L'INIZIO DELLA NOTTE..IL SOLSTIZIO DEL 2017

E' INIZIATO, CON IL MASSIMO D'ENERGIA ILLUMINANTE, ALLE 05,24 (06,24 italiane) DI QUESTA MATTINA 21 GIUGNO 2017, L'INVERNO DEL MONDO...: L'INIZIO DELLA NOTTE...!!
LA LUCE COMINCERA' A SPEGNERSI GRADATAMENTE... FINO AL 21 DICEMBRE 2017 DOVE, NEL GIORNO PIU' CORTO, INIZIERA' DI NUOVO AD ESPANDERSI RIEMERGENDO DAL BUIO IN CUI SI ERA RINTANATA..., VOLENTE O NOLENTE ALDILA' DEL MOTO UNIVERSALE CHE NE SCANDISCE IL RITMO...


LOGICA ASTROLOGICA

L'I.C. (Incipit Cosmologico) del Sostizio si presenta a 7°37' del Granchio con la presenza della Terra (quel pianeta, cioè, che chiamiamo erroneamente Sole..) nella Dodicesima Casa o Settore che ne informerà astrologicamente, per tutta l'interezza del periodo, le movenze energetiche che si rifletteranno sui nostri temi natali, ad ognuno investendo in quel grado sunnominato, uno spazio zodiacale esclusivo, che esprimerà, è bene rendersi conto, un preciso significato interpretativo e previsionale assolutamente differente per ciascun individuo (pur appartenendo a segni zodiacali simili);

motivo per il quale nessun oroscopo segnosolare, nessuna oroscopia astromantica (fonti Tv, Radio,Riviste, Giornali ecc ecc..) può parlare di astrologia seriamente, può esprimere un qualsivoglia giudizio significante, riferendosi, quella indegna rassegna folcroristica, alla persona solo come un rappresentante di massa e non come individuo singolo. Come sempre sostengo, voglio ben precisare che la mia critica, questa critica, non è critica cieca, una forzatura tout court per questa tipologia di lavoro, che comunque rimane inferma e approssimativa: sostengo e affermo che C'E' MODO E MODO DI RAPPRESENTARLA proprio come, alcuni tra i colleghi e colleghe, riescono elegantemente e coerentemente ad elaborarne un versione attendibile, soprattutto avvisando i loro affezionati seguaci che si tratta comunque di una suggestiva immagine della realtà ma non della realtà astrale in essere..Avviso questo determinate, se si vuol parlare di Astrologia seriamente, che sin dagli albori del mio interesse astrologico ho cercato di estendere ovunque per chiarire quella informe deformazione di tale oroscopia malata, pagandone in termini economici un bel prezzo, nel rispetto della mia coerenza mai scesa a patti con la richiesta editoriale generalizzante e generalizzata: non vuole essere, ne è, questa una forma di autoelogio che non servirebbe a nulla, vuole invece sottolineare che sarebbe giunta l'ora di cambiare programma, quindi il mio "urlo" serve, o davvero servirebbe, a vivisezionare tutti coloro che continuano a fregarsene altamente del male che fanno a questa disciplina...!! Un Urlo continuato e tamburellante che dovrebbe scuoterne i loro necrotizzati neuroni cerebrali, semmai esistenti, ormai talmente compromessi, da essere inconsapevoli dell'altissimo valore racchiuso nelle segrete stanze del Simbolo che l'Astrologia rappresenta ab aeternum; un urlo, il mio, che vuole far leva, chissà..., sul possibile senso di colpa, come fossero degli incalliti assassini, di questi astromanti da strapazzo che da qualche parte del loro essere, io spero, dovrebbero avere un po' di coscienza..ancora intatta...Ma forse sono proprio un inguaribile ottimista che non sa guardare in faccia alla realtà che lo circonda.., d'altronde quell'Urlo si riferisce, per ci non lo avesse ancora compreso, alle sublimi sintonie energetiche di una disciplina dell'Uomo che in se è Scienza, la prima delle Scienze...La Scienza sublime del Tempo e dell'Uomo, scolpita nei millenni della storia del mondo e dell'universo in cui siamo immersi.

