L'INSENSIBILITA' DI UNA LUNA ISTINTIVA

"…Eclissare è nascondere, occludere. Se diamo alla nozione di 'punto di vista' un significato generale, non legato alla presenza di un occhio, ogniqualvolta un corpo si interpone tra altri due, questi ultimi vengono eclissati a vicenda dal corpo interposto. Di frequente gli oggetti celesti si ritrovano in qualche allineamento, nella più totale indifferenza reciproca e del resto del cosmo, almeno apparente...!!  Ma, è questa la "magia", la presenza di uno sguardo cambia radicalmente le cose, perché in questo sguardo si riassume la memoria del mondo e si mette a fuoco la sorpresa, e la paura, di fronte a un fenomeno per cui non sono state previste difese, né nozioni interpretative utili a calmare gli animi del mondo. Certo, non è facile prevedere gli effetti dell'eclisse sulla mente. E tuttavia qualche elemento ci sarebbe. Anche senza scomodare gli archetipi, la letteratura di ogni tempo e di ogni Paese ci ha posto di fronte a un tesoro di descrizioni e impressioni che sembrano convergere su alcuni fatti salienti. Gli uomini interrompono le loro attività, osservano con terrore, alcuni con stupore,  l'inaudita configurazione del cielo, reagiscono con grida e scene di panico al calare silente e costante dell'illuminazione circostante. Gli animali scambiano l'ombra dell'eclisse con quella della notte e si apprestano a dormire, se non si addormentano di colpo, cosa che può

risultare fatale agli uccelli in volo. Nascono sotto un'eclisse, c'informa la tradizione scolastica astrologica, principi regnanti abitati dal malanimo o pretendenti pieni di invidia che comunque getteranno un'ombra scura sui destini della loro nazione. I manuali latini di retorica giungono a consigliare ai generali delle grandi armate di prepararsi un sermone da usare se nell'eventualità dì un'eclisse totale o parziale, i soldati, terrorizzati dal sole nero, abbandonassero la mischia e si rifiutassero di combattere. I tempi dell'eclisse sono brevi e questo fa sì che manchino studi approfonditi sull'ecologia del fenomeno.. L'eclisse moderna diventa spettacolo, un fatto culturale che gioca, sfidandola, con l'epoca della riproducibilità tecnica. All'impressione del sublime non era estranea l'idea della sorpresa, dell'imprevedibilità. Adesso lo stesso, sublime è associato all'idea opposta, quella di una completa prevedibilità. Ma l'eclisse affascina, al punto da spingere decine di migliaia dì persone ad attraversare gli oceani per non perdere un appuntamento. Persone che vanno a vedere l'eclisse, chi sono, perché sono ossessionate dall'appuntamento, misurano, cercano una conferma che sanno che ci sarà. Sappiamo che cosa aspettarci, quando, e dove. Forse ci fa impressione che cose tanto grandi e indifferenti alle vicende umane rispettino degli appuntamenti così precisi? Forse c'è qualcosa dì strano in un appuntamento che non è sociale? Ma in fondo la luna e il sole sono parte del nostro mondo civile e sociale, oltre che astronomico e astrologico anche se si tratta degli dei dell'Olimpo".

Cosa ci spinge a considerare un Eclissi un evento (oltre che Astronomico, anche Astrologico) nella "norma", e soprattutto perchè si considera un Eclissi ma si omette completamente il processo legato al movimento dei pianeti?

Una domanda che lascia sicuramente molteplici risposte, alcune difficili, altre ovvie, altre rimangono nell'incertezza, ma sicuramente si dovrebbe partire da qui...dalla domanda.
Un'eclissi lunare è un noto fenomeno ottico durante il quale l'ombra della Terra oscura del tutto o parzialmente la Luna e che si verifica nel momento in cui quest'ultima è in fase di "piena" mentre Sole, Terra ed essa si trovano allineati in quest'ordine. La Terra è al centro, il Sole e la Luna si trovano uno sopra l'altro (ovvero la Luna passa davanti al sole e si situa tra questo e la Terra, oscurandolo). Ciò che distingue un’eclissi da un normale novilunio è legato piuttosto al "punto di vista": l'eclissi è tale perché è visibile in una specifica area geografica in modo totale o parziale e perché in quel luogo l'inclinazione della Terra è, perfettamente o quasi, in asse con gli altri due astri… ovviamente se fosse visibile solo al Polo Nord o di notte, per noi non avrebbe significato e sarebbe il solito Novilunio mensile...Idem per il Plenilunio: in questo caso, la Terra è sempre al centro (è il nostro punto di vista!) mentre il Sole è in totale opposizione alla Luna tanto da illuminarla interamente. Se la Terra passa in mezzo a questa opposizione si ha l'eclissi di Luna: ovvero l'ombra della Terra oscura la Luna piena.. A causa delle reciproche distanze fra il Sole, la Luna e la Terra, l'ombra che si introduce per interposizione, è di forma conica.

