QUEL BOEING 777 ..VERITA' O MENZOGNA..?

kUALA LUMPUR - S'infittisce ulteriormente il caso del volo MH370 della Malaysia Airlines scomparso sabato scorso con a bordo 239 persone. L'esercito malese avrebbe in effetti individuato con i suoi radar il luogo dell'incidente, corrispondente allo Stretto di Malacca, ben lontano quindi da dove il velivolo ha avuto il suo ultimo contatto con il traffico aereo civile, al largo della costa orientale del Paese. Lo Stretto di Malacca corre in effetti lungo la costa occidentale della Malaysia. A rendere ancor più misteriosi i contorni della tragica vicenda vi sono poi i cellulari di numerosi passeggeri presenti sul velivolo. Come riferisce il Washington Post, alcuni parenti di questi ultimi affermano che gli apparecchi dei loro cari squillano a vuoto o che risultano sempre online su un sistema cinese di instant messenger chiamato QQ. Un fatto, questo, sul quale gli esperti contattati da un quotidiano francese forniscono tuttavia due possibili spiegazioni. La prima è quella secondo cui i cellulari restano effettivamente raggiungibili. Questo implicherebbe che gli apparecchi si trovino in prossimità di un ripetitore, quindi al suolo, o su rottami in superficie vicino alla costa. Questo significa anche che i cellulari dispongono di un'autonomia di diversi giorni. L'altra ipotesi si spiega con il fatto che il cellulare da cui parte la chiamata squilla per un periodo di attesa tra il suo inizio e il momento in cui questa arriva effettivamente a destinazione.
 
Nel frattempo sono stati identificati i due passeggeri che viaggiavano con passaporti rubati sul Boeing-777 della Malaysia Airlines: entrambi sono di nazionalitàiraniana. Lo ha reso noto la polizia malese, secondo quanto riporta la Bbc online.
Le autorità hanno identificato i due uomini, sottolineando di non aver trovato apparenti legami con gruppi terroristici. Si tratta di Pouria Nour Mohammad Mehrdad18 anni, il quale probabilmente stava emigrando in Germania e - secondo l'Interpol - del 29.enne Delavar Seyed Mohammadreza. Per il segretario generale dell'Interpol, Ronald K. Noble, la presenza dei due sul Boeing è riconducibile al "traffico di esseri umani". Secondo l'ispettore capo della polizia malese, Khalid Abu Bakar, probabilmente Mehrdad non è un membro di un gruppo terroristico. Le autorità, ha aggiunto, sono in contatto con sua madre in Germania, che aspettava suo figlio a Francoforte. Inoltre stando ad alcuni esperti la presenza a bordo di un aereo di due persone con passaporti rubati è relativamente comune in una regione considerata uno dei grandi punti di snodo della migrazione illegale  (fonte informativa: http://www.cdt.ch/mondo/cronaca/102...-ancora.html). Mentre continuano le ricerche del volo H370 della Malaysia Airlines, il mistero sulla sua scomparsa si infittisce e molti dubbi sul suo reale destino si addensano come pure le ipotesi su cosa sia successo realmente. Tra le varie cause della sua sparizione si è anche affacciata l’ipotesi ufologica! Ma, rimanendo con i piedi ben piantati per terra, così non ci si poò accusare di leggerezza informativa.., vediamo di considerare alcuni elementi concreti circa questo incredibile caso.
Di fatto, si evidenziano alcune cose stupefacenti circa questo Boeing 777-200 con 239 persone a bordo che, di fatto, è letteralmente scomparso sopra il Golfo della Thailandia. Il mistero della improvvisa e completa sparizione del volo ha sconcertato le autorità implicate nella sicurezza aerea di tutto il mondo. “Gli enti preposti alla sicurezza del volo e all’antiterrorismo di due continenti appaiono parimenti perplesse circa la direzione da intraprendere nelle indagini”, ha titolato the Wall Street Journal. Questa testata prosegue scrivendo: “Per ora sembra assolutamente inspiegabile” ha dichiarato Paul Hayes, direttore dell’Ascend Worldwide, l’organismo inglese per la sicurezza e la consulenza assicurativa nell’ambito dell’aviazione civile. E mentre gli investigatori permangono nel loro sconcerto, i media di mezzo mondo continuano a (NON..) dire come stanno davvero le cose.
Le possibili cause razionali.
Tutti i Boeing 777 adibiti al servizio di linea commerciale sono equipaggiati con delle scatole nere che possono resistere a qualunque esplosione si verificasse a bordo. Perciò, nessuna esplosione si producesse nell’aeromobile riuscirebbe a distruggere le scatole nere. Tutte le scatole nere trasmettono segnali di localizzazione per un periodo di almeno 30 giorni dopo l’eventuale caduta nelle acque. Ma, in questo caso specifico, nessun segnale di localizzazione è stato captato! Questo è il motivo per cui gli investigatori stanno avendo molti problemi nel trovare l’eventuale punto d’impatto del Boeing 777-200. Normalmente, è sufficiente dirigersi verso il punto di trasmissione del segnale delle scatole nere. Ma in questo caso, l’assenza del segnale indica che le stesse scatole nere — progettate per resistere alle esplosioni più potenti — o sono sparite nel nulla, o si sono incredibilmente guastate contemporaneamente o sono state annientate da una forza incredibilmente potente non supposta dalle peggiori congetture dei progettisti e degli ingegneri aeronautici. Se un missile avesse distrutto, questo missile avrebbe dovuto lasciare una traccia radar. Una teoria che sta attualmente circolando in rete è proprio questa, che sia stato un missile ad abbattere il Boing 777-200 mandando in frantumi l’aeromobile e tutto quanto vi era in esso — cosa che vorrebbe dire, aver ridotto tutto quanto in frammenti minutissimi e introvabili come detriti. Il problema di questa teoria è che non esiste alcun missile terra-aria o aria-aria che abbia questa capacità!  La posizione del volo della Malaysian Airlines quando è sparito non era ignota. I controllori del traffico aereo posseggono completi dettagli della esatta posizione in cui si trovava l’aeromobile nel momento in cui si è “volatilizzato”. Se il volo H370 fosse stato dirottato, non sarebbe sparito dai radar. Il dirottare un aereo non comporta la sua “smaterializzazione” dall’occhio vigile dei radar. Anche se i trasponder venissero disattivati sull’aereo, i radar da terra possono comunque facilmente e prontamente tracciarne la posizione utilizzando il cosiddetto “radar passivo”. Queste sono logiche considerazioni fatte sulla base di dati di fatto certi e innegabili. Naturalmente esiste sempre quel “fattore infinito e ignoto” che può (e deve) intervenire a dare una spiegazione non considerata. (cfr. F. Faraoni). COSA PUO' ESSERE SUCCESSO VERAMENTE..?