LOGICA ASTRONOMICA

Informiamoci con qualche piccolo riferimento astronomico...Per l'emisfero boreale - il nostro - quello del solstizio estivo è il giorno più lungo dell'anno, cioè, tradotto, il giorno con il maggior numero di ore di luce (oltre 15 per l'Italia). Fino ad oggi, dal Natale scorso circa, le giornate sono andate progressivamente allungandosi, da domani in poi andranno accorciandosi fino a culminare nel solstizio invernale, il giorno più corto dell'anno, il 21 dicembre 2017. A tal proposito, oggi, la durata del crepuscolo (l'intervallo di tempo prima dell'alba e dopo il tramonto in cui la luce del Sole è comunque visibile in atmosfera) sarà massima nell'emisfero nord, e toccherà un record nel circolo polare artico, dove il Sole trascorrerà gran parte delle 24 ore sopra all'orizzonte. Nell'emisfero boreale, il bagliore solare sarà visibile fino a un'ora e mezza dopo il tramonto. Che non necessariamente, però, sarà il più tardivo dell'anno: la questione si risolve in relazione della latitudine in cui vi trovate. Dal punto di vista astronomico, il solstizio - dal latino Sol, Sole, e -sistere, fermarsi, sostare - è il momento in cui il Sole raggiunge, nel suo cammino apparente lungo l'eclittica, il punto di declinazione massima o minima (massima, nel caso del solstizio d'estate). Il Sole culmina allo zenit, nel punto più alto rispetto all'orizzonte del suo percorso annuale. In particolare, il giorno del solstizio estivo (che quest'anno, come abbiamo visto, è il 21 giugno), in tutti i luoghi che si trovano a 23°27' di latitudine nord, i raggi del Sole a mezzogiorno cadono a perpendicolo. Il fenomeno è dovuto all'inclinazione dell'asse terrestre, la stessa ragione per cui abbiamo le stagioni...

Il tema dell’entrata del Sole, in realtà della Terra nel segno del Granchio, segna il tempo del Solstizio d’estate di questo 2017. La luna, suo governatore, è domificata nel segno di Terra del Toro, quasi a creare la classica zattera di salvataggio energetico di cui si avrò certamente bisogno data la presenza ingombrante di ammassi d'Acqua come più avanti vedremo nel dettaglio. Una Luna congiunta a Venere in XI^Casa al trigono trasformante con Plutone in Capricorno.., come vedremo nel grafico, alimenta passioni stravolgenti che dovranno però essere la fonte di nuovi inizi, sia fisici che mentali, aldilà delle parole, che, come si sa, se le porta il vento, in questo caso l'onda del mare...!!

IL SOLSTIZIO 2017 NELLA DINAMICA DELL'ASTROLOGIA QUALISTICA

In quel grado, in quel minuto, in quell'Incipit Cosmologico nascente a 7°37' del Granchio, esiste e si realizza il vostro esclusivo Solstizio 2017 che dovrete rielaborare correlandolo al vostro tema di nascita per comprenderne l'autentico significato individuale non estendibile ad altri quand'anche fossero del vostro stesso segno di nascita..: la Terra, non il Sole, celebrando il solstizio in questo preciso giorno (che differisce di anno in anno..) è entrata infatti in Granchio dando inizio all'estate del 2017 e animando, dandone vita, nel governo del segno della Luna, appunto il segno zodiacale del GRANCHIO, non Cancro, come dico e scrivo da sempre.

Fatto fermo il concetto ferreo delle regole "Qualistiche"dell'Incipit Cosmologico, le quali dicono che questa nuova energia si espanderà sulle nostre teste, con la dinamica della DODICESIMA CASA, settore dove troviamo inscritto nel grafico Natale il Sole-Terra (ancora espresso graficamente come Sole per mancanza di software che ne presentino una reale configurazione astronomica) che alimenterà quella precisa simbologia, estendendola, come significato archetipo docet, a tutti gli individui indistintamente: quindi, stando alla "qualistica" saranno, come dire, avvantaggiati, da questo tipo di nuovo "linguaggio" astrale coloro che già ne fanno uso abituale nel proprio tema di nascita; coloro cioè che abbondano di pianeti in dodicesima casa, di valori (Ascendente, Luna, Mediocielo, Stelium) pescini, di un Nettuno Dominante, di un Nadir in Pesci. Per aiutarvi nella tecnica di utilizzo dei nuovi schemi interpretativi, come sanno coloro che hanno seguito i miei corsi, questo preciso I.C. si dovrà tradurre con il concetto delle "Case Derivate" per ciò che riguarda la sua domificazione in Dodicesima (come si dice astrologicamente "in Mundo") e con quello della Rivoluzione Solare per la sua collocazione zodiacale (...in Zodiaco) in relazione al Granchio.

LA LEGGE DELLA DODICESIMA CASA (in Mundo): GLI STRUMENTI DISPONIBILI DA UTILIZZARE E I SUONI CHE EMETTONO. AGIAMOLA IN PRATICA (bando alle ciance..)

