VENERE "CAPOVOLTA"....

VENERE "CAPOVOLTA"...
 
 
UNA SIMBOLOGIA ARCHETIPICA DA APPROFONDIRE:
il moto..."capovolto" e il suo significato                                                       
 
Venere è il secondo pianeta in ordine di distanza dal Sole ed è anche il più vicino a noi. Spesso viene scambiato per una stella, o addirittura per un disco volante! Esso è visibile nelle vicinanze del Sole, per qualche tempo all'alba e per qualche tempo al tramonto. Il pianeta deve anche il proprio nome al suo aspetto attraente. A causa della sua lucentezza, questo pianeta e' stato dedicato alla dea della bellezza e dell'amore. In astrologia Venere rappresenta il fattore di germinazione, l’attrazione, l’armonia, la fertilità. Il suo metallo è il rame.  
Ad eccezione della Luna, Venere è l'oggetto naturale più luminoso nel cielo notturno; raggiunge la sua massima brillantezza poco prima dell'alba o poco dopo il tramonto, e per questa ragione è spesso chiamato la "Stella del Mattino" o la "Stella della Sera". Venere deve la sua luminosita' non solo alla sua vicinanza al Sole, ma anche al fatto che e' il pianeta piu' vicino alla Terra, quindi il piu' visibile. Inoltre il pianeta riflette il 70 % della luce che riceve dal Sole: la sua albedo e' la piu' alta di tutto il Sistema Solare. Esso e' infatti avvolto da una fitta coltre di nubi, che ostacolano la penetrazione della luce del Sole all'interno e la riflettono invece verso l'esterno.  Venere fu connesso per questa sua luminostà alla la dea della bellezza e dell'amore nell'antica Roma. La luminosità di Venere non è dovuta solo alla sua vicinanza al Sole; il pianeta è ricoperto da una spessa coltre di nubi, che riflettono esattamente ben il 76 % della luce solare. Tutti i pianeti riflettono una parte della luce del Sole, ma questo è il valore più alto di tutto il Sistema Solare. Trattandosi di un pianeta interno, quando viene osservato da Terra esso presenta delle fasi: la superficie del pianeta appare cioe' illuminata totalmente o parzialmente oppure del tutto oscura, a seconda della posizione relativa Terra-Sole-Venere.  Il pianeta ha dimensioni, massa e densità confrontabili con quelle terrestri. Tuttavia, mentre la Terra è il luogo ideale per lo sviluppo della vita, Venere è decisamente inospitale ....Infatti la sua atmosfera è composta per lo più di anidride carbonica e di acido solforico, un gas altamente tossico per gli esseri viventi. L'anidride carbonica è la maggiore responsabile dell' effetto serra, che è presente anche qui sulla Terra: i raggi solari che giungono al suolo non riescono ad essere riflessi all'esterno. Parte di questa radiazione, quella infrarossa, resta intrappolata al di sotto delle nubi e riscalda il pianeta.  Dato che l'atmosfera di Venere è molto più ricca di anidride carbonica rispetto a quella terrestre, il suo effetto serra è molto intenso. Inoltre il pianeta è vicino al Sole e quindi riceve una maggior quantità di radiazione. Per questi motivi su Venere la temperatura raggiunge i 475°C: una temperatura così alta da poter fondere un metallo, proprio come fonde i cervelli umani quando sono presi dai suoi tentacoli erotici..! Inoltre l'atmosfera è composta da elementi "pesanti", quindi la pressione atmosferica è molto alta. Essa raggiunge le 92 atmosfere al suolo, pari alla pressione che c'è a 900 metri di profondità in mare. Un astronauta che si trovasse sul pianeta verrebbe schiacciato immediatamente. Venere non possiede né satelliti né anelli. Il pianeta si muove intorno al Sole lungo un'orbita quasi circolare, alla distanza di 108 milioni di chilometri; una rivoluzione completa dura 225 giorni terrestri.
La rotazione di Venere è stata a lungo un enigma... Generalmente si determina il periodo di rotazione di un pianeta osservando un punto della sua superficie e misurando il tempo che impiega a ripresentarsi nella stessa posizione. Tuttavia la superficie di Venere è permanentemente nascosta dalle nubi, quindi questo metodo non si può applicare. Recentemente, i radar hanno permesso di scorgere la superficie, infatti le onde radio riescono a penetrare le nubi. Venere fotografata in luce ultravioletta dal telescopio Spaziale Hubble che consente di notare le nubi, che formano una serie di strisce parallele (HST). Quello che si è scoperto sul suo moto rotatorio è abbastanza insolito: le nubi hanno un periodo di rotazione di 4 giorni terrestri, mentre il pianeta ne impiega ben 243, cioè una rotazione dura più di una rivoluzione. Inoltre, entrambi ruotano in senso inverso rispetto a tutti gli altri pianeti del Sistema Solare. In termini tecnici, si dice che la rotazione è retrograda. Venere astronomica, il pianeta del sistema solare cioè, ruota molto lentamente attorno al proprio asse in direzione contraria a quella degli altri pianeti, rivolgendo alla Terra sempre lo stesso lato. Ciò significa che, se ci trovassimo su Venere, vedremmo sorgere il Sole ad Ovest e tramontare ad Est, al contrario che sulla Terra. Il problema della rotazione di Venere, (mi ha da sempre intrigato per trovare una adeguata simbologia analogica che non ho mai riscontrato nei numerosissimi libri, articoli astrologici letti in tanti anni), e' sempre stato molto controverso: abbiamo detto che  il pianeta e' circondato da una spessa coltre di nubi che ne oscurano completamente la superficie. Per la presenza di questa, che potremo definire come una spessa cortina fumogena, la superficie di Venere è osservabile solo da veicoli che vi atterrino sopra o mediante scansione con onde radar. Il pianeta non ha un campo magnetico rilevabile. Venere e le sue nubi hanno due moti di rotazione indipendenti tra loro ed entrambi ruotano in senso retrogrado (cioe' in senso inverso a quello di rotazione degli altri pianeti). Venere quindi ruota attorno al suo asse, inclinato di ben 177,36 gradi sull'eclittica, con un periodo di 243,16 giorni. L'insieme delle nubi ruota invece con un periodo di 4 giorni, cioè con velocità 60 volte maggiore rispetto al pianeta...Circa l'80% della superficie di Venere è formata da lisce pianure vulcaniche. Venere, si dice essere priva di acqua....! Probabilmente il pianeta possedeva un tempo mari e oceani come la Terra, ma la sua altissima temperatura li ha fatti evaporare e ora il suolo appare arido e roccioso. La maggior parte della sua estensione e' occupata da pianure desertiche. Il resto è costituito da due altipiani definiti continenti, uno nell'emisfero nord del pianeta e l'altro appena a sud dell'equatore. Il continente più a nord è chiamato Ishtar Terra, da Ishtar, la dea babilonese dell'amore. Il continente a sud è chiamato Aphrodite Terra, dalla dea Greca dell'amore: anche in questo aspetto "geografico" c'è rappresentata una netta divisione....che dovrebbe insospettirci come in realtà, anni fà, mi sono insospettito..indagando più a fondo.
L'astrologia, meglio la tecnica astrologica, a mio modo di vedere, anche in questo caso, non ha preso le giuste precauzioni, analogicamente parlando, cioè non ha dato un significato corretto del simbolo, trascurando eccessivamente questo particolare che a me è sempre sembrato determinante..anche per orientare il vero significato simbolico di Venere: non solo un ritmo d'amorosi sensi e di armonie sensibili ma anche un forte aspetto della dinamica sessuale e delle sue componenti emozionali, a vote decisamente dirompenti, (non per forza fonti esclusive in appannaggio di Marte), sistematicamente resa tabù culturale e nascosta ad una corretta lettura ancora oggi..nel XXI° secolo: press'a poco come fanno quelle nubi roteanati attorno a Venere: badate bene non sto dicendo che nella tradizione astrologica il simbolismo di Venere è stato staccato dal suo significato erotico, bensì vogio sottolineare che il concetto d'Amore idilliaco che essa rappresenta è anche il Non-Amore non-Idilliaco..con le tutte le letture psichiche, psicologiche, neuronali, fisiologiche che questa inversione dei poli simbologici contiene in se: lo shema e il suo capovolgimento; il bello/non-bello; l'Arte/non-Arte..ecc..  