Il mio calcolo astrologico per ora è sospeso perchè non ho ancora le giuste coordinate per comprendere la dinamica della "sparizione" improvvisa (Urano) del boeing 777... per questo motivo mi riservo di ripubblicare l'articolo nella giusta sezione del mio sito (Diversa Informazione) una volta che avrò i parametri corretti astrologicamente..Ora queste informazioni lasciano basiti e senza ulteriori informazioni sembra proprio la solita tattica dell'N.W.O...per chi sa di cosa sto parlando..!!! Non si trova nulla, neanche le cose di grande proporzione, nessun indizio, nessun contatto, ma esce sempre una piccola pista dove ci sono sistematicamente dei terroristi, in questo caso, come in migliaia di altri casi, sistematicamente "iraniani", addirittura ricollegabili al traffico di essere umani...!! Non si finisce mai d'imparare... non c'è che dire..!!! Se un aereo "sparisce" e non lascia nessuna traccia e tutto questo avviene nel cielo "terrestre"..., qualcosa dovrà pur significare..? Insomma se questa storia non troverà una spiegazione e dei riscontri oggettivi il fatto potrebbe avere una rilevanza al pari di un classico avvistamento di un velivolo non identificato, ne più ne meno...Anzi, a dire il vero, anche qualcosina in più di un normale avvistamento...! Del resto, se la memoria non m'inganna, anche nel disastro di Ustica esistono tracciati radar che sembrano avvalorare l'ipotesi, mica tanto farlocca, di un velivolo non convenzionale che incrocia l'aereo ad una velocità inspiegabile... Insomma l'accaduto è gestibile come ipotesi aliena..? A questa ipotesi, che tutti i cosiddetti "ben pensanti", considereranno certamente, bene che va, suggestiva.., non si può non aggiungere anche quella più aderentemente "politicizzata" che fa capo alle logiche di una nuova concezione di potere mondiale cioè all' N.W.O..., l'establishment mondiale, gli illuminati massonici, che, prima o poi, una volta, dovremo cercare di ridefinire nella loro veste reale la loro giusta appartenenza, la loro genesi sia storica che fisica..., di cui, credo, non si sia mai creato la corretta visione d'insieme anche navigando le inevitabili metafore per comprenderne appieno il loro significato e la loro esistenza, nelle dinamiche del mondo intero che non avrebbe alcun bisogno di un altro stato nello stato di qualsiasi paese si parlasse..in quanto chiunque comprende che è più che sufficente governarsi da se...Ma questo complicato argomento proverò ad approfondirlo a momento debito...L'esistenza dell'N.W.O. e le sue tecniche invasive di mantenimento del potere spiegha in un batter d'occhio tutte queste assurdità che stanno accadendo e sconvolgendo ripetutamente il mondo intero (riferendomi con questo termine alla Terra e ai loro abitanti..). Due possibilità quindi per spiegare l'arcano:
- o si tratta di un evento straordinario che non ha precedenti nella storia dell'aviazione civile (probabilità ufologica)
- oppure c'è una volontà precisa e sistematica di coprire qualcosa che risulterebbe sconveniente agli occhi del mondo: come peraltro siamo stati abituati nei secoli dai libri di storia e dalle cronache prezzolate dei quotidiani di partito (tutti venduti alle loro piccole necessità non approfondendo mai quelle di un popolo che dovrebbe rappresentare ufficialmente nella sua interezza..). Da qui non si scappa, l'evento casuale della caduta in mare io lo elimino da ogni possibile constatazione: il caso non esiste in assoluto, men che meno in questi casi, ormai troppi, che si ripetono con strane scadenze, riconducibili sistematicamente ad altre dinamiche politiche che col tempo regolarmente vengono riportate alla realtà dei fatti, ma il tutto sempre dopo anni di silenzi e di intrallazzi..
Del Boeing 777-200ER della Malaysia Airlines in volo da Kuala Lumpur a Pechino (volo MH370), scomparso dagli schermi radar l'8 marzo scorso da qualche parte in un braccio del mare della Cina (tra Malesia, Filippine e Vietnam), a tutt'oggi non è stata trovata traccia - se non una scia di carburante sull'acqua e un frammento in acqua ancora da recuperare e che potrebbe essere uno dei portelloni dell'aereo. Fino alla scomparsa del segnale, i sistemi di monitoraggio (radar civili e militari) stavano tracciando correttamente l'aereo, che seguiva una rotta di routine, come si può facilmente verificare dal sito FlightRadar24 (da cui si può monitorare la maggior parte dei voli commerciali in tutto il mondo). Un servizio di monitoraggio ufficiale e disponibile per tutti, via Internet, è FlightRadar24. È una mappa che mostra, istante per istante, la posizione e lo stato di quasi ogni aereo commerciale in volo (rotta, velocità, previsioni meteo, altitudine...), con l'esclusione dei modelli più vecchi, privi delle adeguate tecnologie di localizzazione. Le tracce sulla mappa sono calcolate dai dati di volo rilevati da radar, transponder e ADS-B. Il Boeing 777 è il più grande bireattore commerciale al mondo. A seconda dell'allestimento può trasportare da 301 a 440 persone: misura 63,7 metri in lunghezza e l'apertura alare è di 60,9 metri. La velocità di crociera è di 0,84 mach (900-1.000 km/h) a 10.700 metri. Queste sottolineature che ho inserito volutamente sono riferite a R. Zreick di Focus.., il quale nel suo articolo ci dice con ulteriore dovizia di particolari che: ..“la rete cellulare che fa da tramite per localizzare via GPS, con ottima approssimazione, la posizione di un telefono in tasca, non fornisce informazioni sul volo in questione. In parte per il divieto d'uso di apparecchi telefonici in volo, ma soprattutto perché in mare aperto è difficile che ci sia copertura di rete. E l'improvvisa interruzione delle comunicazioni radio fa pensare a un evento catastrofico e improvviso, ossia a uno scenario nel quale tutti gli apparati elettronici sono in acqua o distrutti….”