Molti di noi, soprattutto coloro "marchiati" in questi anni dai Segni Cardinali (Ariete,Granchio, Bilancia e Capricorno) e dai conseguenti "valori" (Ascendente, Mediocielo, Luna, Nadir, Stellium)sono alla ricerca di un significato più profondo della vita,stanno infatti cambiando lavoro, terminando vecchie relazioni, iniziandone di nuove, trasferendosi in luoghi nuovi, affrontando dure prove sul proprio cammino: so che è così per molti di voi, inutile negare..!! Tutt’intorno si assiste a gente comune che pone domande, esige risposte, e richiede una maggior responsabilità ai propri governi, alle chiese, e alle grandi istituzioni che detengono il potere e dal quale sembrano sfuggirne, fornendosi di nuovi regolamenti inventati ad hoc e non compresi dalla popolazione resa maggiormente inerme se possibile...I vecchi punti di riferimento culturali, politici e religiosi, sembrano non essere più validi: se ne avvertono i limiti, si percepisce una spinta ulteriore ad andare oltre. In sostanza, un’espansione di coscienza sta investendo il globo, stimolando l’umanità a livello cellulare affinché si risvegli: questo potrebbe essere il senso di questo Solstizio Estivo 2017 che si apre al mondo designando il Granchio come suo fedele segno di riconoscimento zodiacale, maggiormente rafforzato dall'Incipi Cosmologico ancora presente nel Granchio.C’è, ed è incontestabile, un immenso cambiamento vibrazionale sulla terra,e proprio a causa di esso, assistiamo ad un’accelerazione degli schemi di comportamento degli esseri umani, sia in positivo che in negativo: soprattutto quelli segnati nel proprio tema dai valori "Cardinali" suddetti Stiamo assistendo ad un marcato aumento del negativo, o meglio di ciò che siamo abituati a considerare negativo. Che sarà sempre più forte, fino a quando tali schemi non saranno elaborati e finalmente rilasciati dall’essere umano. Molti si stanno chiedendo. chi più chi meno opportunamente, quale possa essere la forza motrice dietro a questi grandi eventi su scala mondiale? La risposta come sempre è inscritta nel dialogo dei massimi sistemi stellari: questo scenario di fortissimo cambiamento epocale (visibile ormai ad alcuni, ma ancora per molti tra noi tutto da dimostrare...) viene trainato da potenti vibrazioni di onde di Luce planetarie che stanno continuamente bombardando il nostro sistema solare e il piano terrestre in particolare, dopo l'entrata in contatto di Plutone, la soglia dell'infinito conoscibile, con la fonte suprema della nostra Galassia: il Centro Galattico, vera motore universale da cui dipendiamo direttamente.
Grazie o per causa, a seconda dei punti di vista, che poco contano, come si può comprendere, per un obiettivo universale da raggiungere, di quella congiunzione Plutone-Centro Galattico, avvenuta a fine 2006 e per tutto il 2007, la Terra iniziò il suo trasferimento sovradimensionale che con l'attuale transito di Saturno, la soglia del finito conoscibile, sta definendo il suo passaggio ad un differente livello di vibrazione: molti veggenti, anche profeti dell'antichità, parlano del transito da una terza ad una quarta dimensione. Si può dire, per parlare un neo linguaggio spiritualistico che l'umanità stia ancora immersa nella sua terza dimensione, se per terza dimensione s'intende il nostro ristretto orticello egoico: l'Ego..appunto e le sue limitazioni farneticanti..!! La consapevolezza di un uomo medio oggi, in questo senso di fatto si trova nella terza dimensione che al dunque è la dimensione della realtà umana con tutte le sue note limitazioni. Questo livello è dominato soprattutto dall’ego, quindi l’uomo, a questo livello, è abituato a considerare ogni cosa dalla prospettiva limitata del proprio “Sé personale” che non sa e non vede neanche minimamente la sua possibilitò di estendersi all'IO..il vero passo che lo renderà veramente individuo pensante..”