Anticamente, pensando che i pianeti fossero due, era conosciuta come Vespero, la stella della sera e Lucifero, la stella del mattino. Dai Greci era chiamata Afrodite, mentre per i Romani era "Venus" ed era considerata la dea dell'amore, della bellezza e della fecondità. La sua nascita è circondata da molte leggende. Secondo la mitologia classica si racconta che ella nacque dalla spuma del mare (afros in greco) dopo che Crono (Saturno) per detronizzare il padre Urano gettò i suoi genitali in mare. Secondo Omero invece Afrodite era figlia di Zeus (Giove) e di Dione. In astrologia Venere genericamente (troppo genericamente aggiungerei..) rappresenta il pianeta dell'amore e dei sentimenti ma evidentemente c'è nel simbolo venereo tutto il senso del processo di relazione umana e spirituale. La sua posizione alla nascita, ci viene detto dalla tradizione, è utile per capire il modo di esprimere i sentimenti e la loro profondità: rappresenta la vita affettiva di una persona e come questa viene vissuta. In un uomo la posizione di Venere indica il tipo di donna verso la quale è maggiormente attratto; in una donna fornisce indicazioni sulla personalità femminile e il tipo di uomo che ricerca. Ogni volta che ci occupiamo della bellezza del nostro corpo e del nostro spirito, o stiamo esprimendoci creativamente, o stiamo lavorando per creare armonia intorno a noi; ogni volta che ci innamoriamo di una persona, di una cosa o di un momento, oppure che facciamo qualcosa che ci piace veramente e fino in fondo; ogni volta che sentiamo di stare bene con noi stessi e di sprizzare amore da ogni poro della pelle, stiamo rendendo onore alla bella e sensuale Dea Venere-Afrodite. Gli astrologi antichi l'avevano battezzata "Stella dela Fiducia" perchè la grazia del suo Amore apre il cuore, lo dilata, generando nell'uomo un sentimento di comunione affettiva (Venere in Bilancia o Urania). In lei c'è la piacevolezza dell'armonia con tutte le cose, l'intonazione di quell'accordo magico su cui si stabilizza il canto del'universo..Governa ogni sentimento generato da un'abbondanza vitale, da un abraccio su cui si estende, generosa, l'esistenza. Anche nel suo significato più concretamente terraiolo, la tradizione ne legge sostanzialmente l'aspetto armonioso di fondo: Venere del Toro (Venere Pandemia) è sempre e comunque un simbolo costruttivo, gioioso, inesauribile alimentatore delle relazioni affettive, meggiormente passionali, le quali espandendosi (Giove) in tutte le direzioni, diventano elemento cardine dell'esistenza. I sensi, in questa dimensione della Venere terraiola, fanno da guida all'uomo che ama l'aspetto gaudente, estetico e voluttuoso di un particolare tipo di vita nella quale s'immergerebbe fino a dilatarsi eroticamente in ogni direzione, fermandosi, così facendo però, alla conoscenza del microcosmo perdendo di vista l'origine vera della sua stessa ragione di essere, collocata, come si sa, nell'identificazione con l'Unità di cui perde il senso e il significato: Eros, suo figlio peraltro, non riguarda solo il rapporto carnale fra due persone ma è la spinta vitale dell'esistenza stessa..si potrebbe dire quasi senza tema di smentita appunto che tutto è Eros.  L'esclusività della fruizione sensibile, letta in questo senso assolutistico, rischia però di accecarci, di limitare il nostro spazio circostante (veduta taurina: significatore dell'immagine in chiave fotografica, cinematografica..ecc..) circoscrivendolo alla bellezza dell'impatto immediato con ciò che ci circonda: questo è il caso per cui paesaggi, tramonti, amicizie, amori e avventure non sono più un mezzo di conoscenza ma dientano l'unico fine. La bellezza fulgida di Afrodite rapiva uomini e dei e, non è un caso che una dele sue mirabili rappresentazioni pittoriche è la famosa Venere del Botticelli la quale esce dalle valve di una conchiglia, che nel simbolismo cristiano, fa parte dell'iconografia mariana: la perfezione verginea della Venere-Maria, Madre del Cristo, figlio di Dio.  
La funzione di Venere, dice Lidia Fassio, analizzando l'aspetto più genuino, riguarda espressamente la costruzione dei fattori affettivi, parte importantissima per l’Io, fondamentale tappa nella vita infantile per giungere alla strutturazione di un senso di autostima personale, di un sano rapporto con sé stessi e con gli altri (armonizzare e relazionare) e di una capacità di riconoscere i valori interni che costituiranno i parametri individuali su cui si innesterà la capacità di scegliere. Tutte le potenzialità, (non tutte direi..), che questo pianeta ci offre derivano dalla semplice e magica parola “affetto” che è ciò che orienterà e dirigerà la vita fino a divenire “scelta”. In psicologia questa parola assume un’importanza straordinaria poiché sono proprio gli affetti vissuti sotto forma di bisogni, desideri e sentimenti che spingono il bambino ad entrare in relazione con qualcosa di esterno che, provvedendo a soddisfare i suoi bisogni, crea le basi per una gratificazione. La prima esperienza di “relazione” avviene nel bambino proprio attraverso questa funzione. L’incredibile sequenza di sorrisi, abbracci, di contenimento e rassicurazione che la madre fornisce al suo bambino sarà lo straordinario impianto che fornirà un’idea di relazione come di un “voler partecipare e voler scambiare” con un altro essere umano. Venere è il pianeta che permette di essere attratti dal mondo esterno e quindi di non restare fissati su di sé (insieme a Mercurio ha il domicilio primario in un segno d’Aria, elemento che ricorda il bisogno vitale di relazionare e scambiare): rappresenta la possibilità di rompere il guscio narcisistico, indispensabile premessa per rivolgere lo sguardo altrove; è la prima esperienza di interazione e seduttività che il neonato sperimenta cercando risposte ed accoglimento che stimolino il desiderio di stare in intimità con un “oggetto” a lui esterno. E’ provato, continua la famosa psicoastrologa, che i comportamenti seduttivi adulti sono costruiti sulla falsariga di questi primi approcci. I preliminari amorosi sono identici a quelli messi in atto nella prima parte della vita. Dice Freud nel Compendio di psicoanalisi: “occupandosi del corpo del bambino, la madre diventa la sua prima seduttrice ed essa fungerà da prototipo per tutte le successive relazioni amorose di entrambi i sessi”. Senza un adulto adorante e quasi corteggiante il bambino potrebbe non provare mai l’eccitazione di abbandonarsi alle relazioni umane e potrebbe restare fissato nella fase narcisistica. Proprio attraverso Venere noi iniziamo a sperimentare quel contatto umano profondo da cui scaturirà il desiderio di entrare in comunione con altre persone. Il simbolo venusiano a volte viene scambiato con quello lunare: in realtà, Venere rappresenta l’incontro con la parte del piacere e della gratificazione che giungono dalla relazione e alimenterà la strutturazione di quella funzione psichica che chiameremo “capacità di amare e di entrare in relazione”, mentre la Luna fornisce holding – protezione e nutrimento emotivo – creando quel senso di attaccamento che porterà a trovare dentro di sé la capacità di contenere le emozioni, di proteggerci dalle situazione distruttive (interne ed esterne) e di imparare a dar vita e far crescere. La Luna è molto legata al bisogno di radicamento e alla creazione di una situazione emotiva stabile in cui poter poi far nascere e crescere qualcosa che dia anche un senso di continuità alla vita. Venere è la modalità con cui abbiamo sperimentato la relazione e l’amore, ma è anche il senso di umanità condivisa e la voglia di scambiare con altri. Venere deve spingerci nell’età adulta a cercare nelle relazioni, qualsiasi esse siano, il senso di condivisione e di cooperazione, premesse indispensabili alla vera costruzione di un senso sociale che prenda in considerazione gli altri come esseri aventi uguali opportunità ed uguali diritti pur essendo tra loro molto diversi (passaggio dalla Bilancia all’Aquario e dalla settima alla undicesima casa).
A me beato sembra come un dio l'uomo che siede a tè dinanzi,

ed ode da vicino le tue dolci parole

ed il tuo dolce riso amoroso. E subito nel petto sbigottisce il mio cuore:

se io ti vedo solo un istante, subito la mia voce si spegne.