. Quindi la sua analisi fa decidere per il dramma inevitabile e casuale...!! E continua dicendo:” In queste condizioni le ricerche seguono uno schema semplice e obbligato: si divide un'area in piccoli settori e si distribuiscono i mezzi di ricerca (navi e aerei) settore per settore, allargando via via la zona di ricerca, che in prima battuta è condotta "a vista". Per capire quanto sia difficile l'operazione bisogna fare riferimento a un precedente, un volo di Air France scomparso in volo sull'Atlantico nel 2009: passarono cinque giorni prima che fosse avvistato il primo frammento d'aereo in acqua e ben due anni prima di localizzare la scatola nera….”…!! Cioè non ci sono speranze. Nessun altro problema viene in mente al nostro fin troppo solerte cronista che si dimentica di approfondire ad esempio il perché non si possono usare i satelliti, che controllano monitorando fino al centesimo di capello, qualsiasi spazio sulla Terra… Aldilà che certamente ci sarà una risposta anche per questa mia accezione; al nostro eroe, uno dei tanti s’intende non lui in particolare, non gli è venuto minimamente in mente neanche di abbozzarla un'ulteriore ipotesi, mentre ha ritenuto utile descriverci cosa si farebbe in questi casi per trovare un “ago” in un pagliaio… Si è inutile ragionarci troppo, ci prendono proprio per dei coglioni…!! Ora la prossima risposta sarà inevitabilmente che i satelliti non funzionano sull’oceano, o che era brutto tempo o qualsiasi altra amenità del genere, anche tecnicamente ineccepibile, che ci faranno ingoiare in qualsiasi maniera proprio come in Italia, regno incontrastato delle stronzate annunciate…, si è fatto per cinquecento anni prima su Galileo e per 50 anni per Ustica..!!! In realtà abbiamo a che fare con tempi che si stanno rabbuiando nello scacchiere internazionale e che l'analisi del momento astrologico non può non evidenziare in questo marzo 2014 la potenzialità dirompente dell'attuale quadrato T presente in cielo dopo il breve allontamento di Marte giunto a fine Bilancia, che ha sciolto per un mese la dirompente ed esplosiva Grande Croce Cardinale che, nata sotto le feste natalizie, esploderà in tutta la sua stravolgente potenzialità proprio sotto Pasqua, come a voler segnare certamente un evento in campo ecclesiastico: rischio per uno dei due Papi o di entrambi, con imminente crollo della chiesa e delle sue malefatte..., verranno a galla tutte le malefatte sulla questione pedofila in cui la chiesa è coinvolta direttamente da anni. Ci sarà una fine, come minimo clamorosa,..su questo non credo proprio ci possano essere dubbi...coi quattro pianeti (Plutone, Urano, Giove e Marte) di questa Grande Croce piazzati sul 13° grado di ogni segno: evento straordinario inequivocabile che coinvolge anche motivi esoterico-profetici..legati alle tante profezie pronte ad avverarsi: Nostradamus o Malachia, la monaca di Dresda e tanti altri. Questo accadimento della scomparsa di questo aereo certamente è collegato alla escalation della deriva bellica che si sta preparando a tavolino da tempo..(tutto collegato ala strategia cosiddetta della tensione degli anni 80 divenuta vera e propria persecuzione di paura con le Torri Gemelle): d'altronde dopo una grave crisi economica è quasi inevitabile uno scoppio di qualche guerra, ma qui il rischio è che si tratterebbe della III^Guerra Mondiale che aldilà dello scetticismo generale è proprio dietro l'angolo, proprio come descrissi tre anni orsono nel mio articolo-provocazione "NON C'E' DUE SENZA TRE" che ho ripubblicato a fine febbraio. La scomparsa di questo volo e dei suoi 239 passeggeri è parte della strategia bellica che si sta muovendo sulla "scusa" della disputa in Crimea e in Ucraina (Capricorno) proprio in questi giorni in cui l'America-Granchio, la Germania-Ariete, la Bilancia-Cina e Putin (Russia) ancora Bilancia si stanno scontrando su vari fronti che daranno inevitabilmente adito ad incomprensioni, (eufemismo per vere colluttazioni violente..) che non verranno adeguatamente supportate dando il là ad un'excalation che non sarà facile dirimere, pronta com'è a rimuovere anche vecchie ruggini (Plutone in Capricorno) tra le nazioni in ballo: la strategia dell'NWO, cioè la costituzioone di un nuovo ordine mondiale a qualsiasi livello si possa intendere il significato di queste tre parole: lo scopo è quello di far crollare l'ordine costituito per annettere sotto un unico potere tutti i popoli del mondo e asservirli ai suoi voleri creando un'unica nuova religione di stato, (ad Astana, anagramma di Satana, capitale del kazhakistan, già è tutto pronto anche al livello urbanistico, concepito nella sua interezza sui principi dell'architetura massonica, oltre che sociale e politico, per accogliere in un'unica sala -la Sala delle Religioni-, creata all'uopo, l'unione delle religioni mondiali: questo almeno è l'intento, come dire, falsamente evolutivo..) provocando anche il crollo della chiesa così come la conosciamo..e non è stato un caso la dimissione di Ratzinger per chi ha capacità vere d'intendere..!!
Tutto questo in realtà sta già accadendo con drammatica puntualità, ampiamente rappresentato da questa sequela di grandi croci cardinali configurate consecutivamente in questi ultimi quattro anni, tutte figlie leggittimate dalla Croce dei Fissi legata all'eclissi del 1999 che aprì le quattro porte dell'apocalisse (manifestazione), esotericamente parlando, dando adito alla cosiddetta strategia della paura, il cui l'inizio ufficiale fu rappresentato dal Crolo delle Torri Gemelli di New York con tutto quello che ne seguì..e che ne sta ancora seguendo...!! Queste croci hanno minato sin dalle fondamenta convinzioni e usanze che sembravano essere consolidate..: una su tutte, appunto, sta nella sospetta e clamorosa presenza dei due Papi in Vaticano (entrambi segnati dal centro galattico..: segno questo non trascurabile), fatta passare in silenzio come normale avvicendamento, certamente non casuale, tanto meno per stanchezza del vecchio Ratzinger, che chiunque sa un po di religione, non avvallerebbe mai un avicendamento per qualsiasi motivo se non la morte (come Cristo insegna..) senza non essere considerato sacrilego...!!! Nulla in quello Stato, perchè di Stato politico si tratta, è mai stato casuale...!!!  
