, asce di pietra e strumenti del neolitico. Una datazione al carbonio 14 presso il Niels Bohr Institute di Copenhagen ha mostrato che la creatura ha vissuto tra il 1200 e il 1280 d.C. (quindi non su tratta di un essere vissuto in quell'epoca). Inoltre, il cranio è stato trovato sopra dei tubi non troppo vecchi, e ciò è bastato a comprendere che non è stato seppellito se non dopo il 1900. La cosa che ha insospettito ulteriormente gli scienziati era proprio la mancanza delle ossa del corpo sul luogo del ritrovamento. Probabilmente si è voluto nascondere il segreto della sua esistenza e qualcuno, conservandolo per secoli, se ne è poi liberato pensando che seppellendolo avrebbe fatto la cosa migliore. I residenti del luogo però conservano una memoria storica di una leggenda locale, in cui si parla di un membro de L'ordre Lux Pegasos (l'Ordine della Luce Pegasus), il quale si ritenesse possedere un cranio misterioso e diversi dispositivi, composti da una luce straordinaria, anche se in metallo o ceramica infrangibile, di cui però non si conosceva l'esatto utilizzo. Questo cranio di cui la gente parla, pare arrivi dai Balcani, ma è stato probabilmente posseduto anche da qualcuno a Parigi e a Monaco di Baviera, prima di giungere in Danimarca...!! 

Ciò che si nota è un certo rispetto e forse anche il timore di far sparire questo reperto così misterioso, perchè bastava bruciarlo per ridurlo in cenere, evidentemente qualcosa di molto particolare lo lega a un certo timore di polverizzarlo e quindi, di renderlo introvabile...o no?

Il Teschio di Sealand è grosso tre volte e mezzo quello dell' Homo di Neanderthal, ha le cavità orbitali enormi, sintomo di un individuo che viveva probabilmente al buio, nel sottosuolo o su un pianeta che orbita intorno a una stella remota o debole, probabilmente una nana rossa o arancione. La liscezza del cranio, si presume, lo collega a paesi freddissimi e, non a caso si osserva che la stella 51 Pegasi nella costellazione di Pegaso è stata la prima stella simile al Sole nota per avere un pianeta collaterale. Pianeti in orbita intorno alla stella HR 8799 Pegasus furono i primi ad essere scoperti, e l'analisi spettroscopica di HD 209458 b, un altro pianeta, nella costellazione, ha fornito la prima evidenza di vapore acqueo atmosferico oltre il nostro sistema solare.
Direi che come teschio è un po' troppo atipico...mi riserbo i vostri commenti per delle ulteriori riflessioni...anche in riferimento alla ripresentazione della notizia sul il Giornale.it datata 15 luglio 2015..!!! Forse non avevano altro da scrivere...!!

Tutto questo per dirvi però che il fenomeno alieno è sotto controllo incrociato sia da parte delle autorità politiche di tutto il mondo ma soprattutto da parte delle autorità religiose, quelle legate alla cristianità vaticana, come dimostrato dalle famose dichiarazioni di apertura sulla più che probabile esistenza aliena di Padre Funes il direttore responsabile della "Specula Vaticana" rilasciate nel 2008. Non va mai dimenticata in questo senso la dichiarazione choc effettuata nel 2009 dal monsignor Balducci prima del congresso di Acapulco che addirittura ha citato dichiarazioni sulla presenza Ufo anche di Padre Pio. Ma su tutte va sottolineato, sempre per non dimenticare, lo straordinario incontro a Bellaria tra il monsignore, teologo vaticanense, e il famoso studioso di "cose aliene" Z. Sitchin. Incontro che avvenne esattamente nell’aprile 2000, nel quale Zecharia Sitchin s’impegnò a fondo in una discussione pubblica su quelle questioni, oggetto dei suoi annosi studi sulla progenia aliena, con uno dei teologi del Vaticano, Monsignor Corrado Balducci, durante una conferenza internazionale tenutasi a Bellaria (Rimini), in Italia. La cosa tra l'altro straordinaria di quell'incontro fu che si confrontarono un cristiano e un ebreo a parlare di realtà aliena..

Il cristiano: Monsignor Balducci, un teologo cattolico dalle credenziali impressionanti: un membro della Curia della Chiesa Cattolica Romana, un Prelato della Congregazione per l’Evangelizzazione dei Popoli e della Propagazione della Fede, principale esorcista della Arcidiocesi di Roma, un membro del Comitato di Beatificazione del Vaticano, un esperto di Demonologia ed autore di diversi libri. Scelto nel Vaticano per affrontare l’argomento degli UFO e degli Extraterrestri, negli anni recenti egli ha reso dichiarazioni che indicano una tolleranza di tali questioni; ma non aveva mai incontrato prima e non aveva mai avuto un dialogo con uno studioso ebraico ed andato al di là delle esposizioni prescritte, per includere il delicato argomento della Creazione dell’Uomo.

Lo studioso ebraico, Zecharia Sitchin: un ricercatore di civiltà antiche, un archeologo biblico, un discendente di Abramo…

La summa del'incontro, credo ancora reperibile su internet, sosteneva che Non siamo soli – non solo nel vasto universo, ma nel nostro stesso sistema solare; c’è un pianeta in più nel nostro sistema solare (Nibiru..!!), che orbita al di là di Plutone ma che periodicamente si avvicina alla Terra; “Extraterrestri” avanzati – i Sumeri li chiamavano Anunnaki, i biblici Nephilim – cominciarono a visitare il nostro pianeta circa 450.000 anni fa; e, circa 300.000 anni fa, essi s’impegnarono nell’ingegneria genetica per far avanzare gli ominidi della Terra e modellarono l’Homo sapiens, l’Adamo. In ciò, essi agirono come Emissari per il Creatore Universale – Dio...