Mi si spezza la lingua, ed una fiamma sottile mi trascorre per le membra,

ed io non vedo nulla più con gli occhi; romban gli orecchi.

Freddo sudor m'inonda, ed un tremore tutta mi prende,

e più verde dell'erba io sono, e non mi sembra esser lontana dalla mia morte...

In questo ' carme lirico ' di Saffo ci sono quasi tutti gli aspetti che descrivono l'afflato venereo e le sue connessiononi e riflessioni sull'amore (Non-Amore) che si esplicano sostanzialmente nella relazione di coppia. C'è un'adesione immediata, che è una caratteristica fondamentale del simbolo di Venere: l'esperienza amorosa. Un sentirsi, di fronte alla persona che si ama, senza alcuna possibilità di resistere, un dire di sì a tutto quello che vediamo davanti a noi, privi di qualsiasi atteggiamento critico. La persona di cui ci innamoriamo ci cattura con una immediatezza che non troviamo in nessun'altra esperienza. È come se fossimo in uno stato ipnotico, nel quale la persona che suscita in noi la condizione ipnotica ci comunica qualcosa che forse abbiamo sempre sospettato di poter conoscere, di poter godere ed afferrare. Nel mito di Afrodite ci sono alcuni punti interessanti da analizzare, sostiene ancora la Fassio, psicoastrologa di chiara fama, a livello psicologico per meglio capire questo archetipo. Afrodite sceglieva sempre, non era
mai scelta: era lei che sfoggiava il portentoso cinto magico che la rendeva irresistibile agli occhi di chi desiderava conquistare. Venere, secondo me, incarna proprio il principio del piacere fine a sé stesso, ama per il piacere di amare, e a differenza di altre, sceglie ad uno ad uno i suoi amanti, non subendo mai le altrui scelte. Con il suo cinto magico, che indossa per sedurre chiunque lei scelga di amare, Lei fa dono della sua bellezza e del suo amore, senza altri scopi se non l’amore stesso. La sua gratificazione personale è legata al suo personale valore ed al fatto di scegliere, ed è proprio questo che la rende irresistibile, la sua autenticità. Lei infatti incarna l’amore, prima di tutto per sè stessa, poi verso gli altri. Afrodite, approfondendo l'Archetipo, non ama per compensare un vuoto, o per “sistemarsi” o per procreare: basta a sé stessa e nonostante le innumerevoli relazioni, ed il matrimonio con Efesto, ha l’energia di una single, tant’è che i suoi figli vengono allevati dai padri... Una chiara forma distintiva di questa parte dell'archetipo che la rende estremamente pericolosa agli occhi di uomini e donne più insicuri è che Afrodite non mostra nessuna indecisione nell’esprimere la sua attrazione e utilizza l’erotismo come strumento di seduzione. Lei non attrae per ciò che offre, come altre Dee e mortali più materne e compassionevoli di Lei, ma per ciò che è, e proprio questo suo essere sé stessa fino in fondo produce la grande attrazione. L’amore per Lei dunque può anche dare gioia agli altri, ma assolutamente non dipendenza. La dea non fa nulla per essere amata, bensì incarna l’amore, elargisce questo sentimento senza aspettarsi che arrivi dall’altro, come se permettesse all’altro di sperimentarlo attraverso Sè stessa. La compassione in un certo senso non le appartiene, persino nel rapporto con i figli. Gli uomini con cui si rapporta appartengono sia al regno delle divinità che a quello degli umani indifferentemente, ciò che conta è il suo desiderio e la sua scelta, che deve prima di tutto gratificare la dea che è in lei. Tuttavia, per colpire il cuore dell’altro e far scattare la scintilla dell’amore e la voglia di relazione, doveva rivolgersi ad Eros, poiché era lui che possedeva le frecce ed era lui l’unico che poteva lanciarle. Questo significa che tra il momento della vista dell’altro e quello dello scatenarsi del desiderio che prelude al sentimento, deve passare del tempo che, a livello simbolico, rappresenta lo spazio di “riflessione” in cui entrano in gioco la valutazione e la ragione. L’amore – ci dice il mito – esige riflessione; senza una necessaria valutazione delle reali capacità di accettazione di sé e dell’altro, non si passerà mai dallo stato di innamoramento a quello di amore e mai si arriverà ad una vera relazione adulta. Ecco perché Venere è un pianeta personale, perché ha a che fare con la conoscenza e con la coscienza: amare, attrarre l’altro significa aumentare il senso di conoscenza di sé poiché ciò che ci attrae è ciò a cui diamo valore ed è il riflesso di qualcosa di nostro che possiamo scoprire attraverso la relazione. Se c’è corrispondenza tra l’interno e l’esterno noi avremo gratificazione, aumento dell’autostima e senso di benessere e di identità; se invece ciò che attraiamo e portiamo a noi non ci gratifica significa che l’interno e l’esterno non corrispondono e che stiamo ancora valorizzando qualcosa che non ci appartiene, che magari viene valorizzato dalla società ma che non corrisponde ai nostri valori personali i quali, di conseguenza, saranno svalutati e denigrati. Il potere seduttivo di Venere è un gioco sottile e prezioso poiché ci spinge verso atteggiamenti e qualità che ci attraggono e di cui l’altro è assolutamente ignaro in quanto appartengono a noi; tuttavia saranno proiettati sull’altro che diventerà l’inconsapevole complice del nostro bisogno di conoscenza. L’amore, così come Venere lo intende, produce una spinta alla crescita con una modalità estremamente interessante: prima ci illude di trovare l’uguale a noi all’esterno, poi pian piano ci conduce verso le differenze (prima esterne e poi interne) e così ci aiuta a ritrovarci e a completarci, usando la relazione con un altro essere con l’intento di condurci gradualmente ad un vero senso di partecipazione al mondo, unica possibilità per ritrovare il senso di totalità perduto. E’ un ritorno all’armonia in piena consapevolezza e in piena libertà (cfr. A. Carotenuto)                                                    
Le simbologie di Venere

Il contatto affettivo con il mondo esterno 
La capacità di amare 
La capacità di amarsi 
La bellezza 
Il senso estetico 
L’armonia 
L’edonismo 
La piacevolezza dei modi 
La seduzione 
La sensualità femminile 
Il benessere 
L’atteggiamento nei confronti della salute 
L’amore per il prossimo e del prossimo 
Gli zuccheri 
La pelle 
Le ovaie 
I reni 
La vagina

 Esaltazione: Granchio 
Domicilio primario: Bilancia 
Domicilio base: Toro 
Caduta: Capricorno 
Esili: Ariete e Scorpione
 
 