IL LASER ASTROLOGICO SULL'EVENTO
Per capire l'esatta dinamica di questa "volatilizzazione" (termine certamente appropriato in riferimento ad un aeromobile che scompare dai segnali radar di tuti i cieli..)  inusuale del mezzo di trasporto e dei suoi passeggeri, per quello che riguarda la specifica casistica dei Voli Aerei, uitlizziamo il laser astrololgico cercando di capire innanzitutto il significatore del volo negli "stretti" meandri delle poliedriche forme zodiacali. Lo zodiaco è impregnato di simbologie, tra cui, anche quelle della morte, dell'incidente mortale, dividendola in diversi settori. Le cause e la modalità (casa ottava), l’approccio verso la morte o la morte come naturalità (dodicesima casa), la fine della cosa-vita come ritorno alle radici, la tomba di famiglia (quarta casa)..: a ben vedere parliamo delle tre case d'acqua..come le depositarie di questo preciso significatore. Ma vorrei sottolineare invece, rimanendo aderente alla logica zodiadiacale, il settore che ritengo essere il più efficace significatore di morte definitiva, di evento traumatico decisivo, di perdita significativa della proprio realtà psicofisica è quello relativo all'Undicesima casa (XI^Casa),  in quanto è posizionato all'estremo opposto di quello della Quinta (V^Casa), la creatività, l'istinto creativo, la vita cioè. L'Undecisima come casa dell'amicizia mi "stona" parecchio (semmai degli Amici-Aquario...) in quanto la sento, l'Amicizia, nella casa delle relazioni, come sentimento "relativo" a qualcuno, a qualcosa quindi appartenente maggioremente alla settima. Per tornare al tema che interessa questo articolo, per ciò che riguarda il significatore della morte è facile comprendere che è difficile stabilire l’ambiente e il contenuto di questo specifico fattore, perché ricordo, che lo zodiaco è ricco di simbologie, perché per esempio, un Marte in casa ottava, potrà rivelarsi nel corso della nostra vita sotto altri fattori simbolici del Pianeta nella casa e dei suoi aspetti e non per forza su quella specifica simbologia d'incidente mortale che gli viene quasi costantemente assegnata. In realtà ho potuto meglio riscontrare nei fatti, in Undicesima, la dinamica di fine della vita, di estrema pena, dove certa tipologia di evento drammatico e traumatico statisticamente è più incisiva..pur rimanendo nell'ambito della non obbligatorietà dell'accadimento finale che è sempre collegato comunque ad altri fattori eventualmente presenti nel tema.  Detto questo, le posizioni di Marte e Urano, spesso stabiliscono correlazione tra le morti violente o impreviste, dettate da incidenti di vario genere, frastagliando cosi la vita del soggetto in modi e tempi imprevisti che innescano situazioni certamente poco idonee alla serenità della vita che prenderà una piega certamente poco rassicurante. Per quanto riguarda Plutone e Nettuno, non sono in se pianeti che causano la morte, anche se la significano (maggiormente Plutone..) ma grazie all’archetipo degli inferi, il primo rappresenta la morte della morte quindi in senso lato la vita, il secondo è il Re del Mare-Acque Salate (la luna-Acque dolci), entrambi possono inserirsi nel contesto a indicare una morte stravolgente e fisicamente cancerogena per l'esplosione metastatica, l'altro la trasformazione drogata o i pericoli dell’acqua. Nessun pianeta, almeno di quelli ad oggi conosciuti, da solo riesce ad essere unico significatore di disastro mortale: deve sempre esser collegato ad altri fattori astrali che descrivono una mortalità violenta perchè si possa parlare concretamente, più che di pianeta, di configurazione "mortale" in assoluto. Per quanto riguarda l’Aria, l'Elemento del Volo, onnipresente in tutte le sue manifestazioni comprendenti il principio di Libertà, del sentirsi liberi, esagerando potrei dire, tecnologicamente liberi, e proprio per questo più naturalmente associato all'Aquario, significatore specifico appunto del volo aereo, connesso analogicamente ai principi uraniano-aquariani (Urano), ma anche, e direi sopratutto, più significativamente all' Y-leonino (l'Eolo il pianeta "sconosciuto", intuito genialmente dalla Morpurgo) che simboleggierebbe l’eliosfera terrestre quindi molto più efficace come significatore aereo propriom per le qualità specifiche del Vento-Eolo elemento determinante per sostenere qualsiasi oggetto in volo. Nettuno, aerobico nelle sue sinapsi astrali, può legarsi analogicamente più che altro ai vari gas quelli ad esempio delle mongolfiere o dei palloni aerostatici tipo gli Zeppelin. Qunidi in pista di "atterraggio", in questo caso specifico è proprio il caso di dirlo, di certe problematiche legate agli incidenti mortali in genere e aerei in particolare mi sembra decisiva l'asse Quinta-Undicesima (Leone-Aquario), Urano-Eolo (Ypsilon)..che ne diventa significatore astrologico principale.
STORIA DEL VOLO
Oltre ai miti come quello di Dedalo e Icaro, la storia dell'aviazione si occupa anche dei primi oggetti volanti legati alle antichissime tradizioni cinesi della lanterna volante e dell'aquilone. Già nell'antico Egitto era frequente che alcune divinità, ad esempio Iside, venissero raffigurate con le ali; lo Zoroastrismo dava grande importanza a personaggi alati con caratteristiche sovrumane; e anche l'iconografia cristiana conserverà e riprenderà le figure di esseri alati intermediari tra l'uomo e Dio reinterpretandole come angeli. Nel mondo occidentale l'attenzione sì concentrò sul volo, per la prima volta in modo sistematico, nel corso del Rinascimento e in particolare con gli studi di Leonardo da Vinci. Fu poi nel XVII° secolo che, con una nuova consapevolezza metodologica, altri studiosi si rivolsero verso il campo dell'aviazione, e nel 1783 venne raggiunto l'importante risultato del primo volo di una mongolfiera; nel corso del XIX secolo, poi, accanto a un sempre maggiore affinamento della formula dell'aerostato (a partire dalla nascita del dirigibile) vennero intrapresi studi sempre più accurati a proposito del volo di macchine "più pesanti dell'aria", spesso senza motore e in alcuni casi con motori a vapore.  Ciononostante, il primo vero e proprio volo umano della storia moderna è di solito identificato con quello compiuto nel 1783 dai francesi Jean-François Pilâtre de Rozier e François Laurent a bordo di un pallone ad aria calda costruito dai fratelli Montgolfier (che da loro avrebbe preso il nome di mongolfiera). Essi dopo aver avuto successo in alcune prove di volo, decisero di effettuare il primo volo libero di un equipaggio umano. Il 21 novembre, decollati dal centro di Parigi  Pilâtre de Rozier e F. Laurent volarono per circa 25 minuti, percorrendo una distanza di 9 chilometri a una quota variabile intorno ai 100 m di altezza, sui tetti di Parigi. La trasvolata fece notevole scalpore.
Nonostante tutti i tentativi di alzarsi in volo compiuti con le macchine più diverse nel corso di tutto l'Ottocento (alcuni dei quali avevano anche incontrato un parziale successo), in generale il primo volo sostenuto e controllato di un mezzo motorizzato più pesante dell'aria con un essere umano a bordo è identificato con quello compiuto il 17 dicembre 1903 dal Flyer dei fratelli Orville e Wilbur Wright.
