21 DICEMBRE 2012 ARMAGEDDON O CAMBIAMENTO..??

21 DICEMBRE 2012: ARMAGEDDON O CAMBIAMENTO..??

la logica illogica delle profezie........!!!    1^parte 

 

altC'è una credenza comune, ovvero che il Calendario MAYA nasconda una profezia riguardo la presunta fine del mondo nel 2012. All'epoca delle prime notizie sulla cultura Maya, una decina d'anni fa o più, sapevo molto poco, riguardo l'intero argomento, quando ho iniziato a fare, come faccioda sempre, ricerche. Mi piace pensare, capire e per questo credo di avere una mente aperta, (anche troppo..in vero...!!!), vorrei non lasciarmi condizionare dagli eventi e da chi scrive informazioni che sappiamo essere spesso di "parte", nel bene e nel male, ma pur credendo di esserne scevro, (super partes...) non posso dire con certezza, ad onor del vero, che non ne sia in qualche modo coinvolto..per la mia passione per il "mistero" in assoluto e per la logica dei simboli, vere eminenze grigie della realtà storica..più che i referti scritti infarciti di personalismi devianti verità e obiettivi: d'altronde dico continuamente che LA STORIA VA RISCRITTA...!!!

La mia ricerca iniziò con l'approfondimento dell'archeologia classica e le interpretazioni degli esperti sul calendario Maya...di cui sapevo l'esistenza e i significati antichi ma, mai mi ero cimentato a capirne le tecniche di calcolo, così avvincenti e così precise per i tempi a cui erano riferiti, che il vero assillo fu quasi immediatamente capire come fosse possibile che un popolo spiritualmente evoluto ma tecnologicamente primitivo, che non conosceva la ruota e il ferro, fosse in grado di calcolare con esattezza "millimetrica" l'eventuale ...FINE DEL MONDO...!!!

MA ANDIAMO PER ORDINE, CERCANDO DI PARLARE (SCRIVERE....) CON LA MASSIMA OBIETTIVITA', CHE D'ALTRA PARTE CORRISPONDE AL MIO METODO PER QUALSIASI TIPO D'INDAGINE IO ABBIA VOLUTO RAPPRESENTARE NEGLI ANNI: non è un caso infatti che sono uno studioso attento e impegnato di quella scienza che pochi riconoscono, purtroppo per loro, tale e cioè l'Astrologia, le cui metodiche inevitabilmente mettono in contatto la mente con gli schemi dell'Assoluto sia scientificamente che filosoficamente parlando... Per questo tempo fa, non a caso, l'ho definita la scienza dei due mondi: quello materico, scientifico, razionale, logico, matematico e quello spirituale, asintomatico, istintuale, quantico, sincronico....: i due emisferi cerebrali cioè dell'essere, mai divisi in realtà, nei giudizi delle cose...per quanto l'uomo, perverso com'è nelle sue sterili contese, riesca continuamente a minarne l'inevitabile connessione che l'Astrologia, unica, vera e prima scienza dell'universo, sottende...dagli inizi dei tempi.

Prima di sviscerare l'intera matassa dei Maya e della loro storia, iniziamo da cosiddetti NON-CREDENTI e dalle loro convinzioni, assolutamente pertinenti, ma anche assolutamente irriguardose circa la grande cultura della popolazione mesoamericana....Come ho scritto nella presentazione su fb di quest'articolo, questa fazione di NON-CREDENTI la suddividerei  tra  quelli del NON E' VERO MA CI CREDO, e coloro che NON CREDONO AFFATTO. Non so chi mi leggerà a quale di queste fazioni apparterrà ma, li prego sin d'ora, di leggere interamente l'articolo e poi dedurne liberamente il giudizio finale perchè, si sa, che il pregiudizio è nocivo alla visione sana della realtà circostante... In un pezzo di qualche mese fà di un giornale lessi  queste parole:..." Non è vero ma ci credo. È questo l’atteggiamento di tante persone alla vigilia dell’ennesimo appuntamento con la fine del mondo. Appuntamento ogni volta disatteso, da almeno duemila anni a questa parte, da quando cioè si cominciò a parlare in Occidente di un’imminente apocalisse e di un giorno del giudizio che avrebbe messo fine al mondo come lo conosciamo. Da allora, nonostante teorie e profezie, non è successo nulla. Questa volta dovrebbe essere diverso? Secondo alcuni sì, perché ci sono di mezzo i Maya, arguti e valenti astronomi che avrebbero previsto la fine del mondo per il 21 dicembre 2012. Ma è davvero così?... 