. Questa, diciamo, "terza dimensione" è quindi legata ad un livello di consapevolezza piuttosto limitato. Stiamo cioè ancora sperimentando un livello di separazione, dove non c’è coscienza di Unità,viviamo la separazione a tutti i livelli: bene/male, maschile/femminile, bello/brutto, alto/basso, bianco/nero ecc. In realtà, noi siamo tutte queste cose contemporaneamente.E’ nostra malsana abitudine, soprattutto delle nostre Governance politico-religiose, quella di pensare a noi stessi in termini esclusivamente materiali, vediamo solo il corpo fisico e pensiamo di essere soltanto quello.. In verità, ed è questo il senso primario della trasformazione che dovremmo applicare, noi possiamo ritenerci a pieno merito delle entità spirituali, siamo delle anime, siamo energia pura, siamo Amore incondizionato che viene spezzato all'atto nascente dal taglio nefasto del cordone ombelicale che ci getta nell'inferno del mondo materiale sin dal primo respiro..Il cambiamento vibrazionale in atto, provocato, come detto, dal moto incessante dei due "Guardiani della soglia", Saturno quella del conoscibile e Plutone imperante sull'inconoscibile, non a caso entrambi battezzati in questo tempo dalla vibrazione Unica e Irripetibile del C.G., sul dinamismo terrestre (piano dell'Orizzonte di ognuno), pone gli esseri umani di fronte alla scelta di compiere o meno un percorso evolutivo, smossi come sono ormai da un decennio dalle forze Cardinali che sono alle origini di ogni cosa..che sia degna di essere considerata. Questa evoluzione non avviene tanto per ragioni mistiche o religiose, ma per ragioni energetiche ben precise. Con l’innalzarsi della vibrazione terrestre, l’aspetto fisico, psicologico e mentale delle persone si deve adeguare, la vecchia convinzione, la vecchia conoscenza non basta più (Plutone è lì per spazzarla via definitivamente..., promuovendo come Araba fenice docet, qualcos'altro che sta nascendo, quando il CG entrerà, fra circa due secoli in Capricorno, secondo la mia visione...che si muove in senso antiorario rispetto alla forzante conoscenza della tradizione astrologica senza alcuna base di riferimento confrontabile..!) poiché tutto ciò potrebbe portare come conseguenza estrema, anche al totale sconvolgimento, alla follia del genere umano: cosa questa da non ritenere impensabile date le notizie che si rincorrono giornalmente sui media prezzolati peraltro dalla corruzione di certo Vecchio Potere...ormai agli sgoccioli. Questo periodo di cambiamento, come è immaginabile, si rivela, o meglio si sta rivelando, per alcuni troppo difficile da affrontare coscientemente, e quindi molti scelgono la morte, la malattia, la tossicodipendenza o la fuga, l'autoinganno come mezzi per evitare questo mutamento di coscienza. Motivo fondante questa debolezza di base, per il quale questo Solstizio si presenta con la vibrazione energetica della XII^Casa..
La parte più importante e rilevante di questo cambiamento, è il ritorno al perfetto funzionamento della coscienza etica, sia collettiva che individuale. Infatti, oggi, uno dei compiti principali dell’umanità consiste nel lasciar andare l’odio, l’invidia, l’orgoglio, la presunzione, il rancore e tutte le altre aspirazioni inferiori, per entrare in una nuova e autentica dimensione del CUORE e del contatto con il proprio "divino interiore" a noi appartenente, aldilà dei coinvolgimenti pseudo-religiosi che ci condannano, senza via di scampo, alla unica dannazione possibile non considerandoci esseri spiritualmente divini, alimentandone solo la nostra separazione. Proviamo ad immergerci nel significato della Dodicesima comprendendone limiti e doni..