Quindi il primo Momento Seme (I.C.) che interessa per la ricerca sulla configurazione significatrice del volo umano in assoluto è quello dei frateli Mongolfier. La loro invenzione fu il primo aeromobile a portare un essere umano in cielo. In seguito al successo dei loro esperimenti, furono nominati membri straordinari dell'Accademia delle scienze di Parigi ed il padre Pierre ricevette, come riconoscimento, il titolo nobiliare ereditario de Montgolfier dal re Luigi XVI nel 1783. Il 19 settembre del 1783 l'"Aerostate Révellion" fu fatto volare con a bordo i primi aeronauti viventi: una pecora, un'oca ed un gallo, collocati in un cesto appeso alle corde del pallone. Questa dimostrazione ebbe luogo di fronte a un'immensa folla raccolta nel palazzo reale di Versailles, presenti il Re Luigi XVI e la Regina Maria Antonietta. Il volo durò circa 8 minuti, coprì circa 3 km e raggiunse un'altezza di circa 500 metri; sarebbe potuto durare di più, ma l'aerostato era instabile, e perciò subito dopo il decollo si inclinò vistosamente su un lato, lasciando fuoriuscire dall'imboccatura una notevole quantità dell'aria calda contenuta all'interno. Gli animali, comunque, completarono il volo senza conseguenze. A seguito del successo dell'esperimento di Versailles, il 21 novembre del 1783 Pilâtre de Rozier e il marchese d'Arlandes realizzarono il primo volo libero umano, coprendo in 25 minuti una distanza di circa 9 km a una quota variabile intorno ai 100 m di altezza, sui tetti di Parigi. La trasvolata fece notevole scalpore. Numerose iscrizioni celebrarono lo storico evento. Il tema Natale dei Mongolfier, quello cioè del loro primo volo sopra un velivolo che poi si chiamerà mongolfiera, avviene a Parigi il 21 novembre del 1783 alle h. 12,07, aggancia inesorabilmente l'Asse Aquario-Leone come dire che non poteva non essere così..Infatti l'Ascendente è a 7°10' dell'Aquario con un Plutone in prima, congiuntissimo all'ascendente che la dice lunga sulla necesità di ropmere col passato e cercare vie nuone per far emergere la modernità, l'inventina tipicamente aquariana, ma anche con la grande pericolosità che questo tipo di comunicazione aerea porta con se accompagnata sistematicamente, anche oggi, da quella che viene clinicamente detta: "paura di volare" (in certi casi gravi si trasforma in terrore...) sia in senso metaforico che fisico. L'ascendente Aquario prevede un discendente Leone come è normale, quindi l'asse significatrice del volo è ampiamente rappresentata nei segni all'orizzonte punto strategico di qualsiasi tema natale, ma la domificazione è ulteriormente parlante in quanto l'asse Quinta-Undicesima è domificata in Gemelli-Sagittario, , i segni cioè della comunicazione in senso lato, significatori sia del senso metafisico del moto che del trasporto e dei viaggi (aerei compresi),  fisicamente realizzabili. Ma non basta perché nell’asse Quinta-Undicesima la configurazione del Tema pone in presenza, Urano, significatore, come abbiamo visto, aquariano del Volo, in Quinta opposto esattamente a Saturno in Undicesima a significarne la pericolosità e i blocchi di paura che solo gli aquari doc sanno superare..con la loro necessità intrinseca di libertà sia del corpo che delle idee.. Saturno sempre presente ogni volta che si tratta d’innovare qualcosa perché ne fa percepire la forza del passato che non vuole mollare le sue certezze..e il volo di per se è un’aperta violazione a questo concetto…Ma non è finita in fatto di “coincidenze” che come sappiamo coincidenze non sono, perché rimarrete allibiti dalla prossima constatazione in quanto nel tema parigino dei mongolfier è presente ben impiantata la Grande Croce Cardinale, praticamente configurata sugli stessi gradi di quella attuale (in questo mese di marzo allentata, scissa  per il momentaneo allontanamento di Marte che sta tornando in retrogradazione all’incontro della nuova e decisamente più pericolosa formazione di aprile…2014, durante la “Santa  Pasqua”…!!). Marte, nel tema dei Mongolfier, è a 6° Ariete, Urano è a 11° Granchio, Nettuno è a 11° Bilancia, e Saturno a 10° in Capricorno circa…domificati però sulle case Fisse: seconda, quinta, ottava e undicesima..che gli conferiscono una verifica nel tempo delle istanze che vengono promosse..: nel nostro caso siamo di fronte al primo evento di un volo umano che non sarà qualcosa che finirà lì, fine a se stesso, ma sarà prodromo di grandi trasformazioni in molti ambiti del sociale, della cultura di tutti i popoli che potranno poi usufruirne per progredire.. 
Le corrispondenze sincroniche sono incredibili rispetto al 2014 e al volo del Boeing malese che tra poco vedremo meglio. Infatti la sinastria più adatta, più efficace a rispondere alla mia analisi è questa relativa al primo volo aereo, diciamo moderno e "motorizzato", rispeto a quello senza motore dei Mongolfier: mi sto riferendo in questo secondo caso al coraggio e alla decisa visione dei Fratelli Wright americani. Una coincidenza strana, (anche questa...) a prescindere dalla mia analisi sul volo, questa delle coppie di fratelli che sono all'origine della ricerca del volo.., come se fosse necessario, in relazione al volo aereo, una spinta conoscitiva che si poggi sull'unione d'intenti di due fratelli (qualcosa che riguarda maggiormente una coppia piuttosto che un singolo): un pilota e un copilota si potrebbe chiosare... Coincidenza  significativa o casualità..? Si sa che non credo mai al caso quindi anche questo aspetto dovrebbe essere studiato per comprendere il senso..ma tant'è, mi accontento di averlo notato come spunto da comprendere in un eventuale prossimo approfondimento. Ora anche ad anni di distanza, qualche secolo, l'incredibile si avvera perchè anche questo Tema del Volo a motore ripropone l'asse dell'orizzonte Aquario-Leone (I.C. a19° Aquario) a riconferma della giustezza dei significatori prescelti dall'analogia astrologica per definire il Volo umano. Il Radix del Primo Volo Umano a motore (quello dei Fratelli Wright del 17 dicembre del 1903 alle 10:35 in Kitty Hawk, N.C.), ci fornisce di una mappa celeste per seguire tutti gli eventi relativi ai voli, inclusi gli incidenti tragici. Questo oroscopo, come quello dei Mongolfier, si caratterizza per avere diversi aspetti “dinamici” che quando attivati da importanti transiti o progressioni possono portare a una serie di disastri a dirottamenti sui voli di linea, come è successo per tanti anni. Si noti che la Parte di Fortuna risulta schiacciata tra Marte e Saturno in casa   Dodicesima diventando così se mi si consente il gioco di parole la "Parte della Sfortuna". Questa congiunzione tra Marte e Saturno è in aspetto di sestile con il Mediocielo, e i due punti entrambi sono in aspetto di Quinconce con Nettuno, a formare un importantissimo Yod. Anche in questo Tema abbiamo a che fare con la stessa asse quinta-undicesima in Gemeli-Sagittario, proprio come nel tema dei Mongolfier, ma non è un aspetto determinante in quanto, essendo lo stesso ascendente in aquario, è quasi inevitabile che l'asse cada in quei segni che riguardano da vicino la comunicazione in tutte le sue manifestazioni..Ma la particolarità significativa invece che si nota in presenza