La spiegazione che ne segue non è affatto disprezzabile e ve la ripropongo:.. "Partendo dall’ovvio assunto per cui i Maya contavano i giorni e gli anni in maniera del tutto diversa da noi, il loro calendario detto del Lungo Computo termina in una data che viene fatta coincidere con il 21 dicembre 2012 dell’era cristiana. Questo calendario non era che uno dei tanti utilizzati dai Maya, e non certo il più comune: l’antico popolo precolombiano utilizzava calendari per la semina e la raccolta, per le liturgie e altre questioni terrene, mentre il Lungo Computo segnava una sorta di ciclicità delle epoche storiche. L’attuale era, iniziata nel 3114 a.C. terminerebbe nel 2012 d.C. accettando le (pur contestate) correlazioni tra il calendario Maya e il nostro. Tuttavia, non esiste una profezia Maya sulla fine del mondo il 21 dicembre. L’idea che alla fine del 13° Baktun, ossia dell’attuale sotto-ciclo del Lungo Computo, il mondo finisca, non ha riscontro in nessuna testimonianza archeologica. Tutto ciò che i Maya ci hanno lasciato sul 21 dicembre è un bassorilievo sul monumento 6 del sito di Tortuguero, in cui si sostiene che alla fine del 13° Baktun scenderà sulla Terra Bolon Yokte, una divinità del loro pantheon. Nulla a che vedere con la distruzione del mondo. Senza contare che i Maya, pur capaci di prevedere eclissi e movimenti dei pianeti, non avevano cognizioni scientifiche molto avanzate e non riuscirono a evitare l’estinzione quando una lieve siccità colpì le loro terre.....". Così finisce l'interessante spiegazione che non è povera però di spunti subito leggibili, che creano un interrogativo evidente: chi sarebbe Bolon Yokte, colui che scenderebbe sulla terra alla fine del 13° Baktun...? Bolon Yokte, è una loro divinità, è la risposta innocente e sbrigativa, ma mi viene da chiedere sopratutto cosa rapresenterebbe in realtà....? Ai posteri l'ardua sentenza...!! Perchè non spiegano di cosa si tratta..., sarebbe un modo maggiormente esaustivo di affrontare una disamina corretta..?? Forse perchè dietro tutta questa storia della cosiddetta "fine del mondo" c'è un'altra "via" da comprendere..in tutta questa vicenda che non riesco proprio a considerare casuale..: un fatto però, lo voglio dire subito e chiaramente, ed è quello che non riguarda minimamente la fine del mondo..!! Via, che lo studio avanzato sul Centro Galattico, in questi anni, mi ha regalato riflessioni importanti e nuove realtà su cui sto lavorando attentamente (anche ascoltando i resoconti, le visioni, di molti cosiddetti "addotti" -alcuni dei quali ricoverati..che la medicina ufficiale cura maldestramente con sistemi antidiluviani..non accettando nei suoi capitolati ragionamenti aperti alla traduzione del simbolo- che parlano di alieni, di mondi lontani, di altri pianeti..d'invasioni e di distruzione). Il pianeta al confine del nostro sistema planetario è Plutone, per quanto gli astronomi ne mettono in dubbio la valenza come pianeta, che si è bagnato nel dicembre 2006, dopo quasi 250 anni, nel Centro Galattico a fine Sagittario, transitandolo in tutto il 2007 (ne scrissi come del limite nel limite..). Plutone, ora che scrivo, è in Capricorno, il segno del Potere...costituito. Cosa può voler dire, traducendo il simbolo, andando oltre alle solite frasi fatte, scritte ovunque: certamente la fine di un Mondo.., non necessariamente del mondo intero. Ma di quale mondo stiamo parlando? Plutone è il governatore dello Scorpione: entrambi sono simboli di "ancestralizzazione"..,se mi si consente il termine, archetipi del principio di morte, di fine ma non della fine di tutto appunto.. Con Plutone e lo Scorpione muore qualcosa per far ri-nascere qualcos'altro..!! Ok..., potremmo esserci, ma non basta..!! Non basta perchè l'archetipo plutonico, lungi dall'esser compreso interamente (forse bisognerà attendere ancora qualche anno con l'atterraggio della New Orizon sul suo suolo e si capirà di più..), nasconde in se, è il caso di dirlo, una miriade di altre sfaccettature che bisogna conoscere più linguaggi per renderne una visione completamente significativa. Io, con umiltà, ci sto provando e vedremo dove vado a finire con il mio ragionamento che comunque sostiene di base l'in-significanza culturale ed esoterica di questo battage publicitario sulla fine del mondo predetto dai Maya...: la questione non si pone neanche...!!!    

La cosa più scriteriata, perlomeno all'apparenza, sta nella preparazione dell'evento mediatico, addirittura correlato con vari criteri di accadimenti possibili e con la contemporanea critica dell'eventualità dell'accadimento in quanto incredibile da credersi come reale..Insomma i media ne propongono l'attenzione all'opinione pubblica per poi screditarne il senso e il significato a più livelli. Un'operazione perlomeno antitetica se non fossi abituato a leggere con più occhi di quelli che solitamente ho a disposizione... La disamina degli "scettici", la potremmo chiamare, si espleta con tutta una serie di affermazioni,alt lette e rilette in questi ultimi anni, legate come specifiche motivazioni principali per una possibile apocalisse: alla quale però si lascia intendere di non crederci...Allora perchè pubblicizzarla..,mi sono sempre chiesto..? La risposta semplicistica che l'ignoto e l'esoterico hanno sempre incuriosito la gente e quindi la conseguente vendita del prodotto, non spiega minimamente un simile battage pubblicitario di proporzioni mondiali, conesso ad un evento, la fine del mondo, di cui i loro stessi promotori non credono essere veridico.. Le affermazioni e le motivazioni vengono esposte, analizzate, e subito contestate, secondo criteri poco scientifici e sopratutto, almeno a prima vista, propagandistici, come se sin dal principio si fosse convinti aprioristicamente che nulla di quello che si racconta potrà realmente accadere...!! Mi viene da aggiungere, fortunatamente..!!! Il leit motiv di un simile comportamento ambiguo è spiegato (senza spiegarlo di fatto..: in quanto non ne spiegano la possibile contro-motivazione.., perchè ne sarebbe la logica e comprensibile conseguenza, del loro evidente scetticismo pregiudiziale) dal "sottotitolo" di tutta questa "Operazione 21.12.2012"...cioè dal concetto di base per il quale il format originale è: nulla accade sul serio perchè nei secoli nulla è mai accaduto...!!! 