Ora riflettete...  

                                                                                 Redazione del ilNadir.

UNA FRODE ANNUNCIATA...

Molti di voi lettori del ilNadir (il magazine online ALCHIMIE e soprattutto la prima parte dell'Esplorazione Zodiacale 2015 comprendente una introduzione "robusta" composta di ben 250pg) hanno potuto regolarsi appunto leggendo la mia analisi sul tema d'ingresso del 2015 dove era presente un potentissimo "Quadrato a T" sui segni fissi con la luna-popolo in Toro, come pianeta focale, quadrata da Giove e da Marte opposti tra loro, rispettivamente in Leone e Aquario. Lo Scorpione è il "segno vuoto" posizionato in II^Casa, opposto alla Luna in Toro in VIII^Casa (Vedere grafico). L'analisi astrologica dell'Ingresso del 2015, assolutamente impegnativa, data l'ampia e circostanziata valutazione metteva in risalto la dinamica forte di questo quadrato a T (incredibilmente non sottolineato da nessun collega. professionista o meno, che io abbia potuto leggere, tutti presi invece dalla dinamica dei segni mobili come protagonisti assoluti, secondo molti astrologi, dell'anno in corso) inscritto sui segni fissi e,

Leggi tutto: UNA FRODE ANNUNCIATA...

AVVISTAMENTO UFO NEI CIELI DEL NEBRASKA

Un oggetto non identificato, attraversa il cielo con una scia nera che appare nella parte destra dell'inquadratura mentre viene eseguita la ripresa da un auto in corsa. Il video è stato pubblicato nella pagina Facebook da KeriLeigh Shriver, una giovane donna, che ha chiesto informazioni su quella strana presenza che attraversa il cielo e di cui non si sa spiegare la provenienza. Nel video la scia arriva in prossimità di quello che alcuni individuano come un traliccio di corrente. Qualcuno ha idea di cosa potrebbe essere?

Questo avvistamento è diventato importante tanto che NTV, la divisione della ABC per il Nebraska ha pubblicato il video e afferma che si occuperà della questione "oggetto non identificato" e quindi approfondirà il caso. Per ora la donna non è riuscita ad ottenere una risposta convincente. C'è una spiegazione a tutto questo?

E voi cosa ne pensate??

LA REDAZIONE IL NADIR

ANNI 70: UN NETTUNO EVOCATIVO DELLA MODA ESTIVA 2015

Hot Pants, shorts e pantaloni a zampa sono i must have della moda anni '70 che ritornerà a grande richiesta nell’Estate 2015.
Gli shorts, diventati celebri grazie alle forme dell'attrice Catherine Bach, sono rigorosamente a vita alta e si accompagnano a camice colorate dal taglio svasato[...]
[...]Le abbiamo viste su quasi tutte le passerelle milanesi, come quella di Alberta Ferretti, Versace, Sasha Pivovarova, Pamella Roland, Balmain, Emilio Pucci, in tutti i materiali possibili.
Materiali trasparenti, o traforati, Sensuali e raffinati.

segue articolo

Il trasparente, il vedere, non vedere, illusione o verità, questo lo stato che porta il pianeta Nettuno a viaggiare tra le acque di mille colori e mille realtà della moda anni 70, tanto oro che luccica, bijous sfavillanti, ma come si dice spesso “non è tutto oro quello che luccica”.

Leggi tutto: ANNI 70: UN NETTUNO EVOCATIVO DELLA MODA ESTIVA 2015

WHIPLASH, UN SOGNO VIBRAZIONALE

« Non esistono in qualsiasi lingua del mondo due parole più pericolose di "bel lavoro" »

Whiplash, il titolo di un grande film, ma anche intestazione di un testo musicale, sudato, sofferto, espresso con mani ricolme di passione, per un amore grande: quello per la musica.
Sono parole di un uomo feroce: Terence Fletcher (insegnante del conservatorio), quelle pronunciate al protagonista, Andrew, un giovane ragazzo che sogna di diventare un grande batterista del jazz, ma la concorrenza è feroce al conservatorio di Manhattan, lo Shaffer, dove si esercita con accanimento. Noi siamo musica che vogliamo sentire, siamo strumento e nota, siamo nota e strumento, dove l'accanimento e la determinazione nel riuscire dove immaginiamo di arrivare, è soltanto un limite, ma il vero successo, non con gli altri, ma con noi se stessi, è superarsi, e superarsi ancora, laddove non crediamo nemmeno di poter arrivare. 


Le note che risuonano in questo ragazzo, attraverso le sue mani e il suo impeto turbolento, non sono solo date dal suo strumento, lui stesso risuona, e vibra con delle frequenze che alla sua nascita (Tema Natale) corrispondono ai suoi pianeti, e ogni qual volta che, le corde vengono toccate (transiti planetari), suona una musica diversa.
L’Astrologia si basa infatti sulle vibrazioni planetarie, e quindi su caratteristiche fisiche e misurabili: altezza, durata, intensità, timbro, proprio come la musica.
"I pianeti e le loro lune si comportano come corde vibranti" munite di casse armoniche capaci di risuonare tra loro su una nota fondamentale e sulle armoniche di ordine superiore e sulle subarmoniche (sotto multipli della nota fondamentale), cioè con risonanze sulle ottave superiori e su quelle inferiori. Questo è a dimostrazione che noi siamo parte di uno strumento musicale, dove i direttori d'orchestra sono i nostri "bellissimi" pianeti, con i loro colori, con le loro frequenze, con il loro infonderci stati di mente e di fisicità diversi a seconda del loro status.

 

La Redazione IlNadir

Sara Del Monte

Naviga verso:

Logica Astrologica 

Ultime dal Blog

Monitoraggio Personale sul nadir