nel'asse è l'opposizione decisa Nettuno-Mercurio stante ad indicare il preciso superamento-Nettuno del limite imposto dalla ragione-Mercurio..il tutto collegato allo Yod di cui sopra. Lo Yod o Dito di Dio, per chi non sapesse d'astrologia, richiede riadattamento o rigenerazione emotiva o mentale. Il pianeta focale che lo forma indica le energie da rigenerare; il suo segno il modo in cui le energie devono essere corrette o sperimentate di nuovo; la sua casa il settore della vita in cui avverrà la trasformazione. Il pianeta focale, Nettuno in questo caso, è molto sensibile a causa dei quinconce (aspetti con sesta e ottava casa) e crea una tensione subliminale che può provocare problemi fisici o psicologici. Questo pianeta è considerato come la missione della vita, il dito di Dio, il dito del fato, il destino finale, l'indicatore celeste.... Le persone che hanno lo yod, nella vita sono soggette a svolte in cui devono affrontare una crisi e risolverla mediante un cambiamento di coscienza, spesso vissuto come un cambiamento di vita che sembra predestinato: il tutto riletto nell'ambito di un evento quale il tema del Primo Volo umano "motorizzato" sta ad indicare la necesità d'intraprendere coraggiosamente un nuovo percorso per il futuro dei popoli abbandonando le incertezze, i blocchi che ne restringevano da tempo immemore l'evoluzione, come avviene sempre per ogni nuovo evento che cambia lo status quo: il volo ha consentito tra l'altro l'avvicinarsi dei luoghi e delle persone grazie a quei pionieri che hanno rischiato in prima persona certamente anche e sopratutto la loro vita. Astrologicamente, il grafico oroscopico del Primo Volo Umano è il migliore strumento che abbiamo per seguire anche l’esplorazione dello spazio.  La chiave dinamica d'interpretazione è rappresentata indubbiamente dalla congiunzione di Sole e Urano, opposti da Plutone. Questa polarità appare tra il segno dell’avventura senza limite, il Sagittario, e quello degli spostamenti brevi, i Gemelli. Insieme, essi rappresentano una rivoluzione scientifica (Sole/Urano) che trasforma (Plutone) il nostro sistema collettivo di trasporto, che consentirà di superare i limiti stessi della ragione (Nettuno pianeta focale dello Yod, oppostro a Mercurio). Come ho accennato la scelta dei significatori in astrologia è un tema delicato da sempre e bisogna saper bene padroneggiare il gioco delle simbologie per endere il più attendibile possibile l'analogia che ne deriva altrimenti si può incorrere in un errore di oggettivizzazione del simbolo non di poco conto. E' vero che l'astrologia classica non fa menzione di mongolfiere, areostati, aerei ad elica o a reazione, ne di navicelle spaziali, razzi vettori, paracaduti  e rientri nell'atmosfera ecc. ecc..ma è anche vero che usando le opportune similitudini potremo risalire facilmente ai significatori di oggetti sconosciuti all'astrologo di qualche secolo fa, del resto se lo stesso significatore una volta usato per il cocchio o la carrozza trainati da cavalli, Mercurio, può oggi essere usato per l'automobile, e il significatore dei lunghi viaggi per mare, Nettuno, e quello per lunghi viaggi per aereo, Urano e Eolo-Y, ci sarà modo di dare un significatore anche agli attori (piloti, equipaggio e passeggeri..) e ai mezzi specifici del volo che può essere a "vela" (aliante); a gas (mongolfiera); ad elica (piccoli bimotori); a reazione (aerei comerciali e militari); per non parlare poi di Navicelle spaziali, Razzi vettori e Dischi volanti ormai entrati nell'uso comune della documentazione del volo moderno. Il termine di aereomobile, (un po come più adeguatamente il termine "navicella" che indica l'angusto veicolo in cui il temerario astronauta viene rinchiuso durante il volo nello spazio..) già dice chiaramente che dovremo considerarlo come fosse una "nave del cielo"che solca gli oceani celesti e dunque è possibile servirsi delle ancor valide spiegazioni che William Lilly, astrologo ricercatore di grande rilevanza, dà nel suo Christian Astrology (pag 157-165) a proposito delle domande poste per conoscere la sorte capitata ad una nave (che nel suo caso solcava mari "veri"..) di cui non si ha più notizia (quindi ben riferito alla scomparsa, ormai lunga, oltre dieci giorni, dell'aereo fantasma delle aviolinee malesi..avvenuto in questi giorni di marzo) e quindi come si possa, per mezzo dell'astrologia, avere una idea abbastanza precisa dello stato di una "nave", del suo equipaggio e dei beni trasportati. Le regole poste all'attenzione da Lilly ed anche dal meno noto J. Gadbury, come detto, erano utilizzate per giudicare della sicurezza dei viaggi in mare, quindi il mezzo era sostanzialmente un vascello, una nave.. Regole queste che  pertinentemente per analogia, possono essere relazionate anche ai viaggi in aereo. Il simbolismo dei segni e delle case proposto è il seguente:
- l’aereo ed il contenuto della stiva sono date dall’Ascendente e dalla Luna
- i passeggeri sono simboleggiati dal signore dell’Ascendente
- il capitano è simboleggiato dal Medio Cielo e dal suo governatore.    
Il Tema Natale dei Fratelli Wright, stando a questi antichi significatori, vede l'aereo a 19°Aquario, perfettamente in trigono con Plutone e in settile (52° circa) ad Urano suo governatore: riuscita geniale..e innovativa. La Luna, contenuto della stiva, a 10° Sagittario in decima opposta a Pluone e quadrata a Giove, suo governatore, dalla Prima casa. I passeggeri, (in questo caso specifico erano i fratelli stessi) simboleggiati dal signore dell'ascendente, cioè Urano, che nel tema è congiunto al Sole, in pieno Centro Galattico, opposto anch'esso a Plutone. Il Capitano, uno dei fratelli, è simbolegiato dal Mediocielo a 5°Sagittario, sestile alla congiunzione Marte, Saturno quindi protetto dai cosiddetti "malefici" e da Giove, il benefico suo governatore, in prima casa, come abbiamo visto, decisamente leso, quadrato alla Luna e a Plutone com'è. Tutto dice dell' "impresa" vera e propria, (con i pro e i contro dei processi maggiormente legati ai principi dell'avventura che non ai ragionamenti tecnico-scientifici, pur rappresentati sempre dall'asse gemelli-sagittario): nulla è semplice in questo tema che non scorre con facilità, ma ottiene i favori di quel Giove che protegge l'impresa tipicamente sagittariana.. I significatori endemici dei viaggi, Gemelli e Sagittario, in primo piano sull'asse della realizzazione e della vocazione, Mediocielo-Fondocielo, che ne danno in assoluto la valenza dell'impresa avventurosa, nonostante le difficoltà riscontrate da Giove leso in modo deciso ma anche propositivo data la sua domificazione prominente: nulla insomma è ancora a posto ma.., intanto si comincia a volare...con quel Giove in prima. La congiunzione determinante di questo quadro astrale è quella che unisce  Urano al Sole, al mediocielo che ne da la spinta propulsiva..ad ottenere il successo vocazionale: i due significatori del Volo sono congiunti (Urano e Sole-Leone-Eolo) ed anche se opposti a Plutone, che ne controlla l'inevitabile trasformazione per proporne lo sviluppo costante nell'ambito delle specializzazioni future, sono il vero centro motore della realizzazione del volo.