Questo è l'assioma che sanziona tutto l'azione speculativa sulla questione dei Maya e del 2012 ed è condizione più che sufficente per dimostrare l'inattendibilità di tutte le teorie sull'argomento: una base questa,...mi pare,  poco scientifica come imprimatur...per comprendere cosa ci sia veramente dietro alla questione in oggetto...! Dire che "nei secoli nulla è mai accaduto, seppur paventato" è come minimo una forzatura pre-concettuale, alla quale assistiamo negli scritti, nei video, nelle pubblicità di tutti i giorni ormai da qualche anno per questo argomento e da anni per le volte che si è sollavata una questione analoga..Una giusta e corretta analisi di queste affermazioni profetiche ci porterebbe a comprendere che i loro testi non hanno mai, o quasi mai, parlato di FINE DEL MONDO apertamente.. come invece lorsignori intendono far credere ai popoli di tutto l'orbe terracqueo che parla ormai dei Maya e del loro vaticinio...Anche questo, soprattutto questo è assolutamente contestabile..!!

CHI HA PARLATO APERTAMENTE DI FINE DEL MONDO.. vorrei sapere? I Maya no di certo....!!!

Ma andiamo per ordine, altrimenti perdo il filo della matassa. Contenti loro, del loro modo di procedere, contenti tutti insomma. Io mi domando allora perchè tanto scalpore, perchè tanta pubblicità su un evento a cui nessuno da ufficialmente credito: anzi lo denigra apertamente, dopo però averne parlato e sparlato diffusamente..!! Insomma non vi sembra strano come procedimento quello di approfondire tutte le varie versioni apocalittiche esistenti sull'argomento per poi dire che al dunque sono tutte sciocchezze a cui non bisogna dar credito..?? Di fatto certamente io non mi sono mai sognato di andare a scomadare i Maya dal loro letargo e profetizzare una fine del mondo possibile...Statene pur certi..!!

Chi lo ha fatto avrà avuto i suoi validi motivi... che io non vedo (ovvero non voglio per ora vedere)...

tranne il fatto che è notizia assorbita certamente da tutto il mondo e i TG di tutto il mondo ne stanno ampiamente parlando, a maggior ragione ora che siamo vicinissimi all'appuntamento fatidico: se ne parla con toni semi-ironici, convinti che appunto si tratti di sciocchezze...: la questione funziona più come esorcizzazione del transito che come notizia..!! Mi spiego: ne viene data una certa spiegazione, come dire "non si sa mai"..., per poi subitaneamente sconfessarne la metodologia e il senso stesso, come dire: se volete credeteci pure, ma sono delle demenziali sciocchezze...!! Allora perchè le immettono nell'etere...?? Parlarne nel mondo significa denaro per la pubblicità...derivante: concetto questo che si comprende chiaramente, ma allora, allo stesso modo, dato il più che probabile guadagno, dovremmo assistere ad una continua creazione pubblicitaria di queste notizie: un po come fa la Coca Cola per vendere continuamente il suo prodotto nel mondo..Invece, la storia, oggi come sempre, ha un picco d'informazione e poi si placa magari per anni..!! La domanda che taglia la testa al toro è sempre la stessa: ma a chi conviene, cui prodest, direbbero i latini..?? Non esiste un proprietario via etere che si sia arrogato il controllo dell'informazione sull'eventuale apocalisse o sulle apocalissi in genere (come fosse un prodotto pubblicitario da vendere sui mercati internazionali..): che io sappia, ma, devo amettere che anche io, per quanto informato, ho le mie lacune..., l'unico proprietario, direi l'unico copyrighter delle disgrazie universali è la chiesa, tutte le chiese.., e con esse tutte le religioni, restrittive della libertà umana per antonomasia: pentiti e redimiti..!! Allora a chi conviene, dovremmo dire, oltre alla eventuale causa religiosa (di cui, a dire il vero, però non ci sono altoparlanti accesi sull'argomento in questione), chiaramente in difficoltà di arruolamento, perlomeno in occidente, da parecchi anni? A chi conviene lo potremmo semmai intuire, più che sapere di fatto: è certo che, nascostamente o meno, a qualcuno questo tipo di comportamento conviene..o forse il termine "conviene" non è quello più appropriato per spiegare l'intera operazione in atto. Rimangono poche ore al compimento e, poi si dovrebbe comprendere, come già voglio espormi, che la Storia della fine del mondo 2012, per me "organizzata a tavolino", non solo non si verificherà minimamente, ma, ed è questa la novità, nasconde dentro di se qualcos'altro che dovrà invece esser spiegato con chiarezza e senza fantasticherie culturali...

LA LISTA DELLE MOTIVAZIONI APOCALITTICHE  

Iniziamo questa dissertazione sui motivi e le spiegazioni sul possibile evento apocalittico e delle eventuali contromisure da prendere (consigli per gli acquisti..direbbe Costanzo) ricordando che, come detto, al contempo, mentre si descrive l'evento, si fa comprendere come esso stesso sia inattendibile..: un comportamento come minimo certamente stranoide..  

-Il villaggio francese di Bugarach sarà l’unico luogo sulla Terra a scampare alla distruzione.