A Venere, e in parte a Giove, ci dice con la solita eloquenza M. Michelini, spetta anzitutto la ricerca del piacere. Ma se il piacere regolato da Giove è soprattutto gastronomico-economico-rassicurante, quello di Venere è incentrato in gran parte nella sfera affettiva, territorio complesso e spesso minato. Venere, si sa, porta le gonnelle e spesso si scambiano le sue manifestazioni per l’intero essere della donna, semplificando e sbagliando. Venere è parte della donna, in particolare quella che vorrebbe attirare a sé l’amante-Marte. Ma c’è anche nella psiche dell’uomo, perché risplende pure nei temi maschili, è ovvio. Secondo una giusta definizione che circola negli ambienti astrologici, se la Luna rappresenta nel tema di un uomo anzitutto la madre e poi la moglie che si sceglierà, Venere descrive il tipo di amante vagheggiata, che non necessariamente corrisponde alla moglie… Come, nel tema di una donna, il Sole rappresenta prima il padre e poi il marito, mentre Marte è l’amante ideale. Se Marte è un pianeta attivo-aggressivo, Venere – pianeta suo naturale opposto – è passivo-ricettivo. Attenzione però a non equivocare sulla presunta passività di Venere e della femminilità in generale. Venere – non dimentichiamolo – non è solo amore ma è anche l’atteggiamento nei confronti della salute (che poi è sempre un modo di amarsi o meno a seconda di come utilizziamo il nostro equilibrio psicofisico). Si sa inoltre che quando si hanno problemi fisici seri la sfera affettiva passa necessariamente in secondo piano. Oltre che sani e di buon umore, una grande chance la si ha se si è belli o piacenti, e una Venere positiva, nel caso non fosse dotata da Madre Natura di lineamenti perfetti, sopperirà con il fascino e l’eleganza. Venere originaria infatti tende all’armonia e dona il senso del bello, soprattutto nel suo domicilio primario in Bilancia. Oppure ancora promette piacere allo stato puro, basandosi in gran parte sull’impero dei sensi, come fa in Toro. Oppure diffonde sentimento e sentimentalismo, talora eccedendo con la mielosità, come fa in Granchio. Non dimentichiamo che gli zuccheri sono regolati proprio da Venere. E lo zucchero fornisce energia e benessere, ma il suo abuso, come in ogni abuso, crea esiti distorsivi alla salute fisica del nostro organismo. Per dare il meglio di sé, Venere vorrebbe intorno un’atmosfera serena, dove non ci siano tensioni. Non illudiamoci che crei però dei santi, perché in amore tutti, chi più chi meno, se si dà qualcosa, si vuole altrettanto in cambio, anzi spesso si vorrebbe più di quel che si dà. Il piacere è un istinto egoistico, inutile raccontare balle, ma l’egoismo è in gran parte quello che fa andare avanti il mondo. Anche se spesso lo depaupera. lo uccide. 
Parlare concretamente di Venere e del suo archetipo profondo senza il suo opposto polare, Marte, non ha alcun senso, da qualsiasi ottica la si voglia affrontare la questione, che chi si occupa di Astrologia sa, o meglio, dovrebbe sapere obbligatoriamente, in quanto non si può mai parlare di qualsiasi cosa senza il suo contraltare: nulla è senza il suo opposto polare. Non c'è nulla nel fenomenico che non abbia il suo opposto polare ed è proprio questa la dinamica della vita mentale e fisica utile ad avviare i processi energetici del cambiamento e della crescita, valvola unica e determinante per ottenere l'integrazione, la tanto agognata coniunctio alchemica dei valori in campo che alla nascita, alle origini di qualsiasi "seme", animato o inanimato, sono immessi in una forma precostituita del duale, cioè vivono in se la separazione del Logos originale, vivono l'opposizione degli archetipi i quali nel cammino della crescita dovranno essere integrati alla coscienza..quindi riuniti nell'Uno, in realtà mai divisibile, per poter rivedere il giardino dell'Eden originario da cui siamo stati scacciati..Tanto è vero questo schematismo duale, che un certo modo di intendere astrologia, che poco mi appartiene, si sostiene, non scandalisticamente, (c'è nettamente di peggio...) che Marte rappresenta il polo Maschile e Venere il polo Femminile...Sembra corretto ma non lo è se si entrasse nel merito, perchè sembra separare, dividere i due archetipi senza una possibbile connessione che invece è alla base della loro interazione planetaria. Tutti e due infatti esistono nella psiche dell’uomo e della donna ma, la polarità cambia in base al sesso: l’uomo esteriorizza l’energia di Marte, L’uomo e Marte sono Centrifughi. La donna esteriorizza l’energia di Venere La donna e Venere sono centripete. Queste due energie sono evidenti ma meno marcate anche nel caso del Sole e della Luna. Esistono comunque come norma di sviluppo, perché, abitualmente, l’uomo si afferma personalmente attraverso la propria energia attiva, mentre la donna si afferma attraverso il raccolto; l’accumulo.. Ragionamento accademico questo così schematico che certamente non può collimare coi tempi che stiamo vivendo già da anni e che inevitabilmente subirà ancora delle profonde trasformazioni: non si può più parlare di atteggiamenti standard perchè i ruoli psichici, sopratutto, si stanno evolvendo dal loro antico tessuto, vissuto ormai come blocco psicologico imposto dalla famiglia, società, dalla cultura di appartenenza, ma l'individuo lo sta superando proprio con l'ansimare irrefrenabile delle coppie omosessuali ovvero per l'affermazione femminile in lavori decisamente maschili, come le responsabili militari, le donne soldato, le donne pilota d'areo o di vettura sportiva, le donne chirurgo, le donne di Potere e le politiche, in ultimo e non ultimo, e non sembra essere una provocazione le donne sacerdote..argomento in discussione da qualche mese nella curia romana agganciato dall'abilità intuitiva di Papa Francesco. Su un uomo, Venere rappresenta la sua femminilità latente. Marte rappresenta per una donna la sua maschilità latente. Tutti e due questi aspetti possono risvegliarli e il risveglio avviene anche attraverso il maschio o la femmina che una persona si trova davanti. La coppia che stabilisce un rapporto attraverso Marte e Venere, concentra l’attenzione più su dei valori personali che su dei valori e intenzioni della vita collettiva di coppia. I due vogliono esprimersi in funzione della situazione e dei loro bisogni “personalizzatii” sul piano psicologico ed emozionale e mal riescono a fondersi per un reale scopo comune. D’altra parte, quando c’è un contatto fra il Marte di un Uomo e la Venere di una Donna, si può contare su di una corrente di vitalità emozionale che va dall’uomo verso la donna. Questa corrente tende ad essere diretta ma inconscia. Il rapporto si nutre semplice e naturale, fondato sullo charme maschile e femminile, Il desiderio del maschio di esprimere i suoi sentimenti provoca una risposta personale da parte della femmina. D'altronde a livello biologico Venere rappresenta la chimica dell’amore-odio. A livello psicologico Venere è la risposta spesso istantanea a un bisogno personale-inpersonale. 