Il Tema Natale del Boeing 777 volo MH370 della Malaysia Airlines: IL DECOLLO
Le regole di Lilly e Gadbury, come abbbiamo visto, erano utilizzate per giudicare della sicurezza dei viaggi in nave, ma in seguito sono state applicate opportunamente per analogia anche ai viaggi in aereo come abbiamo potuto comprendere dalla correlazione messa in atto..nel tema dei Fratelli Wright. Quindi stabiliti i temi principali del volo come significatori del volo appunto, vediamo cosa accade nel tema del Boeing 777 e della sua scomparsa dai cieli senza lasciare apparentemente traccia a ben 10 giorni ormai dalla partenza da Kuala Lumpur l'8 marzo 2014. A bordo ci sono 239 persone, inclusi due bambini e 12 membri dell'equipaggio, la gran parte, circa 152, di nazionalità cinese, secondo quanto ha riferito il ceo della compagina aerea in una drammatica conferenza stampa da Pechino. E' bene innanzituto sapere che il Boeing 777 è praticamente un campo di calcio che vola: e, proprio per questo motivo indiscutibile, non può scomparire dai radar come nessun areoplano peraltro può fare, men che meno un'areomobile di simili proporzioni. Infatti dovete sapere, a detta di esperti intervistati ovunque sulla questione, che un aereoplano non può assolutamente "sparire", soprattutto di quelle dimensioni, e che sul radar primario, cioè militare, dà un ritorno immenso. Ipotizziamo che i controllori militari fossero distratti: tutti, mi viene spontanemante da dire? In tutti i paesi..interessati? Comunque, mettiamo pure che quella sera i radaristi tailandesi stessero brindando per festeggiare non so cosa. Ma il giorno dopo? Possibile che non abbiano esaminato tutte le tracce registrate dai radar? Ma certo che l’hanno fatto: già in questo caso si capisce che c'è qualcosa che non va rispetto alla normale procedura..: infatti sembra che le tracce siano state consegnate solo l’altro ieri, con nove giorni di ritardo...Insomma basta questo antefatto per far capire che non si tratta di un Volo qualsiasi e che c'è un forte anomalia rispetto alla procedura internazionale..consolidata. Entriamo nel tema del volo e vediamo subito senza perdere tempo che l'Asse Ascendente-Discendente è in Sagittario-Gemelli correlata perfettamente ai temi di riferimento sia dei Mongolfier che degli Wright, dove in entrambi i temi "copriva" il meridiano..con il Sagittario al Mediocielo. Pertanto siamo in pieno rispetto dei significatori del volo e del moto, anche se l'orario di partenza del Boeing li pone sull'Orizzonte. Già questa evidenziazione è "miracolosa" nel senso che esclude il caso, date le innummerevoli condizioni di probabilità da prendere in considerazione per un'ora di partenza che può agire nelle 24 ore indistintamente..Ma l'altra coincidenza è la presenza di Urano, primario significatore del Volo, in Quinta cioè l'asse, quinta-undicesima, come abbiamo visto, determinante del Volo. Ora ne spiego l'importanza per capire cosa può essere successo. L’aereo ed il contenuto della stiva sono date dall’Ascendente e dalla Luna seguendo le istruzioni del Lilly: quindi l'Ascendente-Aereo a 8° Sagittario è opposto proprio alla Luna-contenuti della stiva e quadrato senza scampo da Nettuno-oceano, mare e peggio ancora al Mediocielo in Vergine che ne segna il destino non proprio felice, direi anzi, decisamente catastrofico...La situazione del Boeing sembra essere compromessa. In primis, l’ascendente riceve opposizione dalla Luna, e la quadratura da Nettuno come visto.  La Luna è a sua volta quadrata a Nettuno, quindi possiamo giudicare che l’aereo, probabilmente è “atterrato in mare” (Gadbury definisce la luna “lady of the seas”: la signora del mare, meglio delle maree) pertanto con molte probabilità di essersi completamente distrutto.
I passeggeri sono simboleggiati dal signore dell’Ascendente: Giove. Giove è in ottava, la morte come essenza per rinascere.., non proprio la casa della morte fisica che è l’Undicesima, come detto, dove troviamo il cosiddetto grande malefico Marte, tra l’altro congiunto al Nodo Nord che come segnale d’incidente grave non è per nulla da trascurare.. Giove signore dell’ascendente decisamente leso, quinconce all’ascendente, quadrato a Urano e opposto a Plutone com’è non lascia molte speranze ai passeggeri del velivolo. Qualche ipotesi di salvezza per qualcuno ci può essere collegata agli aspetti di trigono con Nettuno e col Sole: ci potrebbero essere dei superstiti.  Il capitano è simboleggiato dal Medio Cielo e dal suo governatore: Medio cielo a 6°Vergine e Mercurio, suo governatore, in terza in Aquario quadrato a Saturno. Il Mediocielo è messo male proprio con l’ascendente-aereo, così come Mercurio per cui il Capitano non ha speranze di salvarsi (cfr. Regulus). 