I giornali e le tv francesi si stanno rubando gli spazi televisivi per spiegare cosa sia meglio fare...!! Il Pic de Bugarach, una montagna dei Pirenei francesi, sarebbe l’unico luogo al mondo a scampare all’apocalisse. Perché? Nessuno lo sa. La teoria si è diffusa sul web a opera di appassionati di esoterismo, che legano il villaggio francese di 400 anime ai segreti dei Templari, al mistero del Santo Graal e agli extraterrestri...Un pot-pourri indegno a dire il vero.. La montagna sarebbe il punto focale delle linee magnetiche terrestri, e qui, ci viene raccontato con dovizia di particolari, anche inquietanti, che i nazisti e il Mossad avrebbero compiuto strani rituali. Ma gli abitanti del luogo tagliano corto: il loro posto non ha nulla di speciale, se non per la bellezza del paesaggio..!! Informazione e contro-informazione ...Mah..!!

-Elettromagnetismo: il campo magnetico della Terra si sta invertendo

Gli scettici rispondono che quello che sappiamo del campo magnetico terrestre è che ogni tanto inverte la sua polarità, cosicché in certi periodi della storia del nostro pianeta una bussola segnerebbe il nord in direzione del polo sud geografico, e viceversa. Simili fenomeni non avvengono repentinamente, ma nel corso di migliaia di anni, producendo una riduzione ma non una scomparsa del campo magnetico, che ci proteggere dai letali raggi cosmici. Non esistono indizi che fanno presumere un’inversione in corso: anche se il campo magnetico si è effettivamente indebolito negli ultimi secoli, nulla porta a credere che i poli stiano per invertirsi. E se anche succedesse, non dovremmo far altro che riconfigurare le nostre bussole...Semplice no, nessuna tragedia...a sentire questi beati consigli...Quindi sempre lo stesso meccanismo: informazione e contro-informazione..!!  Però vorrei farvi riflette su questa inversione dei Poli in relazione alla problematica delle balene e dei cetacei in genere che, invece, è incontrovertibile: chissà perchè, sarebbe bene chiedersi, un sempre maggiore numero di balene vanno ad arenarsi, quindi a morire soffocate, nei bassi fondali degli oceani: negli ultimi anni c'è in atto una vera e propria strage...!!! 

-Astronomia: il 21 dicembre ci sarà un allineamento tra Terra, Sole e Centro Galattico

Le tempeste solari sono ordinaria amministrazione: il Sole è caratterizzato da un ciclo di attività di 11 anni che raggiungerà il suo picco nel 2013. Il 21 dicembre 2012, giorno del solstizio d’inverno, il Sole sarà allineato con il centro dalla galassia. Si sostiene, dicono gli scettici, che questo evento sia estremamente raro, ricorrendo ogni 25.625 anni. In realtà l’allineamento tra la Terra, il Sole e il centro della galassia avviene a ogni solstizio d’inverno da diversi anni. Il miglior allineamento non avverrà nel 2012, ma è già occorso nel 1998, senza che sia accaduto nulla. Questo senza tener conto del fatto, dicono gli scienziati, che gli allineamenti astronomici non producono effetti di alcun tipo, essendo delle semplici curiosità come il nostro allineamento al meridiano 0 di Greenwich quando ci passiamo sopra...sapendo che è una semplice convenzione.

-Sismologia: i terremoti, i Maremoti stanno aumentando e si prepara l’eruzione di un grande supervulcano

Nel film "2012" di Roland Emmerich (anche un film sul'apocalisse, come se non bastasse tutta la pubblicità..sparsa nel web) il “gong” della fine del mondo corrisponde all’eruzione dello Yellowstone, uno dei più grandi supervulcani del pianeta. Sappiamo, la contro-risposta pronta, che eruzioni del genere avvengono ogni tanto, anche se non più di una ogni decina di migliaia di anni in media. Tali eruzioni posso gettare il mondo in una sorta di “inverno nucleare”, a causa dell’oscuramento solare prodotto dalle ceneri proiettate nell’atmosfera. Alcune teorie sostengono che estinzioni di massa come quella tra Cretaceo e Permiano furono dovute a contestuali eruzioni di supervulcani. Fermo restando, sostengono i nostri eroi, che il vulcanesimo oggi è molto più ridotto rispetto alle ere geologiche precedenti, grazie al raffreddamento della Terra, non ci sono indizi di imminenti eruzioni dello Yellowstone né di altri supervulcani come i Campi Flegrei a Napoli. Per quanto riguarda i terremoti, anche se è vero che negli ultimi anni si sono verificati più superterremoti rispetto ai decenni precedenti  (chissà perchè...??), è escluso che l’attività sismica sia in generale aumento (è un controsenso affermare l'aumento e sminuirlo contemporaneamente..., o no???) ed è scientificamente impossibile che l’intero pianeta possa essere scosso da terremoti di grandi proporzioni in uno stesso momento...Mah, come spiegazione quest'ultima fa acqua proprio da tutte le parti, ma tant'è !!! Si ammette l'aumento e contemporaneamente si dice che non ha un valore apprezzabile: chissà quale sarebbe il valore apprezzabile..? 

-Cosmologia 1: Il Sole si prepara alla tempesta del secolo

Il Sole vive cicli di attività della durata di 11 anni. Al momento siamo vicini alla fine dell’attuale ciclo, che si concluderà nel 2013 (...???), con un massimo di attività in termini di macchine solari e tempeste sulla sua corona. È accertato che una tempesta solare di enorme potenza, se posta in direzione della Terra, potrebbe mettere k.o. i sistemi elettromagnetici e i satelliti in orbita, con gravi danni economici. Tuttavia, fino ad oggi nessuna tempesta solare ha prodotto danni effettivi, e non ci sono indizi che portino a credere che ce ne saranno nel prossimo periodo. Non è possibile prevedere le prossime tempeste solari, per cui i Maya non avrebbero certo potuto prevederne una per il 21 dicembre 2012. In ogni caso, anche se una “tempesta perfetta” avvenisse nel breve periodo, non produrrebbe alcun danno agli esseri viventi, ma solo ai circuiti elettromagnetici...Anche questa risposta sembra creata ad arte sui libri di Pippo Pluto e Topolino.. MA CHE NE SANNO QUESTI SOLONI di attività solare e delle sue conseguenze eventualmente terrificanti..??