Venere, per quello che  abbiamo letto finora, sembra essere principalmente il sinonimo di Amore sublimato in arte o viceversa, comunque un archetipo di armonia assoluta legato ai principi di pace e fratellanza uniiversale che energizzano il nostro lato maggiormente sensibile ..però, come abbiamo letto più sopra, essa non è, non rappresenta solo una sinfonia amorosa, smielata, dove l'incanto d'amorosi sensi si attua senza preludere ad alcun blocco di freudiana memoria, dove l'intesa sessuale e sensibile si accoppiano meravigliosamente senza la benchè minima sensazione di possibile sterilità espressiva: Venere non è solo principio d'armonia... Riprendendo il discorso sul Mito, affrontato efficacemente dalla Fassio nella sua particolare versione di limpidezza amorosa, si capirà meglio inoltre questo concetto di ambivalenza venerea: Amore-Non Amore. Non odia in realtà non ama. Non è che sia priva di etica come in prima istanza potreste comprendere dalle mie parole: è che l’etica di questa irresistibile Dea non è legata alla morale...!!  E' determinante comprendere questa differenziazione di Venere. Afrodite simboleggia esplicitamente il desiderio di tutti noi di unione e di rapporti personali, come abbiamo abbondantemente compreso: in una casa, per scendere nel fenomenico astrologico, indica una sfera d'esperienza attraverso cui possiamo, nel modo più naturale, raggiungere un senso di pace, di equilibrio, di benessere e appagamento. Nel suo dominio viene stimolata la nostra capacità di apprezzare, amare ed essere amati. E' quì che arrechiamo piacere e dovremmo essere aperti a riceverlo, mostrando il nostro migliore stile, buongusto e considerazione per il prossimo. Insomma come si può comprendere facilmente questo lato del'archetipo rappresenta il centro dell'armonia universale senza se e senza ma..., però ad essere attenti e sopratutto a saper tradurre le immagini in sostanza, che poi è la decodifica, in qualsiasi ambito la appllicassimo,  un "ma" invece c'è...!!!  Proprio il Mito ci aiuta ad aprire meglio gli occhi, come sempre d'altronde, su un'altro lato (quello nascosto, -direi meno evidentemente ricercato-, dalle...nubi..roteanti l'atmosfera di Venere..!!!) psichicamente rilevante di questo archetipo che poi così limpido non è..., assumendo in Se anche il contrario, (il capovolto..) di Se. Come abbiamo sommariamente già letto Afrodite era la dea della bellezza e dell’amore, che i Romani identificarono con Venere. Secondo Omero era figlia di Zeus e della ninfa Dione, mentre secondo Esiodo era nata in primavera dalla spuma del mare (dal greco aphrós, schiuma), fecondata dai genitali di Urano, scagliati in mare da Crono, che si era ribellato al padre e lo aveva evirato. Appena la dea emerse nuda dalle onde, sopra una conchiglia di madreperla, Zefiro la spinse sulla riva dell’isola di Cipro (onde l’appellativo di Ciprigna, oltre a quello di Anadiomene, l’emersa). Era adorata come Afrodite Urania, simbolo dell’amore puro e celestiale, o come Afrodite Pandemia, la dea dell’amore sensuale: l'archetipo si scinde... Zeus, e non è un caso, la diede in moglie al deforme Efesto o Vulcano, ma concesse alla bellissima Afrodite di dare il suo amore a molti altri, mortali e immortali: ad Adone; al principe troiano Anchise, che la dea aveva visto pascolare le bestie sul monte Ida e da cui ebbe Enea; al dio Ares, il suo preferito (Adulterio fra Marte e Venere), da cui ebbe Armonia, Phobos e Deimos, e forse anche Eros e Anteros; al dio Dioniso o Bacco, da cui nacque Priapo, e forse Imene, Dio delle nozze, in onore del quale giovani e giovinette cantavano inni durante le cerimonie solenni dello sposalizio. Tuttavia il suo amante di sempre fu Ares, dal quale avrebbe avuto più figli anche se su questa informazione vi sono diverse versioni: Eros alias Cupido, cioè l’Amore (secondo un’altra versione nato per partogenesi), e Anteros, ossia l’Amore corrisposto. Dalla loro unione nacquero anche Demo e Fobo (il Terrore e la Paura), oltre che Armonia. Ma per quanto Afrodite venisse in qualche modo collegata al matrimonio e alla generazione dei figli, Ella in realtà non fu mai la Dea dell’unione coniugale, quale fu invece Era...che lei odiava. Venere, una parte consistente almeno dell'archetipo, rappresenta invece quella potenza che spinge un essere irresistibilmente verso un altro essere: l’amore passionale.  Raramente le venivano tributati sacrifici di animali, e mai di animali maschi. Le erano sacre le colombe e il mirto, la rosa e la mela. I più grandi artisti cercarono di raffigurarla, spesso con il figlio Eros (o Cupido), su un cocchio trainato da colombe. Tra gli artisti che ispirò ricordiamo soprattutto Prassitele, autore della celebre Afrodite di Cnido. I Romani la chiamarono Venere e la ritennero la progenitrice della gens Giulia, poiché aveva generato Enea. Non bisogna dimenticare quindi che Afrodite aveva lati meno piacevoli. In primis non poteva sopportare chi non era all'altezza della sua concezione dell'Essere. In funzione di tale principio così elevato di perfezione e armonia la casa di Venere può rivelare in realtà un'area di frustrazioni e delusioni quando la vita non si accorda con questi specifici ideali. In secondo luogo Afrodite, sempre lei, si potrebbe dire "odiava", in realtà "non-amava" chi pretendeva di competere con lei (non arriva ad odiare...): il capovolgimento non l'opposizione è nel suo moto contrastante il ballo del sistema solare planetario. Questa è la realtà analogica dell'archetipo venereo in astrologia. Umiliò di fatto la giovane e bella Psiche perchè riteneva aver oltrepassato i limiti imposti ai mortali ricevendo un'attenzione che si addiceva soltanto ad una dea (ovvero ad Afrodite soltanto..). Quando Paride fu chiamato a giudicare chi fosse la più bella tra lei, Atena ed Era, essa si denudò senza pudore per condizionarne la scelta...(una specie di concorso di miss Italia..): dov'è andata a finire l'esigenza di equilibrio, di armonia..? Addio equilibrio ma rivalità e invidia verso chi sembra meglio dotato di lei...in questa Venere solo apparentemente amorevole... Nella casa di Venere infatti c'è ben presente anche la seduzione, la manipolazione, il "dolce" inganno, le tante astuzie per raggiungere lo scopo (Afrodite, dice il Mito, che indossasse una cintura "magica" che aveva il potere di ammaliare e rendere schiavi gli uomini). Per meglio convincere Paride sulla scelta delle dee, gli offrì in moglie l'incantevole Elena, senza curarsi minimamente del fatto che fosse già sposata: ciò che contava era essere dichiarata la più bella. Il risultato che tutti conoscono fu la terribile e violenta guerra di Troia durata un'eternità. sconvolgendo la vita di migliaia di persone.. Siamo molto lontani dal principio dell'equilibrio e dell'armonia, dal piacere edonico della bellezza...mentre siamo vicini, molto vicini, al peggior istinto umano: la bassezza dei sentimenti nella vendita del proprio io/corpo per motivi futili, la manipolazione per ottenere i propri tornaconti egoistici... Le Nubi cominciano a diradarsi e si comincia finalmente a vedere l'archetipo nella sua interezza..Afrodite quindi, non solo armonia e equilibrio, può rovinare l'esistenza della gente...la manipola, la illude, l'ammala...  Non contenta essa incoraggiava il figlio Eros a colpire Plutone (rendiamoci conto che bestia andava a sfrugugliare...). Con una delle sue famose frecce colpì la giovane Persefone turbandone profondamente il senso della vita, perchè lei la riteneva troppo innocente e virginale: insomma agiva, pensava in se, per il suo stesso bene...!!! Quindi Venere e il suo archetipo rappresentano anche un certo grado di sofferenza e di conflitto, utile per riorientarci per un nuovo equilibrio..pronto ad essere di nuovo...squilibrato!!! L'eterno dondolio dei piatti della Bilancia, teso al riequilibrio continuo dell'Io (che così facendo non diventa mai SE....) assalito, sconvolto da lei stessa però, proprio nel momento dell'ottenimento...!! Archetipo quindi non lineare e sopratutto complicato da analizzare e da sintetizzare restando sui piani esteriori o, tutt'al più, cercando qualche spiegazione interiore, mai sufficiente a comprendere l'interezza se non si prova a sondarne il significato alzando tutti i veli da alzare e non solo quelli più facilmente accessibili: l'inganno di Venere consiste proprio in questo suo apparire una sempliciotta bella e frivola, allegra e contenta.. Non lo è mai neanche quando lo sembra maggiormente..