Segni Zodiacali

Scorpione

S C O R P I O N E  Dal 24/10  al 22/11

NADIR in Scorpione – Zenit in Toro – Ascendente in Leone

 

In sanscrito il segno si dice VRISCHIKA, che significa colui che annienta per meglio ricostruire. il segno d’Acqua dello Scorpione introduce un nuovo aspetto della nascita, la morte-rinascita . L’acqua del granchio presiede alla evoluzione dell’entità, che si individualizza in Leone, si apre all’intelligenza della Vergine e al sentimento-intuizione della Bilancia. Questi quattro segni caratterizzano la fase propriamente “umana” del processo di manifestazione, al quale succede la fase trasformatrice dello Scorpione che tende ad orientare l’uomo verso il suo stato di superuomo o, come dice in modo appropriato Rudhyar: di “più che uomo”. Dal piano inconscio dell’universale, l’Entità discende al piano individuale dove prende coscienza dell’Io e del Non Io, sentimento questo, prototipo dell’aspetto di opposizione che genera la differenza vitale tra Materia e Spirito. Dal conflitto archetipo degli opposti nasce una certezza di una libera scelta relativa, e successivamente il desiderio di una maggiore libertà. Nello Scorpione, l’uomo passa attraverso la “prova iniziatica” che tenterà di “liberarlo” (a seconda della riuscita o meno) dal conflitto degli opposti e genererà la coscienza dell’Io universale. L’Uomo ha attraversato le tappe della vita manifestata nella materia densa, e in Scorpione, si accinge a significare una maggiore intensità e completezza della coscienza attraverso l’esperienza della “morte”: il ciclo vita-morte-vita o dramma dell’incarnazione, il mistero della morte-resurrezione, velato e/o svelato, da tutti i libri dei Morti in particolare da quelli Egizi. Scorpio ne è Osiride,(Plutone dei romani) prima Signore dei viventi, che tramite l’esperienza della morte diviene il Signore dell’Ade, rinascendo al giorno come Horus. La morte scorpionica significa l’iniziazione ad un’altra vita rispetto a quella alla quale mette fine: morte del corpo che rompe brutalmente i legami dell’entità umana e della sua anima con il piano della materia densa, cioè la dissoluzione dello stato di coscienza, legata al mondo illusorio sensoriale per poter finalmente “vedere” il significato puro. La complementarietà col Toro fà di queste Energie il principio di ricettività creatrice mediante il sacrificio: sono il polo negativo implicante la rinuncia o il sacrificio del processo che genera la vita. Il Toro però, riceve l’Energia positiva involutiva formatrice del’Ariete che lo feconda in funzione delle forme sensibili, lo Scorpione invece, presiede alla dissoluzione di queste forme, condizione necessaria per la fecondazione delle forme “sovrasensibili”, preparando il ritorno dell’Entità allo stato non manifesto. Il carattere fecondante dell’asse toro- scorpione si esprime anche sul piano fisiologico, in quanto asse della generazione sessuale preposta alla fecondazione del seme. Lo Scorpione, ottavo segno, quando si esprime attraverso il sesso, genera la vita fisica che conduce alla morte, la quale dà accesso alla vita dell’al di là, quando, invece, sublima l’energia sessuale, la trasmuta in quella dell’illuminazione in funzione della “Vita eterna”. Psicologicamente, lo Scorpione, presiede l’incarnazione del concetto di crisi: trascorrono periodo più o meno lunghi, in cui sono immersi in uno stato di vuoto che provano senza comprenderne la ragione. Lo Scorpione prova un’istintiva paura per la dissoluzione della sua persona, trovandosi nella, spesso tragica situazione, di essere tormentato da forze che non comprende per cui reagisce diffidando dei fenomeni inesplicabili oppure scettico si burla dei “fantasmi” ai quali finge di non credere, o ancora si avventura nell’irrazionale, spaventandosi dello scatenamento delle energie che egli stesso provoca e non sente di poter affrontare. Tutto ciò diviene crisi: è alla soglia di due mondi quello razionale che conosce e quello sovrarazionale che intuisce, ne constata la dualità senza riuscire a realizzarne la sintesi. Questo stato di cose tutte bloccanti lo fa rotolare nell’abisso. E’ il suo psichismo in continuo fermento che gli provoca lo stato “necessario” di crisi. (cfr. M.Senard)

 

NADIR in Scorpione – Zenit in Toro – Ascendente in Leone

Riguardo L'autore

Redazione Il Nadir

Il dr. Claudio Crespina, astrologo, filosofo, counselor psicologico-comportamentale e ricercatore nasce sotto il segno del Capricorno a Roma, una città così significativa e simbolicamente attraente, per i suoi continui richiami storici ed esoterici che credo superfluo e inutilmente ripetitivo spiegarne la grandezza e l’importanza.

Aggiungi un commento

Clicca qui per lasciare un commento

Monitoraggio Personale

News Cosmologiche