Cosmologia 2: Stiamo passando attraverso un’area della galassia nota come Cintura Fotonica

La bislacca teoria del russo Alexei Dmitriev sostiene che la Terra e il Sistema Solare stiano transitando, nel corso della loro rotazione intorno al nucleo galattico, in un’area dello spazio estremamente energetica chiamata “Cintura Fotonica”. Nel suo libro "2012. La fine del mondo?" il giornalista Roberto Giacobbo (quello del mistero che parla parla e non dice mai niente)  sostiene che questo transito sarebbe confermato dell’aumento negli ultimi decenni di particelle, note come “fotoni”, sparse nell’atmosfera. Peccato che i fotoni non siano altro che le particelle che conducono la luce, ed esistono da quando esiste l’universo. Vengono emesse dal Sole e se non ci fossero non vedremmo nulla e non avremmo nemmeno la corrente elettrica...Beh direi che UN CONTO E' UNA NORMALE EMISSIONE DI FOTONI, UN CONTO E' UNA TEMPESTA.. immagino!!! Se il passaggio in aree turbolente della galassia producesse estinzioni di massa, noteremmo una periodicità di tali estinzioni: un fenomeno, questo, non confermato dagli scienziati...!! Allora si che possiamo dormire sonni tranquilli....!!!

Astrologia e mito: il pianeta (o asteroide) Nibiru si sta avvicinando alla Terra. Catastrofi cosmiche: il passaggio del pianeta Nibiru nel nostro sistema solare provocherebbe spaventose devastazioni secondo i sostenitori di tale teoria.
Secondo le teorie di grande successo, dicono i detrattori, ma di nessuna valenza archeologica, dello studioso "dilettante" di sumerologia Zecharia Sitchin, i Sumeri, appunto, adoravano gli abitanti di un misterioso pianeta X chiamato Nibiru (incredibile, l'ignoranza di questa scriteriata affermazione, che da sola avvalora la tesi, perchè non è sostenibile assolutamente che Sitchin sia un dilettante come studioso degli antichi miti e dei Sumeri nello specifico). Questo pianeta vagherebbe nello spazio e tornerebbe in vista del nostro mondo solo dopo lunghi cicli. Sitchin sostiene che Nibiru tornerà a farci visita non prima dell’anno 3000, ma alcuni suoi apologeti hanno voluto anticipare la data al 2012. Se un tale corpo celeste esistesse, sarebbe già stato abbondantemente avvistato...dai nostri attentissimi telescopi..!! Sappiamo infatti che il nostro sistema solare non è stato invaso da pianeti X, né tantomeno da asteroidi grandi quanto il Texas, come vorrebbe una "bufala", dicono, diffusa da alcuni media, anche in Italia, per cui Nibiru, come scrisse Sitchin,  sarebbe il nome di un meteorite che si schianterà sulla Terra entro la fine di dicembre. La NASA ha smentito categoricamente quest’ipotesi e agli astronomi non risulta niente del genere...!! Mi è semplice rispondere a questa argomentazione: beh, se ci affidiamo alle dichiarazioni della NASA per sapere la verità delle ricerche, ho paura che ci potremmo estinguere tranquillamente senza neanche aver capito come....!!!

LE ULTIME DUE PROFEZIE CATASTROFICHE SONO DI CARATTERE MAGGIORMENTE RELIGIOSO:

LA PRIMA: Anche Nostradamus aveva previsto la fine del mondo

Nostradamus era molto parco di date, ma una l’aveva sparata: il 1999. Nell’agosto di quell’anno, il mondo sarebbe stato sconvolto dall’avvento di un grande re del terrore proveniente dal cielo. Attesa con grande trepidazione da molti, la profezia del ’99 passò senza che nessun re del terrore facesse capolino. Da allora, Nostradamus ha perso molta della sua già scarsa credibilità. A ogni buon conto, l’astrologo medievale francese non aveva nessuna quartina in serbo per il 2012. Anche se molti interpreti hanno cercato di vendere libri dimostrando che alcune quartine facciano riferimento a questa data, in realtà le profezie di Nostradamus arrivano fino al 3797 d.C.! NON CI SONO VENDITE STRAORDINARIE DEI LIBRI DI NOSTRADAMUS....!!!

LA SECONDA: La madonna di Medjugorje e la profezia di San Malachia profetizzano l’imminente fine del mondo