(di attrici e di attori in questo senso ce n'è una fila lunghissima..). Spero di aver contribuito a diradare definitivamente quelle nubi che coprivano, sotto la loro coltre densa, molti aspetti contrastanti dell'Archetipo venereo che, come abbiamo visto, anche nel mito risulta essere controverso e "capovolto": Amore-Non Amore.. C'è un ambivalenza, c'è un doppio in quel moto ondoso contrario, "capovolto" in realtà come l'immagine speculare nell'iride umano o come quella che vediamo riflessa, ma al contrario, nell'acqua o nello specchio. Afrodite, e non è un caso, viene spesso rappresentata con uno specchio fra le mani. Lei si specchia e si piace, indipendentemente dall’altrui giudizio. Per questo anche nel mito più e più volte si scontra con la morale collettiva. L'etica di questa irresistibile Dea, il suo esprimere bellezza, non è legata alla morale collettiva né tantomeno a quella religiosa, bensì al senso del suo valore personale: ci trasporta ad esplorare il grande tema del rapporto con sé stessi e la propria interiorità, in altre parole il grado della nostra autostima. La sua bellezza infatti è qualcosa che va ben al di là del concetto estetico. La bellezza di Afrodite, ma ancor più della romana Venere, ha molto a che fare col concetto di armonia. Se per i greci questa armonia riguardava principalmente la perfezione delle forme, con Venere si parla di una bellezza interiore, legata all’essere veri ed autentici. Peraltro al di là dei suoi comportamenti amorosi, va riconosciuto che Lei, almeno interiormente, nel suo agire ama la chiarezza e la sincerità ed infatti tutto ciò che fa, avviene sempre alla luce del sole, anche se poi ne combina di tutti i colori.. Anche per questo viene definita la dorada, l’aurea, al di là dal fatto che era sempre vestita con oggetti d’oro per lei fabbricati da Efesto. (ampiamente cornificato ma consapevole..). Dunque il vero significato a cui può e dovrebbe condurci la “venerazione” per questa alchemica Dea dell’Amore, è lo scoprire sè stessi riflessi in ciò che si ama, per poi ancor più amare sé stessi, la vita, e l’amore...(cfr.M. Caregnato) ma spesso questo non avviene perchè non si comprende proprio questo processo "capovolto" che ne acuisce lo schema ambivalente dell'archetipo, legato indissolubilmente alla proiezione, ma non alla sua finalizzazione essendo solo il mezzo per ottenere il nostro vero risultato d'integrare alla coscienza gli opposti: scoprire se stessi in ciò che si ama...-e non fermarsi quì però, come purtroppo invece avviene nella stragrande maggioranza delle volte, nella nostra evoluzione bloccata psichicamente- per poi ancora amare maggiormente se stessi, la vita e l'amore che ne è principio primo informatore.. La persona di cui ci innamoriamo, si è detto, ci cattura con una immediatezza che non troviamo in nessun'altra esperienza. La caratteristica fondamentale è dunque un'immediata "partecipazione all'altro", con un carattere che potremmo definire compulsivo: il nostro 'investimento amoroso ci spinge coattivamente in una precisa direzione... Sotto certi aspetti è lecito parlare addirittura di "delirio divino", che è la dimensione dell'estasi. Ricordiamo le prime parole del frammento succitato di Saffo:  "A me beato sembra come un dio l'uomo che siede a tè dinanzi... ". Di fronte all'amato l'amante prova un 'senso di incredibile pienezza e, contemporaneamente, ha la sensazione di aver vissuto fino a quel momento in una condizione di privazione. Si esce dall'Amore-Io per entrare nel Non-Amore-altro ("convinti" pregiudizievolmente, in chiave psicoanalitica proiettivamente, che sia Amore-Io): si perde il proprio centro, il proprio senso .."rotatorio" per trasfondersi nel senso inversamente rotatorio dell'altro.. La funzione dell'amore sembra essere proprio quella di riempire un vuoto nella nostra esistenza e questa possibilità è testimoniata dalla sensazione di turbamento che ci provoca la vista della persona amata. È un turbamento particolarissimo, che implica uno spostamento di forze all'interno del nostro vissuto esistenziale. C'è qualcosa che si muove, qualcosa che non è altro che il poter catturare, il poter estrarre dall'altro una dimensione che permette di andare a coprire quel senso di vuoto che ha caratterizzato la nostra esistenza fino a quel momento..Ecco il più profondo simbolismo di Venere in chiave psicoanalitica: il poter estrarre dall'altro. La nostra esperienza sembra dirci che è qualcosa di esterno a catturare noi, ma la verità è che l'esperienza amorosa vive di ciò che accade in noi: sia in un senso che immediatamente nell'altro, che sorge simultaneamente, narcisisticamente rispecchiato al primo modo di sentire amore. Guardare l'oggetto del nostro amore significa ricevere qualcosa. Quello che io vedo ha significato perché evoca e muove all'interno di me stesso delle dimensioni importanti (cfr. A. Carotenuto). Si può anche dire che, da un certo punto di vista, l'altro non può essere classificabile perché s'implicherebbe la conoscenza dell'altro: nell'esperienza amorosa c'è qualcosa di incomprensibile. proprio perchè se n'è confuso l'archetipo venereo. Meglio, direi, non compreso appieno il suo dinamismo planetario sottovalutandone la potente chiave analogica. Per tutta la durata dell'amore i! nostro tentativo di porci di fronte a questo oggetto pieno di mistero e di fascino è in realtà il tentativo di farlo uscire da ciò che non è chiaro..per rimanere, noi inconsapevoli vittime, illusoriamente ambivalente...!! Io rimango innamorato fino a quando l'altro non è afferrabile nella mia dimensione spirituale. C'è qualcosa che mi spinge a interrogarmi sul significato di quel rapporto. L'amato diventa così una figura che spinge alla ricerca di una mia verità interiore: lo specchio di questo moto inusuale di Venere nel sistema solare
Proprio questa ambivalenza illusoria, che pochi mettono in conto quando analizzano l'archetipo venereo, è prodromo di un altro più congegnato significato del termine che si esprime dal legame analogico con quella turbolenza del moto contrario. Illusione che potrebbe raccontarsi semplicemente: sembra girare in un verso come tutti gli altri pianeti in realtà "appare" girare al contrario... Affermazione la mia che viene dallla consapevolezza che la sua orbita "appaia" non regolare..cioè è contraria decisamente al moto normale del sistema solare.., accoppiandosi tra l'altro, in questa spettacolare anomalia con Urano, che più che Uomo-Marito, Uomo-Compagno in questa accezione diviene un Uomo-Amante, fedele-infedele, costante-incostante..un Uommo-donna...!!  
La particolarità di Venere, in chiave astronomica, come si è visto, è senza dubbio il suo senso di rotazione. Tutti i pianeti del Sistema Solare, come si sa, visti dal polo nord del pianeta stesso, ruotano in senso antiorario, ad eccezione di Urano e proprio di Venere. Venere, infatti, ruota in senso del tutto opposto, orario. Tutti i pianeti si sono formati nello stesso modo a partire da un unico disco di polveri che ruota in un senso unico, antiorario. Come si può spiegare allora il fatto che Venere ruoti in senso orario? L’ipotesi più probabile vede questo senso come la conseguenza di impatti subiti dal pianeta. C’è stato un tempo, appena dopo la formazione del Sistema Solare, in cui erano sparsi per il sistema stesso molti corpi rocciosi che non erano riusciti ad aggregarsi come pianeti, e questi corpi venivano attratti dalla grande forza di gravità del Sole. Dirigendosi verso il Sole, questi corpi finivano per colpire anche i pianeti che incrociavano, tra questi, con buona probabilità, ci dicono gli astronomi, è possibile ci sia finito anche Venere. Alcuni di questi impatti hanno colpito Venere così violentemente da inclinare il suo asse di rotazione fino a capovolgere il pianeta. Quindi, Venere non ruota in realtà in senso contrario rispetto agli altri pianeti, ma è "soltanto" capovolto..!!! Quindi per analogia a questa sofisticata anomalia, il capovolgimento di Venere che è Amore non è l'odio (che è il suo opposto) ma il Non-Amore. Venere può non amare naturalmente: non crea, o meglio, non cerca solo armonia d'intenti e di amorosi sensi, anche perchè se così fosse,l'Arte, come in tutte le sue forme e le sue espressioni, che Venere interpreta simbolicamente nella lettura astrologica, sarebbe univoca e senza i necessari patemi di esaltazioni divergenti sia nell'animo che nella mente degli autori che disponendo, come tutti peraltro, di Venere la possono agire, aldilà del loro modo personale di vedere, in maniera assolutamente creativa cioè senza alcuna limitazione estetica che il bello in se non consente. La nozione di "bello" nelle sue diverse accezioni attraversa tutta la storia del pensiero occidentale, anche orientale s'intende, come concetto legato a valori estetici, logici, etici e religiosi. Il bello è definito come il piacevole dei sensi, l’utile o il corrispondente allo scopo, il buono, il vero, l’idea, il divino e la sua manifestazione, ma anche l’armonico e il proporzionato.  