Nelle eclissi lunari il cono d'ombra proiettato dalla Terra è sempre molto più ampio della Luna, ed è accompagnato da un cono ancora più ampio, detto cono di penombra, nel quale solo una parte dei raggi del Sole vengono intercettati dalla Terra. Si possono avere perciò vari tipi di eclissi di Luna, a seconda che la Luna entri totalmente (eclissi totale), o parzialmente (eclissi parziale) nel cono d'ombra, totalmente o parzialmente nel cono di penombra (eclissi penombrale). Un'eclissi lunare totale si verifica quando la Luna transita completamente attraverso l'ombra della Terra. La Luna attraversa prima la penombra, poi l'ombra e infine, dopo esserne uscita, interessa di nuovo la fascia penombrale. Poiché il periodo di rotazione della Luna è esattamente uguale al suo periodo orbitale, noi vediamo sempre la stessa faccia della Luna, rivolta verso la Terra. Questa sincronia è il risultato dell'attrito gravitazionale che ha rallentato la rotazione della Luna nella sua storia iniziale. A causa di queste forze, dette anche forze di marea, anche la rotazione della Terra viene gradualmente rallentata, e la Luna si allontana lentamente dalla Terra mentre il momento rotazionale di quest'ultima viene trasferito al momento orbitale della Luna. L'attrazione gravitazionale che la Luna esercita sulla Terra è la causa delle maree del mare. Le variazioni della marea sono sincronizzate con l'orbita della Luna attorno alla Terra. La Terra e la Luna orbitano attorno ad un centro di massa comune, che si trova ad una distanza di circa 4700 chilometri dal centro della Terra. Poiché questo centro si trova dentro alla massa terrestre, il moto della Terra è meglio descritto come un'oscillazione. Viste dal Polo Nord della Terra, le rotazioni dei due corpi celesti, l'orbita della Luna attorno alla Terra e l'orbita di questa attorno al Sole sono tutte in senso antiorario. Rispetto agli altri satelliti del sistema solare, la Luna è eccezionalmente grande rispetto al pianeta attorno a cui orbita, tanto che il sistema Terra-Luna può essere quasi considerato un pianeta doppio ("quasi" perché il centro di gravità del sistema Terra-Luna è comunque di poco all'interno della Terra). 

Approfondimento Astrologico

Questa Eclissi Totale di Luna, con Luna Piena in Ariete, enfatizza la Luna Piena e i suoi significati: essendo inoltre nel segno dell’Ariete, come tale apportatrice di energie propizie ad ogni inizio. Energie propulsive che, dal Fuoco dell’Ariete si avvalgono degli impulsi istintivi del segno, per accendere la scintilla della fiamma che attiva il fuoco del mondo e dell'essere e tutto coinvolge, e ne è coinvolta a sua volta. 
Con la Luna Piena in Ariete opposta al Sole in Bilancia, tutte le energie attivate, si manifestano portando a termine la maturazione di ciò che è stato iniziato, nel senso di equilibrio e di giustizia, tramite le energie creatrici della scintilla generatrice Arietina. La Luna Piena in Ariete pertanto, archetipamente potremmo dire, attiva energie creatrici e costruttive propense ad ogni forma di inizio e invita a procedere all’azione, a esteriorizzare le aspirazioni, dona fiducia nelle possibilità di conquista e realizzazione. Invita allo slancio spontaneo nelle iniziative amorose, favorevole agli innamoramenti che esplodono come colpi di fulmine e che nascono con una spontanea impulsività che si precipita ad agire. Intellettualmente sprona un’attività mentale dallo spirito vivace, e una prontezza di riflessi  nelle decisioni, predisposta al comando delle situazioni, con una mentalità impulsiva che fa da guida nelle scelte delle iniziative e azioni. La Luna Nuova in Ariete spinge all’impeto e all’indipendenza nell’agire: la sua forza impetuosa genera un’energia che  sprona ad affrontare ogni sorta di ostacoli con la tipica, a volte acerba, cruda combattività, espressa sempre nel punto centrale di ogni situazione, con una concentrata attenzione al problema da affrontare… Indifferente nella sua temerarietà proiettata al trionfo degli intenti, questa Luna “mascolineggiante” invita ad avvalersi della forza delle proprie risorse e attingere alla propria carica di energie per intraprendere iniziative e decisioni attraverso impulsi spontanei, in ogni circostanza.

Le eclissi, bisogna sapere, sono momenti utili per fare importanti cambiamenti di vita. Sono eventi di impostazione dei modelli e possono essere utilizzati per abbattere schemi e costruirne completamente nuovi. Soprattutto per coloro connessi ai gradi consentiti dall’orbita dell’eclisse.

 Il pieno controllo delle nostre emozioni, ci permette di superare anche gravi avversità (Luna trigono a Saturno) perché le risorse di forza non mancano, grazie alla Luna in Ariete, che porta con se coraggio verso i problemi e gli ostacoli che si presentano davanti ai nostri occhi. Guardiamo al passato, cercando di confrontare le nostre emozioni del momento con qualcuno che abbia esperienza nell’ascoltarci.

In questo circolo di emozioni, c’è un Marte quadrato a Saturno che ci avvisa di essere prudenti e di avere pazienza per i nostri progetti, questo gioco di forze, una istintuale, l’altra rigorosa, limitativa tendente a bloccare qualsiasi sforzo, è come cercare di lottare con il fuoco, in questi casi la paura di essere inadeguati alla situazione vince sulla sicurezza di ciò che siamo. La parte di noi stessi che sta lottando per liberarsi delle inibizioni si sentirà stanca di sentirsi trattenuta, gli scatti di rabbia potrebbero prevalere in questa Luna decisamente destabilizzata.

Per chi volesse ammirare questa Luna Arietina, sarà visibile  domani 28 settembre 2015 in Roma - Lazio, Europe/Rome (UTC 2), un'eclisse lunare totale che avrà inizio alle ore 02:12, l'eclissi massimo si verificherà alle 04:47 quando la Luna raggiunge un altitud di 24 °, questo evento sarà giunta al termine a 07:22 e avrà una magnitud penombra di 2.23 (questa è la frazione della Luna oscurata con l'ingresso di penombra della Terra) e un magnitud umbral di 1.276 (frazione della Luna oscurata dal cono d'ombra della Terra). Non perdete l’occasione di vedere questo spettacolo meraviglioso…!!

LA READAZIONE ILNADIR

Sara Del Monte

Naviga verso:

banner-logica-cosmologica 

Monitoraggio Personale sul nadir