Come i cattolici credenti ben sanno, nei Vangeli è scritto che nessuno conosce la “data” in cui avverrà il giorno del giudizio, nemmeno Gesù, ma solo Dio. Qualsiasi tentativo di prevedere l’apocalisse attraverso la lettura della Bibbia è quindi destinato a fallire. Il giorno del giudizio era considerato imminente dalla generazione degli apostoli di Gesù. Ma nel Vangelo si legge che nessuno conosce la data dell'apocalisse, se non "il Padre"... CHI E' IL PADRE ...mi domando da sempre, per caso, come traducono i bibliofili, da parte ecclesiastica, GLI ELOHIM ...gli DII..cioè non Dio?  Le apparizioni mariane, come quella di Fatima con i suoi tre segreti, non hanno nulla a che vedere con il 2012. Anche se in alcuni casi sostengono che il giorno del giudizio sia vicino, non fissano una data; ciò senza contare che alcune apparizioni, come quella della madonna di Medjugorje, non godono del riconoscimento della Chiesa...(INTERESSANTE..COME SPUNTO  O NO??) La profezia di San Malachia, infine, attribuita al santo vissuto nel XII secolo, termina il suo elenco di papi con “Pietro Romano” che dovrebbe essere l’ultimo papa prima della fine della Chiesa. Tale papa, il 112°, seguirebbe a Benedetto XVI, che è attualmente il 111° pontefice. Tuttavia, gli storici hanno confermato senza tema di smentite che la lista è un falso storico del XVI secolo, cosa dimostrata anche dal fatto che le previsioni sui papi precedenti a quest’epoca coincidono con i pontefici effettivi, mentre le previsioni successive non hanno alcun riscontro con la realtà.

Credo di aver enumerato le varie ..."bufale", o presunte tali, che sono circolate e circolano ancora nel web, sui giornali, nelle radio e le tv nazionali ed estere, in questi anni circa la possibile Armageddon o fine del mondo che la lettura dei testi Maya avrebbe tradotto già nelle loro scritture.. Queste affermazioni di controparte certamente appartengono nella loro sostanza informativa a quel comitato di pseudo-scienziati che fa capo al CICAP, Comitato Italiano per il Controllo delle Affermazioni sul Paranormale...: ora ve lo posso confessare, il testo delle argomentazioni deriva, dopo una pausa di tre anni, dalla XII edizione del Convegno Nazionale del CICAP, che si è svolto a Volterra agli inizi di ottobre, due mesi fa...   Ebbene sono loro i cruenti contro-accusatori di queste affermazioni che sono appunto circolate, e ancora circolano, nei siti di ricerca seri e faceti del vastissimo oceano della rete. I rappresentanti del CICAP, i nostri "angeli" custodi, coloro che dall'alto del loro sapere ci aiutano a dirimere la verità delle affermazioni, rilasciate liberamente senza sapere chi ne ha il controllo... Il Cicap ha sfidato i Maya, così si leggeva nel depliant del convegno su fine del mondo e profezie apocalittiche, a pochi mesi dalla data in cui, secondo interpretazioni piuttosto demenziali, dovrebbe avvenire la fine del nostro Pianeta: Il principale quesito sul quale hanno indagato, nella sessione di apertura del Convegno, è stato quello del fascino che esercitano sull’uomo catastrofi e profezie apocalittiche. Perché ci piacciono così tanto le catastrofi? Come mai siamo sempre stati attratti da leggende apocalittiche come quella di Atlantide e da profezie catastrofiche come quella sulla fine del mondo nell’anno 1000? Quanto sono reali, dunque, le probabilità che il mondo finisca il prossimo 21 dicembre 2012? Con l’aiuto di esperti, figuriamoci..., come gli storici Enrica Salvatori, Marco Ciardi e Antonio Aimi, l’astrofisico Gianluca Ranzini, gli psicologi Luca Pierantoni e Armando de Vincentiis e l’ingegnere Francesco Grassi, hanno fatto un viaggio nel passato per indagare il modo in cui i popoli Maya calcolavano il tempo e come funzionavano i loro calendari, hanno ragionato intorno agli autentici rischi che attualmente corre il pianeta e infine, dulcis in fundo, hanno analizzato gli effetti psicologici e i pericoli per coloro che credono e hanno paura di leggende e superstizioni. insomma una vera panacea di tutti i mali: mi domando e dico come potrebbero campare lor signori se non ci fossero quei "ciarlatani" dei cultori Maya, degli astrologi, degli omeopati, dei medici 

altdi nuova frontiera, dei sensitivi ecc...  Agiscono come dei Vampiri: vivono sulle informazioni altrui, il loro credo è legato alla nuda e cruda destabilizzazione dei concetti, non dimostrabili secondo le loro metodiche, uniche atte a dimostrare e a capire la realtà circostante..  Mi sono sempre domandato come faremmo a sopravvivere senza le loro attente analisi e conseguenti protezioni..., senza il loro rigore scientifico..??? Sono in mano ai governi, questi signori della pseudo-verità cosmologica, questa è la verità...e, Piero Angela, (quirc, quorc e quarc..,come scherzando, nomino la famiglia della scienza italiana ..: ora ci hanno proprinato anche il figlio.., con la speranza che siano finiti.!!!) che ne è un dei fondatori, è al suo posto di "combattimento", in RAI, da oltre trent'anni, alla faccia della par condicio e delle pari opportunità: insomma abbiamo solo Angela in grado di spiegarci come funzionano le cose nella vita e nell'universo..! Avete capito? Bisogna trattarlo bene questo signore del sapere altrimenti poi noi come faremmo a comprendere tante cose così complesse..? Vuoi vedere che sono loro stessi a mandare in giro informazioni da debunkers professionisti, così si guadagnano la loro disonesta ..pagnotta..!!!