Nel bello, esteticamente inteso, l’intelletto scorge gli elementi dell’integrità, compiutezza e perfezione, la proporzione fra le parti, la consonanza con il soggetto, e dunque una particolare chiarezza ed intelligibilità: tutti valori di Venere. L’idea dell’eleganza come idea-guida viene anche mostrata dalla scienza moderna (ed eccone il suo capovolgimento). Nelle teorie di Maxwell, Bohr, Einstein, come quelle di tanti altri fisici, matemateci o scienziati, l’esigenza di curare l’aspetto estetico viene espressa nelle teorie, nel metodo e nella sperimentazione. Un esempio di questo atteggiamento, è testimoniato dagli scritti di Einstein, i quali cercano l’eleganza come espediente euristico, come impegno ontologico, come criterio di scelta teoretica, come elemento di stile e metodo, come fonte di soddisfazione intellettuale, come indicatore della razionalità e intelligibilità del mondo. Anche gli scienziati, dunque, hanno reso onore al “principio di eleganza”, associandolo a semplicità, armonia, proporzione, ordine ed unità, presentati quasi sempre in relazione ad una precisa convinzione circa la razionalità e l’intelligibilità del mondo. Gli scienziati si rendono conto che tanta bellezza risponde a criteri di simmetria e di armonia rappresentabile in termini geometrici o matematici, solo apparentemente senza vita estetica che invece hanno in se(in chiave capovolta), come sto cercando di dimostrare. Ulteriori esempi di eleganza e di bellezza nelle teorie fisiche sono quelli della teoria atomica di Bohr (1913), che era in grado di spiegare la complicata struttura degli spettri di emissione degli atomi "eccitati", (visione venerea...capovolta) in termini di una ordinata sequenzialità basata su un preciso gruppo di "numeri quantici". Sia le teorie ristretta e generale della Relatività, sia la costante ricerca di una “teoria unificata dei campi”, avevano origine da una precisa preoccupazione estetica per Einstein. Questa "splendida ossessione", è il caso di dirlo, non l’avrebbe più lasciato per il resto dei suoi giorni. Lo avrebbe portato alla sua conquista più grande, la relatività generale. Egli tentò più volte di elaborare teoria unitaria dei campi, una teoria capace, cioè, di unificare su una comune base geometrica i fondamentali campi allora meglio conosciuti: il campo gravitazionale e quello elettromagnetico. Nonostante lo sforzo di elaborazione teorica però, i risultati non furono quelli sperati. Egli stesso, infatti, disse: “La natura non si lasciò convincere a fare ciò che forse non è nella sua stessa natura”.  Indagando sulle affermazioni di Einstein, come ho fatto io in tanti anni per capire la genia pescina (limite e slancio), durante un periodo di circa quarantacinque anni di attività scientifica, si possono riconoscere un certo numero di aspetti collegati fra loro, che poggiano tutti su una medesima base ontologica, quella di vedere nella semplicità una guida speciale di ricerca, sia in termini di metodo che di principi. Nella sua opinione, le buone teorie dovevano avere un’origine “semplice”...,nonostante la loro complessità concettuale di cui ancora oggi in mlti non hanno compreso il vero significato: semplice e complesso, la faccia della stessa medaglia della Venere capovolta. 
Il bello artistitico, prncipio primo di Venere, vive in se l'incipit venereo assoluto, per cui lo si deve considerare tale anche nel caso eclatante, come dire "capovolto" appunto, della famosa esposizione dell'opera, considerata d'Arte, intitolata "Merda d'Artista", dell'autore italiano Piero Manzoni. Il 21 maggio 1961 egli sigillò le proprie feci in 90 barattoli di conserva, ai quali applicò un'etichetta con la scritta "merda d'artista" in italiano, inglese (Artist's shit), francese (Merde d'Artiste) e tedesco (Künstlerscheiße). Sulla parte superiore del barattolo è apposto un numero progressivo da 1 a 90 insieme alla firma dell'artista. Il Manzoni mise in vendita i barattoli di circa 30 grammi ciascuno ad un prezzo pari all'equivalente in oro del loro peso. La creazione non mancò di suscitare interesse, sia a causa della radicale rottura con la tradizione artistica del tempo che per l'evidente segnale di degenerazione e decadenza dell'arte moderna che era il leit motiv di quella scelta comunque artistica. A Milano, il 23 maggio 2007 nelle sale della casa d'aste Sotheby's, un collezionista privato europeo si è aggiudicato l'esemplare numero 18 a 124 000 euro: record d'asta mondiale per una delle 90 opere. Domanda: C'è o no Venere in questa esibizione..? C'è assolutamente...!! C'è la dichiarazione d'intenti del significato più profondo di Venere, quello nascosto dall'immagine diretta, capovolto, più ufficialmente analogico, sotto la coltre del bello estetico, del sensibile, e del puro armonico: la trasformazione, come proprietà trasparente, della capacità artistica senza soluzione di continuità..In Venere e nel suo archetipo c'è l'Amore con la A maiscula ma c'è in contemporanea anche l'Odio con la O maiuscola.. Niente è bello in se, niente è puro in se, niente è armonia assoluta..., perchè al suo interno c'è esattamente il suo riscontro, non l'ombra, il suo contrario e neanche: c'è una visone d'insieme sia amore sia odio, sia amicizia sia collera, sia belleza sia bruttezza, come immagini speculari continuamente intercambiabili.. C'è il capovoglimento dei sentimenti.. nonostante che ognuno di noi, in ogni momento della sua vita, crede di porci ragionare con questo archetipo, secondo i proprio criteri, senza comprendere che, se lo fa, lo fa da condizionato dalle tante variabili a cui è sotoposto quotidianamente: culturali, sociali, politiche, religiose, d'etnia, etiche, morali...ecc....certamente non in modo libero, scevro da qualsiasi sporcizia della razionalità residuale. Venere è un principio in cui l'estetica, l'armonia sono solo una componente apparente del complesso puzzle venereo che deve espletarsi attraverso i moti dell'anima, mai ingessato dai pre-concetti di rodine sociale, in cui in realtà può rimanere imprigionato anche per secoli...come la cuiltura dei popoli c'insegna da sempre..., ma, osservando proprio il mito, Afrodite ri-emerge o emerge dall'acque "capovolte", (prima sommersa poi emersa o prima emersa e poi sommersa...?), non necessariamente calme, non necessariamente mosse, del profondo e sinuoso mare..., dove la bellezza del quale sta nell'ipotetica immagine che rilascia di se: affascinante per qualcuno, terribile per qualcun altro. Mare, lo stesso mare che sentimentalizza e sensibilizza la sua immagine sia come irretente, magnetico, estasiata, ma altrettanto come violenta, spaventosa, insidiosa... Capovolto insomma, come l'immagine presente in qualsiasi cinepresa, o nelle sale di ogni cinema, che per poterne apprezzare appieno il senso, viene