LA DODICESIMA CASA

È chiamata la Casa dell' "Eccelso", di ciò che esce dall'ordinario, dallo schematico, dal consueto e rifiuta le limitazioni del finito per entrare nel regno inesplorato dell'infinito e del suo sublime ritmo. La tradizione, non senza ragione, ce la presenta come un settore legato ai sacrifici, alle rinunce, alla vecchiaia, alla clausura, alla priginia, all'ospedalizzazione. Nelle sue espressioni più estreme si spiega come la casa del suicidio, dei vizi, dei nemici nascosti..!! In essa si esprime il rallentamento del processo vitale, tramite tutte quelle forme connesse alle malattie, alle infermità croniche, alle prove materiali e morali che la vita ci propone. Essa è cosiderata, non a caso, la casa delle grandi prove in quanto è associata ai periodi di isolamento (forzato o volontario), ai soggiorni in ospedali o case di cura (corrisponde appunto anche alle malattie croniche, difficili da curare, che richiedono l'ospedalizzazione o il ricovero in case di cura), in prigioni, nei montasteri e in qualsiasi luogo di ritiro, non necessariamente espiatorio..(cfr. Astrologia archetipica Sistemica).

A questo tortuoso elenco, sostanzialmente vessatorio, del significato simbolico della Dodicesima, si può e si deve aggiungere, però, un altro aspetto fondamentale della traduzione simbolica di questo settore zodiacale che spesso viene disattesa dai consueti e conosciuti libri didattici: mi sto riferendo a quel preciso motivo strutturale chiamato "TRASFORMAZIONE"...La Dodicesima, come abbiamo visto, legata in un certo senso alla fatalità, indicante motivi pesanti da saper coniugare nel vissuto del proprio quotidiano, sa però vieppiù esaltare, unica nel suo genere, toccando corde animiche non visibili ai sensi, anche una grande vocazione ad aiutare gli altri, sa svelare una profonda evoluzione interiore, connettendosi con naturalezza con la capacità introspettiva: consente alla Pineale di esplorare i mondi sottili dei campi energetici che ci coinvolgono, alimenta le intuizioni consentendo le tipiche visioni di chiaroveggenza. Motivo questo per il quale è considerata la Casa delle "Vite Passate" e, per certi studiosi, maggiormente spirituali, quella della provenienza karmica, la casa della purificazione e della privazione. La Dodicesima casa rappresenta, come sappiamo, l'ultimo stadio del cerchio zodiacale e pertanto si può definire la "Casa degli orizzonti più vasti"...aperta ai mondi sottili come vuole la sua comprensione profonda. In questo settore specifico l'individuo si confronta con il suo destino: vede e sente i suoi punti deboli, dove non ci sono, pur esistendo, ben riparati, i nostri possibili autoinganni che la dinamica psichica non sa riconoscere apertamente, creando, intimamente, tutti gli schemi dell'inganno (anche se nei fatti si praticano al'esterno..!!), ed ecco manifestarsi, come fossero fulmini a ciel sereno, le grandi prove della vita, le mille tentazioni delle numerose vie di fuga, le estenuanti risalite..!! Nessuno però dice, di quegli eccelsi autori della tradizione e della letteratura astrologica "moderna", come poterne venire fuori, in quale modo poterle superare queste prove della vita...: nessuno, o pochissimi, infatti ha compreso che in quello stesso settore c'è la risposta per averne ragione, per poter agire la dinamica astrologica anche in fase di ritorno, qualisticamente parlando. Se è vero, come è vero, che ogni flusso legato al messaggio astrologico, ogni piccola parte della struttura astrologica, ogni paradigma in essa ancorato si basa sulla antichissima regola della "Tavola Smeragdina" che recita così: "Ciò che è in basso è come ciò che è in alto e ciò che è in alto è come ciò che è in basso per fare i miracoli di una sola cosa. E poiché tutte le cose sono e provengono da una sola, per la mediazione di una, così tutte le cose sono nate da questa cosa unica...". Il che sta ad indicare che c'è in atto un continuum del moto universale, un andirivieni energetico secondo il quale se sussiste una forza attiva a destrutturare la realtà agendo dall'Alto (Cielo-Pianeta) verso il Basso (Terra-Uomo) ne deve corrispondere un'altra che dal Basso-Terra si spinga verso l'Alto-Cielo. Ecco questa seconda fase della relazione è stata ampiamente disattesa dalla conoscenza didattica astrologica, non consentendo i giusti recuperi all'uomo che invece, essendo parte integrante del movimento universale, ne può assolutamente usufruire senza rimanere inebetito dalle potenze esterne incombenti sulla sua testa, sul suo destino..che in Dodicesima sembrano essere fagocitanti, così potenti come vengono descritte... La risposta, con la mia Scuola, quella del ilNadir, invece esiste e si chiama appunto TRASFORMAZIONE. La Dodicesima, sappiatelo, parla infatti anche di capacità trasformativa, proprio come avviene quando il bruco diviene crisalide e quindi farfalla noi possiamo accedere ale istanze del cambiamento caratteriale, comportamentale e d'indole se, come l'acquisizione di un nuovo linguaggio, ci applichiamo per rendere possibile questo processo non rimanendo ingessati nelle nostre, ormai sclerotiche, vecchie convinzioni. Dovremmo sapere che il concetto di CAMBIAMENTO, rapportato alla vita umana ed al vissuto di ogni persona, indica di per se un’azione naturale che si svolge costantemente e continuamente all’interno ed all’esterno della stessa. ll cambiamento, dovrebbe essere chiaro, non è sicuramente un obbligo al quale dobbiamo necessariamente concentrarci giornalmente, ma è inevitabile sapere però, così da poterci aiutare al momento del bisogno, che il cambiamento sia qualcosa che avviene autonomamente ed in modo naturale nel corso della nostra esistenza e di qualsiasi altra forma di vita...aldilà che noi ne fossimo motori attivanti o meno.. (cfr. M. Catalucci). Altro discorso è invece quello di immaginare, decidere di cambiare qualcosa nella nostra vita volontariamente, costantemente e continuamente: questo è il senso profondo della Dodicesima che va letta non solo al passivo ma anche all'attivo, come ogni cosa in Astrologia, dove regna sovrano il concetto di Polarità, senza l'ampiezza concettuale del quale, la realtà interpretativa e quella previsionale risulteranno di fatto distorte e mal poste..,come predico di continuo in ogni seminario riferito ai nuovi principi della mia Astrologia Qualistica che sto approntando per aderire con successo al cambiamento epocale in atto in tutte le scienze ivi compreso quello riferito all'Astrologia...