Ora vediamo un po più seriamnete come sono realmente le "cose"  dei Maya, aldilà del controllo dei cosiddetti "signori della scienza", alle quali non bisogna credere o non credere, perchè non è in quest'enfasi la questione, che abilmente hanno posto in essere...i beneamati disinformatori...: sono i loro, statene certi, i veri complottisti..!! Sono quelli vestiti di bianco, come l'iconografia vuole, così la gente li collega ai buoni -nulla è lasciato al caso- e sono loro che creano prima il problema e poi fanno credere che lo sconfessano agli occhi della gente che non ha il tempo di capire in che mani sia messa la sua sopravvivenza culturale e di vita. "Credere", se si vuole finalmente parlare un po' più seriamente della questione, non è il termine corretto per apprendere concretamente la validità degli studi antichissimi di un popolo, unanimemente riconosciuto tra i più importanti della Storia, in relazione alla conoscenza dell'Universo e della sua matematica..., ma il termine più congeniale è bensì "approfondire e analizzare" che rende giustizia al lavoro che quel popolo ci ha tramandato con le sue grandissime intuizioni sull'universo. Quel popolo sono  I MAYA...perchè solo loro sono il vero riferimento per capire cosa, essi stessi con i loro studi, hanno voluto dire (non senza dimenticare le tante difficoltà che s’incontrano inevitabilmente quando si cerca di fare passare un messaggio, come quello che loro hanno inviato alle future generazioni attraverso il tempo e lo spazio, che non sia superficiale e sensazionalistico -come viene invece trasmesso dai media/Cicap- ma oggettivo e razionale) sul passaggio epocale della FINE di "UN MONDO", e non del mondo, come molto abilmente, invece, hanno voluto far passare all'opinione pubblica questi artisti vestiti di ...bianco...!!!

Per capire ciò che accadrà alla Terra e ai suoi abitanti, avrete bisogno di restare calmi e provare a seguire i fatti... Non è così semplice come lo descrivono alcune persone. Richiede la comprensione di alcune conoscenze scientifiche complicate, ma penso di potervele spiegare in modo piuttosto semplice....anche perchè chi me le ha spiegate è stato certamente paziente con me e la mia ottusità matematica di fondo....E' necessario un chiarimento: per prima cosa, il calendario Maya viene chiamato spesso Calendario Azteco. Questo calendario è registrato sottoforma di incisioni sulla “pietra del sole" Azteca attualmente in esposizione al Museo Nazionale di Antropologia e Storia situato all'interno del Chapultepec Park, a Città del Messico. Ci sono molte cose che potremmo dire riguardo la pietra scolpita, ma molti di questi dettagli sono irrilevanti per il discorso relativo alla fine del mondo...che vogliamo scandagliare..Nel nostro calendario moderno, chiamato Calendario Gregoriano, abbiamo giorni, settimane, mesi e anni. Nel Calendario Maya il ragionamento è decisamente più complesso. Infatti, in realtà sono tre calendari distinti.

Prima di tutto c'è il calendario religioso che richiede 260 giorni per completare un intero ciclo religioso. Ci sono 20 “settimane" formate da 13 giorni ciascuna. Ogni settimana ha un nome speciale, un logo grafico e un significato univoco associato. Mi ricorda piuttosto gli anni Cinesi che ciclano tra “l'anno del ratto" e “l'anno della scimmia", ecc., ognuno con la sua speciale immagine e il suo significato. Astrologicamente parlando, seguendo le leggi Maya, sul loro Zodiaco, ci sono rappresentate tutte queste effigi. Poi c'è il calendario solare. Ha 365 giorni, come il nostro moderno calendario. È diviso in 18 mesi di 20 giorni ciascuno. Alla fine del ciclo ci sono 5 giorni speciali considerati sfortunati perchè non appartenenti a nessun mese. Ogni mese ha un nome speciale, un logo grafico e un significato speciale. Quindi è possibile, per qualunque data specifica, calcolare la settimana religiosa e il mese solare e predire le influenze che guidano il fato. Ma questo in realtà non è collegato con la profezia del 2012. Per capirla dobbiamo dare altun'occhiata al terzo calendario, chaimato “del lungo conto". Mentre i primi due cicli possono essere idealizzati come ruote di un ingranaggio, che ruotano nel tempo, il lungo conto è un numero lineare di giorni, che iniziano dal primo giorno, “1", e contano ogni giorno fino al presente. Qualunque giorno nella storia puo' essere registrato utilizzando il lungo conto e, con un po' di matematica, si puo' anche risalire alla corrispondente settimana religiosa o mese solare. Quindi, ad ogni modo, nonostante possa essere interessante conoscere il significato religioso e solare, è il lungo conto che predice il Giorno del Giudizio....Ruote o “ingranaggi" possono essere usati per computare i cicli religioso e solare per qualunque data. I giorni del lungo conto sono numerati con uno strano sistema. Invece di scrivere i numeri come facciamo noi, da destra a sinistra con ciascun posto che rappresenta un multiplo di 10 (esempio: 10000, 1000, 100, 10, 1), i Maya avevano solo 5 posizioni. La prima posizione registrava un numero da 0 a 20. A sinistra, il secondo posto poteva avere un intervallo tra 0 e 17; il terzo da 0 a 19; il quarto da 0 a 15 e l'ultimo da 0 a 12. I numeri erano scritti da destra a sinistra, come ne l nostro sistema, separati da un punto. Invece di multipli di 10, la prima posizione aveva multipli di 1 (come il nostro sistema); la seconda posizione aveva un multiplo di 20; la terza posizione un multiplo di 360; la quarta un multiplo di 7200 e la quinta un multiplo di 144000. Quindi un numero di lungo conto, ad esempio, poteva essere scritto come 4.12.5.9.0 e sarebbe stato calcolato come segue:

(4 x 144.000) + (12 x 7200) + (5 x 360) + (9 x 20) + (0 + 1) o un lungo conto di 145980.