Insomma a seguire i significatori non ci sono soluzioni di salvezza l’aereo è ammarato e i passeggeri sono morti. Una flebile speranza per qualche sopravvissuto c’è con quei trigoni di Giove sia a Nettuno che al Sole che lascia sperare su qualche sorpresa, ma l’analisi non lascia spazio a grandi possibilità.. Quindi potremmo dire che è tutto chiaro: anche se non ci sono conferme ufficiali ad oggi, dopo 10 giorni circa, non si sa cosa sia accaduto dell’aereo e dei suoi passeggeri. Però tutto chiaro proprio non è in realtà, perché aldilà di queste certezze sull’accadimento in se, possiamo dire che manca una evidente motivazione su tutto l’evento che certamente non è così limpido come il tema finora ci ha spiegato. La motivazione non può essere quella del semplice incidente..: un aereo non scompare dai radar all’improvviso senza un motivo preciso.. quindi nel tema ci deve essere una spiegazione ulteriore..che possa chiarire cosa abbiamo di fronte nella realtà. C’è una motivazione apparente e ce n’è una sotterranea: la prima, quella apparente, si appoggia al probabilissimo dirottamento in quanto l’aereo ha cambiato rotta prima di sparire dai radar e quella sotterranea è spiegata da Plutone, re degli inferi appunto. Plutone è semiquintile (36°) all’Ascendente-aereo: aspetto considerato erroneamente minore dall’astrologia classica in quanto è la decima parte del cerchio quindi un preciso multiplo del cerchio. Il semiquintile rappresenta il pre­lu­dio alla me­ta­mor­fo­si, al cam­bia­men­to re­pen­ti­no: non tutto è oro quel che luccica.. Il mezzo, il pro­get­to, utile all’in­sor­ge­re di un’idea, pro­ba­bil­mente sti­mo­la­ta da una pro­spet­ti­va di adat­ta­men­to in­com­ple­ta, in­suf­fi­cien­te o non ri­sol­ta, abor­ti­ta, in di­pen­den­za dai fat­to­ri con­co­mi­tan­ti. Man­ca­to buon fine o pro­mes­sa di cam­bia­men­to;. In­si­cu­rez­za. Le pro­ba­bi­li­tà a con­cre­tiz­zarsi sono ri­dot­te, ma po­trà di­pen­de­re dai fat­to­ri com­po­nen­ti. Questa sottolineatura per dire che Plutone, opposto a Giove-passeggeri, quadrato a Urano in quinta, è decisamente leso quindi inficia la struttura del semiquintile e parla di raggiro, di stravolgimento della realtà. Questo Pianeta governa la distruzione, la morte, l’ossessione, il sequestro di persona, la coercizione, i virus e gli scarti. Plutone governa anche il crimine e la malavita, insieme con molte forme di attività sovversive (terrorismo, dittatura, quindi la Politica..). Questo Pianeta si regola su tutto ciò che è segreto e nascosto, che è nascosto alla vista, quindi è un pianeta contro la realtà che si vede alla luce del Sole (essendone il principio opposto o Sole nero..) perché la sottende e la stravolge: è il pianeta della vera menzogna, del vero raggiro, della non verità, perlomeno della non verità vera..che sembra un gioco di parole ma non lo è affatto. In realtà Plutone avverte a saperlo ben indagare..:avverte dei pericoli imminenti quando nei grafici dei temi ha posizioni preminenti..oscura la strada che sembra essere vera per illuminare quella che è nascosta..Dobbiamo imparare ad interpretarlo correttamente..  Plutone è il pianeta che in realtà regge tutto il tema della scomparsa dell’aereo: semiquintile all’Ascendente e a Mercurio opposto a Giove, quadrato a Urano, quinconce alla Luna, trigono al Mediocielo (che ne consente il primato e la riuscita dell’obiettivo perverso) quindi è connesso a tutti i significatori del tema. Questa dominante non si esplica però nella posizione terrestre della seconda casa che ne limita la portata, non toccando l’essenza primaria che è in prima. Stilando il tema dell’ultimo segnale di “vita” alle 2,15, Plutone è in prima e da questa posizione prominente dice della grande truffa internazionale che sta dietro questa storia. Siamo di fronte ad un “avviso” di stampo mafioso: l’aereo è stato dirottato come segnale per convincere chi è ancora restio alla legge della “governance globale”. Esso era diretto a Pechino in Cina e questo basta e avanza per comprendere il perché la Cina abbia improvvisamente deciso di “non intervenire” nelle dinamiche russe in Crimea e in Ucraina, cosa che è sembrata come minimo strana lì per lì…, in quanto non è normale che una potenza della portata della Cina resti in silenzio, in disparte a vedere che cosa accade tra gli americani, l’Ue, e i russi..: cioè l’antica disputa oriente-occidente, potere temporale-potere spirituale..e tutto quello che ne consegue..!!!  Plutone e la sua dinamica perversa rappresenta tutto questo, cioè il potere nascosto, elusivo, invisibile, sottostante la realtà drogata che ci viene sistematicamente proposta come vera: Plutone quando è prominente nel tema, per presenza o per aspetti, non dice mai la verità che si vede, semmai racconta quella che non si vede…, è bene capirlo..una volta per tutte. In realtà esso ci aiuta a ben interpretare le dinamiche in cui siamo immersi, ci aiuta ad aprire gli occhi sulle vicende: non è un caso infatti che nel tema della scomparsa definitiva del segnale radio esso si trova in prima casa (passa dalla seconda nel tema del decollo alla prima..) perfettamente opposto a Giove in settima: un dio notturno contro un dio diurno…che meglio non può rappresentare la simbologia degli eventi in atto su quella che può solo sembrare una semplice scomparsa di un aereo che in realtà è certamente connessa alle dinamiche dell’Elite mondiale che sta spadroneggiando in lungo e in largo sulle nostre piccole teste checchè ne continuino a dire i media, prezzolati anche loro, per addormentare le coscienze e non per vivificarle.. ammesso e, purtroppo non concesso, che si rendano conto del gioco al massacro a cui stanno partecipando…!!   In questa storia di lotte di potere secolari (le due potenze si stanno scontrando per il predominio non solo del mondo ma dell’universo conosciuto: il potere temporale e quello religioso),  ipotizzata, congegnata e messa in opera da tantissimi anni con l’ausilio di coscienze certamente non solo umane l’Elite ha sfruttato sistematicamente la crisi finanziaria, organizzata da loro stessi, per permettere al G20 (i primi stati del mondo) di mostrarsi come i salvatori e di conseguenza di conferire a se stessi (che comunque li rappresentano..) il potere per imporre le regolazione del dominio globale sugli stati nazionali in nome della necessitá di evitare un’altra crisi mondiale…: il gioco del domino o delle scatole cinesi.. Come dichiarato dal presidente della UE, Herman Van Rompuy, assolutamente un “alieno” per struttura e somiglianza genetica, durante il suo discorso a Bruxelles, quando specificò che il 2009 ha segnato il primo anno ufficiale in cui i poteri del governo mondiale vengono esercitati direttamente per controllare le economie degli stati nazionali…Il 2009, con l’entrata in atto di Plutone in Capricorno (l’esegesi del potere) è l’anno della costituzione della prima Grande Croce Cardinale.. Il 2009, non dimenticatelo,  è anche il primo anno della “Governance Globale”, con la costituzione del G20 nel mezzo della crisi finanziaria….
A buon intenditor …

Roma 13.03.2014                            

Dr. Claudio Crespina IlNADIR

Naviga verso:

Logica Astrologica 

Ultime dal Blog

Monitoraggio Personale sul nadir