Il termine “Trasformazione”, lo sappiamo, è composto da due parole, “Trans” (al di la di…) e “Formazione" (da “Forma”, “Aspetto”…). Ciò sta ad indicare che ogni “Forma” (materiale e immateriale) subisce un mutamento nel corso dello spazio e del tempo che la stessa forma occupa e percorre all’interno dell’Universo. Ne consegue che il Cambiamento ovvero la Trasformazione naturale di qualsivoglia “forma” avvengono “con” o “senza” la nostra presa di coscienza, quella per cui sappiamo o meno di attuare un costante e continuo cambiamento nella nostra forma di pensiero e di azione. Petendo dal concetto basilare che "Tutto nel nostro Universo è mutevole e soggetto a cambiamento, a trasformazione" significa che nulla in esso è fermo, è statico, quindi anche noi possiamo utilizzarne la dinamica coinvolgente quand'anche non ne fossimo consapevoli, ovvero, quand'anche non ne volessimo sapere di poter cambiare convinti, come abbiamo visto erroneamente, che non si possa fare..!! Sarà bene comprendere una volta per tutte che, dato il fatto che l’Universo che conosciamo si muove costantemente nella direzione futura (già questo aspetto dovrebbe rafforzare il concetto di cambiamento e trasformazione naturali di ogni cosa), anche in questo esatto momento, in questo momento che sto scrivendo questo articolo (ma forse, più correttamente, dovrei dire in un momento passato, visto che il presente non è altro che il futuro di un tempo già trascorso), io stesso, non sono quello che ero fino a qualche secondo fa. Mi sono trasformato! Un dato riscontrabile di questa affermazione la si può notare nella vita cellulare continuamente in movimento: nulla è quindi sempre uguale, tutto in realtà subisce una trasformazione continua e costante. Di questo dato inconfutabile la Dodicesima Casa ne è la rappresentazione astrologica più rappresentativa: in essa si consuma il processo di trasformazione e con esso, la nostra capacità di agirne i dinamismi. Motivo principe per il quale nei miei paradigmi didattici della neonata "ASTROLOGIA QUALISTICA" si parla della nostra cosiddetta capacità di “Gestione della Trasformazione”: dobbiamo convincerci che possiamo essere anche chi non crediamo di saper essere, proprio come sanno dimostrare gli attori di professione a noi spettatori, qualora sappiano essere professionalmente validi, che li andiamo a veder recitare le parti che gli vengono proposte che spesso, se non sempre, non corrispondono alla loro natura originale, al loro metodo espressivo e comportamentale: essi si devono trasformare...e meglio lo sapranno fare, più saranno considerati dalla critica e dai registi..e quindi dagli autori e dai produttori.
Gestire il proprio cambiamento, la propria trasformazione quindi si può e si deve fare: cambiamento inteso prima come forma di pensiero e successivamente, o meglio contestualmente, come forma di azione, di comportamento. Esso ci permette di governare al meglio la nostra esistenza evitando di rilassarci troppo su schemi ripetitivi dannosi per la nostra natura che, come abbiamo visto, è soggetta a cambiamento e trasformazione continui, aldilà che ci si renda conto o meno..Se ci adagiamo sul conosciuto, su quello che abbiamo ottenuto, sia da un punto di vista relazionale (partner, famiglia, amici, ecc.), che in quello economico, o in qualsiasi altro campo in cui ci muoviamo, rischiamo di chiuderci eventuali alternative di crescita personale e di scelta, laddove dovessimo incontrare, come la Dodicesima suggerisce agita unicamente nella forma statica, delle difficoltà esistenziali (le Prove della Vita..) come quelle sopra descritte che si esplicano poi in problematiche economiche, in conflitti socio relazionali, professionali, ecc.. La capacità di cambiamento, inteso come trasformazione, fa quindi rima con la ricerca continua di un preciso miglioramento del proprio status: sia esso psicofisico, emotivo, mentale, psicologico, spirituale, sociale e/o economico a cui deve corrispondere la nostra motivazione nel voler essere chi non crediamo, erroneamente, di poter essere.. Sentirsi arrivati, come spesso accade, ad un obiettivo che ci eravamo prefissati in un qualsiasi campo della nostra vita personale e sociale, sentire di aver raggiunto un proprio adeguato livello, può diventare il classico motivo di “Stasi” che è il prodromo psichico dei blocchi da Dodicesima..a cui non sappiamo sostanzialmente rispondere se non con le classiche fughe in perfetta solitudine, narcotizzanti la realtà esistenziale: ed ecco l'uso scriteriato dei psicofarmaci, dei narcolettici tipici del moto involuto della Dodicesima...Il raggiungimento di un senso di trascendenza e l’attaccamento alla vita spesso genera, in alcune persone che hanno pianeti importanti in questa casa, un forte disorientamento, una sensazione di essere sopraffatti da pulsioni inconsce di una tale intensità emotiva che la loro poca gestibilità li spinge a proiettarsi in un mondo di solitudine, di abbandono, di separazione dagli altri, una diversità che spesso si risolve in una fuga da tutto ciò che viene comunemente definito “normalità”. Qui non c’è spazio per l’ego che può funzionare solo nella realtà “spazio-tempo”, in dodicesima fuggiamo dalla separatezza perché vogliamo fonderci e identificarci in qualcosa molto più grande di noi stessi...!! Ma questo a volte, se non sempre, è sostanzialmente un pensiero drogato perchè non comprende la nostra potenzialità trasformativa che la Dodicesima sottende..!! Sta a noi credere che sia possibile come ho cercato di spiegarvi..e come spiego costantemente nella mia scuola astrologica.