agita capovolta all'interno del segreto uterino della macchina da presa, per poi, miracolosamente riapparire, es-plodere nella sua interezza estetica, nella sua comprensibile eleganza, nel suo vero significato, lì davanti a noi sul telo bianco del cinema in perfetta sincronia visiva, nata o rinata, partorita però non da un'esplosione lineare ma da un'inversione dei ..."poli", esatamente quello che avviene nella "lettura" dell'occhio umano: un'immagine di vita e una di morte..., comuqnue legate all'armonia di Venere..che, secondo me, non ha in se il concetto del buono, del bello, per dirla in due parole.., come li possiamo produrre, diciamo ingenuamente, ma li esprime esteriormente solo dopo averli sintetizzati, "a testa in giù", nelle viscere dell'archetipo, esponendoli ad un primo grado di giudizio...che può o meno conformarsi col grado finale: bello è anche il brutto, come brutto è anche il bello.. L'occhio si comporta come la camera di una macchina fotografica, originando la formazione dell'immagine posteriormente, a livello della retina, eccitando la sensibilità delle cellule presenti che, attraverso il nervo ottico, raggiungono i centri mnemonici (i centri della conoscenza e della memoria nel cervello) a livello corticale: mediante associazione diretta si giunge a dare un nome a quanto si è visto, posto al contrario cioè capovolto, e si sta vedendo ora come se fosse stato trasformato. Mi sono domandato spesso il perchè di questa "inversione dei poli" fisiologica e Venere può essere la prima risposta.. Ecco, in Venere vive questa precisa dicotomia che essa diffonde nella sua non facilmente digeribile multidimensionalità, contorcendola, capovolgendola continuamente....esattamente in analogia al suo ribelle moto di rotazione. Vorrei aggiungere però, alla luce di quello appena scritto, che questi termini vivranno la loro completezza a seconda della disponibilità venerea ad espandere, come dire, la sua energia in vibrazioni chiaramente esaltanti e/o oscuramente esaltanti o viceversa.., come dire che a volte per amarsi si deve arrivare a discussioni furibonde (odio, disprezzo), che sono la forma-capovolta in quel caso di Venere, non di un Marte leso, come verrebbe a tutti di credere..perchè Marte vuole qualcosa in più di certe discussioni anche feroci: c'è sempre Venere anche in quella discussione furiosa, finalizzata comunque ad estrarre in ultima analisi amore sessuale o sensibile che sia..se amore c'è ovvero odio, capovolgendosi, se amore non c'è più..La vita decadente, passiva ed estetizzante sperimentata da certa Venere appare inoltre lontanissima dal mondo di oggi, caratterizzato da interdipendenza e globalizzazione e, non da ultimo, da un senso di precarietà che, mettendoci di fronte a problemi tangibili e concreti, allontana l’individuo dalla possibilità di ripiegarsi su sé stesso e disinteressarsi del mondo tipico di questa visione solo "caldo-umida" del'archetipo venereo.. Ma il romanzo venereo ha un altro motivo d’interesse: la carica vitalistica e sensuale di quelle che potremmo definire, parafrasando lo schema ritualistico dei racconti, le prime raccolte di versi, si è andata corrompendo: il sensualismo originale diventa lussuria, la disponibilità alle sollecitazioni sensoriali della natura diventa ricerca dell’artificio...in questo capovolgimento di Venere. La fonte originaria della tragedia, e quindi dell’arte, non è la ragione ma la forza vitale dell’esistenza, cioè la passione, la gioia, il piacere, la liberazione degli impulsi profondi, in una parola, la spontaneità dell’uomo. Lo spirito Dionisiaco è sempre in lotta con lo spirito Apollineo, presenti entrambi, capovolti uno sull'altro, in questo archetipo complesso, che rappresenta la ragione e la moderazione, il controllo dei sensi e della passione..e nel contempo la loro esplosione illogicamente svincolata. Un po come ci descrisse D'Annunzio che nel suo romanzo decadente "Il Piacere" libera l'imagine-estetica capovolgendola a più riprese: crea il mito umano, presente in tutta la sua produzione letteraria, tramite il processo del Piacere estetico legandolo all'ideologia del superuomo..; l'estetismo e l'eroismo a braccetto. Nell'ideologia del superuomo, affine al modello del filosofo tedesco Nietzsche, si fondono insieme un mito non solo di bellezza, ma anche di energia eroica e d'impresa: in D’annunzio, il superuomo rimase sempre "limitato" a nuove avventure erotiche e all’esaltazione della propria persona..Il superuomo, da questo punto di vista, assomiglia molto all'esteta, anche se se ne distingue per il suo maggior desiderio di agire: il superuomo si vuole elevare al di sopra della massa; è l'esteta attivo, che cerca di realizzare la sua superiorità a danno delle persone comuni e delle leggi della società..Cioè l'emblema dell'immagine capovolta di Venere che sembra sempre quello che vogliamo essa sia..ma in realtà non sappiamo mai veramente se lo è...!!! L'anima venerea si scinde, infatti, in ciò che è internamente e in ciò che deve essere in realtà, in ciò che è e in ciò che vorrebbe essere: l’immaginario di Venere oscilla tra la sensualità sfrenata, l'eros, l'istinto carnale e l’immagine rafinata, prettamente stilnovista, della donna delicata ed eterea..ma anche uomo. Una è Elena di Troia l'altra è la madre di Cristo... Non è nessuna delle due e lo è entrambi..con quel moto a ritroso capovolto nei suoi significati originari..o solo pensati..!!!  A riprova del mio presupposto vorrei ricordare che tra i filosofi che hanno riflettuto sull’Arte e sull'Estetica e i loro significati per l’uomo, un posto di primaria importanza è occupato da Kierkegaard e Nietzsche, (non proprio due primulette... spensierate..) i quali si sono soffermati sulla dimensione estetica dell’esistenza umana: il primo come una delle alternative di vita possibili; il secondo come valorizzazione delle forze vitali dell’individuo. In epoca più moderna chiamerei a garanzia del "doppio venereo" Marcuse che si è soffermati sul significato che l’arte assume per la vita umana e sociale , esponente illustre della scuola di Francoforte, in una delle sue ultime opere, “La dimensione estetica” (1977) Marcuse sottolinea che l’arte autentica ha costituito sempre l’estrema frontiera della sovversione del proibito; essa esprime un “estraniamento dalla società”, una negatività totale rispetto all’universo consolidato del reale, che si esprime con un linguaggio lontano dal linguaggio ordinario, perchè evoca l’assente, l’illusorio, il paradiso perduto della bellezza...Penso sufficentemente reso il senso dell'immagine trasparente, che è e non è, nello stesso istante e che anche la storia dell'Arte e la Flosofia hanno descritto mirabilmente, tramite i loro rispettivi ed eccelsi rappresentanti che hanno intuito questo "doppio ruolo" parlando dell'uno estraendo l'altro... senza un confine preciso delimitante il campo d'azione.. Il problema autentico che si pone, allora, è quello di “ri-sessualizzare” la persona umana, rendendole l’esistenza come un “gioco”, ossia come attività libera e creatrice basata sulla fantasia e la spontaneità...ma in questo modo, nonostante il fascino di una simile proposta, l'uomo non riesce a vivere questo doppio antico perchè continua a far finta di non ...vederlo come quel moto vorticoso coperto da quelle nubi riflettenti anima eterna..   

                                                                                                             Roma 13.11.2013

© tutti i diritti riservati  Claudio Crespina ilNadir                                                                                       

 

BIBLIOGRAFIA 

Gli autori e i Siti web di alcuni brani o concetti da me utilizzati  sono citati all'interno dell'articolo.
          

 

Naviga verso:

banner-logica-cosmologica 

Monitoraggio Personale sul nadir