IL DINAMISMO DELL' I.C. IN GRANCHIO (in Zodiaco)

Certo che parlare di trasformazione a questa tipologia cancerina d'Incipit Cosmologico fa venire i brividi, fermi come sono, ancorati direi, sulle loro forti emotività del passato che non dimenticano mai: trasformarsi per il Granchio significa in qualche modo morire..!! Ma, dovrà farlo se vorrà appunto sopravvivere...!! Una delle parole chiave per comprendere il mondo archetipo del Granchio si riferisce ad una forte dinamica lunare, non necessariamente campo esclusivo del femminile (come credo di aver spiegato nei miei articoli sulla Luna) così come quela solare non appartiene esclusivamente al campo maschile, la "vulnerabilità emotiva" che, come suggerisce intuitivamente Sonia (di cui non si legge il cognome) di "Astri & Psiche", anche in quei casi, secondo gli ascendenti di cui può disporre, in cui possa sembrare un vero macho, un coriaceo essere duro e distaccato o irruente e vivace, in realtà nel suo mondo interiore, veramente vasto e dilatato, anche se abilmente e istintivamente coperto agli sguardi indiscreti, egli vive una potente ipersensibilità, una estrema forma di delicatezza, una vulnerabilità, appunto, che lo consegna tout court agli psichismi di coloro cui vuole bene.., direi nel bene e nel male. L'Archetipo del Granchio, quindi non solo i nati in questo segno, possiede istinti fortemente protettivi e materni, proprio perché la sua natura originaria è stata preposta a quel portale, a quella soglia, che separa il visibile dall’invisibile; cioè quella soglia misteriosa che le anime devono varcare prima di passare nel mondo fisico ed incarnarsi: parliamo di nascita, questo aldilà del voler credere o meno al processo reincarnativo. Non a caso se mi regolo sulle posizioni della astrologia esoterica (che esplora i più segreti scopi e i più remoti significati cosmici di ciascun segno zodiacale) il Granchio non soltanto è connesso con il mistero dell’origine e della nascita dell’organismo, ma ne realizza i potenziali sviluppi...ed è questa la parte maggiormente gratificante del segno che non sempre si evince nelle numerose descrizioni presenti in ogni dove. Vulnerabilità emotiva, dicevo, ma anche, grazie al governo della Luna (nelle innovazioni delle mie ricerche quel governo spetta alla Luna Nuova, mentre la Luna Piena governa il Leone, orfano del Sole che non governa nessun segno, essendo, esso stesso, la fonte originaria e centrale di luce per tutto il Ssistema solare ad esso coerente, senza preferenze, inimmaginabili peraltro, per questo o quell'altro segno..), si deve parlare di ciclotimia umorale: un chiaro episodio di alto e basso senti-mentale...dove la vis luminis lunare cambia costantemente ed altalenantemente posizione. La timidezza dilagante del segno (espressa anche nel suo opposto polare il Capricorno) derivante da questa vulnerabilità e da questa ciclotimia, diviene perciò al contempo arma e peso.., si dilata da forme d'inespressività silente a manifestazioni di ostentazione caratteriale quasi sfacciata..Ostentare la vostra dinamicità personale diviene una precisa spinta a "fare la scena" che in parte deriva dalla necessità, profondamente avvertita, di essere notati e di riscuotere consensi (tipico dei valori cancerini), e in parte dal sincero desiderio di vedere il prossimo ridere e stare allegro, cioè rasserenato: mondo tranquillo questo in cui vi sentite decisamente a vostro agio.. Questo comportamento apparentemente paradossale, che vede passare dalla timidezza e dalla chiusura nei rapporti sociali a forme di apertissima estrinsecazione ed estroversione, si estende anche ad altri aspetti del carattere ed è la summa della forma caratteriale e comportamentale dell'archetipo cancerino, se si vuole comprendere seriamente come funziona..
Ci sarebbe da scrivere una infinità di approfondimenti che potrete trovare comunque su "ALCHIMIE" il magazine astrologico del Sito, qualora foste abbonati, ma comunque per ciò che riguarda queso momento preciso legato al Solstizio 2017 potete regolarvi con le informazioni che vi ho potuto dare in modo che possiate dei giusti controlli col vostro Tema Natale. Qualora non pensate di essere in grado di risolvere certe questioni basterà metterzsi in contatto con la mail del sito ( Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. ) e vi daremo le giuste dritte per riconsiderare i vostri Temi.

L'ELEMENTO ACQUA: LA BASE FONDANTE I DINAMISMI SOLSTIZIALI

IN QUESTO MASSIMO DI LUCE C'E' L'INIZIO DELLA LUNGA NOTTE...: IL SOLSTIZIO D'ESTATE COME PRINCIPIO D'INVERNO...!! Questo è il paradosso di tutto l'Universo, mai uguale a se stesso e soprattutto mai coerente stando alla nostra capacità di logica entropica: una luce che segnala un'oscurità incipiente, come un buio che sente dentro di se la forza della Luce che avanza...!! Noi, capiamolo, viviamo nell'apparenza più totale e al tempo stesso più complessa. Ogni cosa ha due facce uguali e contrarie, ogni evento è polarizzato e polarizzabile.. Nulla è mai solo un qualcosa separato dal resto ma siamo un tutt'uno con l'Universo, mai scissi da esso pur convinti di non comprenderne i tempi e gli spazi che sembrano, sottolineo sembrano, dominarci in lungo e in largo, piccoli come siamo di fronte al suo incedere nell'immensità sconfinata delle Galassie. Per rimanere ancorati alla valutazione dell'I.C. un fatto salta agli occhi comunque ed è quel Marte decisamente congiunto all'IC in Granchio che chiaramente darà maggior forza penetrativa alla dichiarata sensibilità del'archetipo cancerino, spesso troppo rinunciatario a priori.., spaventato quasi del vivere e della battaglia per sopravvivere..Certo che Un Sole-Terra che entra in Granchio con un I.C. Granchio domificato in XII^Casa affoga nell'Acqua che diviene l'Elemento di maggior riferimento di questo solstizio..Chiaro anche che ci sarà maggior visione dell'archetipo opposto, la Terra del Capricorno, vista come ancora di salvataggio dopo tanto peregrinare in acque turbolente..L’Acqua è un elemento sottile, infatti sotto forma di vapore sale verso il cielo e si impregna delle energie astrali. Successivamente torna sotto forma di pioggia sulla Terra, fecondandola con le energie catturate nella dimensione sottile. La Terra trae giovamento, dalle informazioni ricevute dall’Acqua, per la sua continua evoluzione. L’Acqua rappresenta il femminile per eccellenza, in quanto è l'Elemento tra i quattro in natura, estremamente adattabile, passiva e ricettiva. Infatti allo stato liquido è flessibile e cambia la sua forma. Si adatta alle circostanze, aggirando gli ostacoli che incontra nel suo cammino. Dalla sorgente in cui nasce, pian piano giunge al mare, diventando prima torrente e poi fiume. Tutto questo in un processo di continua trasformazione che è la sua vera forza. Motivo per il quale, stando al discorso sul processo trasformativo da attivare, posso garantire una buona dose di riuscita, in relazione a questo momento solstiziale in particolare, a coloro che avessero nel tema un forte valore acqueo, adato per default, si direbbe oggi in linguaggio informatico, a dipanare certe matasse caratteriali cui molti di voi sono agganciati ineludibilmente. Questo elemento, l'Acqua, va riconsiderato attentamente alla luce di queta mia nuova visione qualistica in quanto scorrendo nelle profondità della Terra, è capace di trapassare la materia oscura e densa, tornando in superficie, trasportando con se energie segrete..che ne consentono una diffusa visione ultradimensionale negata agli altri elementi...che non hanno nel loro DNA questa duttilità interpretativa del mondo che sanno attraversare..Chiaramente a tutta quest'acqua, serve un approdo sicuro che si legge con la Terra e con l'utilizzo di qualche "gancio" psicologico che ne dia maggior centratura..: infatti se è vero come è vero che tramite l’Acqua si ottiene l’iniziazione primordiale, la purificazione, sotto la forma rituale del battesimo, è altrettanto vero che quel rituale si esplica solo con la certezza del processo purificatorio, direi penitenziale, legato alle movenze della Terra. Quindi per attivarvi coerentemente dovrete avere dei riferimenti terreni nel tema o cercarne le soluzioni attivanti...

Questo Solstizio di Luce che apre alla notte ci dice, anzi ci conferma come siamo tutti collegati da una “sostanza sottile” invisibile, ma in ogni caso presente, ben nota agli aborigeni australiani, agli antichi indiani d'america, ai Veda e ai Maya che dimostra indirettamente l’Unità del creato. L”esistenza di tale matrice magnetica, aiuta a comprendere meglio il significato di ordine quantistico correlato alla “massa critica”. Quando cioè un numero sufficiente di esseri umani, proprio come fecero tutte le scimmie correlate geneticamente alla piccola Imo, deciderà di cambiare autenticamente la propia energia, l'energia del nostro pianeta, automaticamente (entangled si direbbe..) si trasformerà in valori positivi, ragion per cui potrei dire, agitando la valenza dell'amore infinito, che il Granchio rappresenta intimamente, che non ci sarà ‘più la necessità di guerre nel mondo, non ci sarà più il bisogno di schiavizzare il prossimo..Dobbiamo comprendere di essere interconnessi tra noi e tutti con l'Universo, agganciati l'un l'altro grazie ad una specie di griglia (o matrice) magnetica che rappresenta, si potrebbe dire come descrizione plausibile, un specie di sottile reticolo energetico, invisibile ai più, che permette una relazione strettissima tra tutti gli esseri viventi, la Terra, il Sole, le stelle, i pianeti. Siamo un unico organismo cosmico vivente ed interagente armonicamente; capiamolo...!

Roma 21. 06. 2017 Claudio Crespina

 

SITOGRAFIA E BIBLIOGRAFIA

-Altrasalute.it

-Astrologia e Salute di V. Garrison

-Fisicaquantistica.it

-mitiemisteri.it

Naviga verso:

banner-logica-cosmologica 

Monitoraggio Personale sul nadir