Non è difficile realizzare che il massimo numero che puo' essere registrato in questo modo sarebbe 12.19.19.17.20, anche se alcuni ricercatori preferiscono scrivere 13.0.0.0.0. Questo ammonta ad un numero di lungo conto di 1.872.000 giorni o 5125.36 anni dei nostri moderni calcoli. Ovviamente, il calendario è molto vecchio!  Attraverso gli anni, gli archeologi hanno trovato monumenti scolpiti che registravano il "Lungo Conto" per date conosciute nella storia Maya. Una volta che una data veniva fissata nel tempo, era semplice determinare quale fosse il “giorno 1", 11 Agosto 3114 a.C. Ed era anche semplice calcolare la data in cui il calendario sarebbe finito:21 Dicembre 2012..!! Cercate di comprendere: il solo fatto che il calendario finisca non prova che quel tempo, o il mondo, o la vita finiranno...!! Dobbiamo dare un'occhiata più approfondita al 21 Dicembre 2012 e, considerando che nessun reperto Maya lascia intendere che in questa data ci sia una efettiva fine del mondo (come chiaramente non ci sarà: anche perchè il conto del nostro attuale calendario è certamente approssimativo..), cercare di scoprire perchè i Maya non avevano (o avrebbero..) calcolato una data oltre questo punto nel tempo...considerato tout court come fine del mondo.. Per fare questo dobbiamo spostarci dalle ricerche prettamente Archeologiche a quelle più riferentesi all'Astronomia, nella fattispecie all'Astrofisica. La logica che bisogna analizzare a fondo riguarda tutto l'avvicendamento del "Sole" e dei suoi molteplici moti

ANALISI AUTENTICA DEL SIGNIFICATO DEL "21. 12. 2012" CONSEGNATO DAI MAYA...

E' ironico (o forse no) che il Calendario Maya sia spesso chiamato “pietra del sole". Mentre il calendario ha giorni “solari", segnando i 365 giorni impegati dalla Terra per ruotare attorno al corpo celeste, è anche vero che il Sole gioca un ruolo chiave nel giorno finale del “lungo conto". Per comprendere cosa accadrà al Sole il giorno 21 Dicembre 2012, abbiamo bisogno di rivedere alcuni termini scientifici come “eclittica", “baricentro", e “macchie solari". Sono importanti ai fini della discussione che segue. Inizieremo con il più difficile dei tre.

Cos'è il Baricentro? Avrete senza dubbio sentito che la Terra ruota attorno al Sole e non il contrario. Bene, a dire la verità questo non è completamente esatto..! Avete mai sentito il termine “centro di gravità"? È un termine che suona molto tecnico per qualcosa che in realtà è semplice. È il centro esatto di tutta la meteria (ovvero, la massa) che forma un oggetto. Ad esempio, se avete un bastoncino dritto, o un righello, c'è un posto nel mezzo dove potete tenerlo in equilibrio sul vostro dito. Quello è il centro di gravità. Ma il centro di gravità puo' essere, come puo' non essere, il punto esattamente nel mezzo, in base alla distanza, dell' oggetto. Alcune parti dell'oggetto potrebbero essere più pesanti (dense) di altre. Se avete qualcosa tipo un martello che è più pesante da un lato che dall'altro, il centro di gravità sarà molto più vicino alla parte pesante piuttosto che a quella leggera. Per avere un'idea di dove sia il centro di gravità, posizionate le estremità di un oggetto come un righello o una matita su di un dito da ciascun lato. Lentamente muovete le vostre dita avvicinandole senza far cadere l'oggetto. Le vostre dita si incontreranno sotto il centro di gravità dell'oggetto. Potete bilanciare l'oggetto su un dito soltanto presso questo punto speciale. Il vero centro di gravità potrebbe essere vicino alla superfice o all' interno, in base alla conformazione dell'oggetto che potrebbe essere piatto come un righello o un piatto, o tridimensionale come una scatola o una palla. E se lasciate girare l'oggetto (come quando ad esempio lo lanciate), esso proverà a ruotare attorno a quel punto. altNel caso della Terra e del Sole, entrambi i corpi in realtà ruotano attorno al proprio centro di massa (simile al centro di gravità) tra di loro. Questo punto è chiamato “baricentro". La Terra e il Sole sono “connessi" dalla forza di gravità che li tira insieme. È come per il lato leggero e quello pesante del martello. Comparata alla dimensione del Sole, la Terra è come una mosca paragonata ad un gatto! Quindi il centro di massa tra la Terra e il Sole è quasi – ma non completamente – il centro stesso del Sole. Nel caso di un pianeta della dimensione di Giove, che è 318 volte la Terra, il baricentro di Giove e del Sole è un po' più lontano dal centro del Sole. Quindi, man mano che Giove ruota attorno al Sole, il Sole stesso sta ruotando attorno a questo punto leggermente decentrato, posizionato appena fuori dal suo centro. Quindi, un pianeta della dimensione di Giove farà in modo che il Sole (o qualunque stella) appaia come un po' traballante (nutazione).  Possiamo trarre vantaggio da questo pezzettino di informazione e guardare i grandi pianeti in altri sistemi solari imparando a riconoscere questo tipo di leggero tremolìo nella posizione della stella. Per ora, lasciamo da parte i piccoli pianeti e concentriamoci su Giove. Esso compie un giro completo attorno al Sole ogni 11.861773 anni. C'è una nuova teoria, per chi interessasse, portata avanti dal Dr. Rollin Gillespie che mostra come Giove, e ad un grado inferiore anche gli altri pianeti più piccoli, possano attivare il ciclo di 11 anni delle macchie solari e dei flares solari (cosa questa, se verificata, che avrebbe un grande significato astrrologico). Il baricentro, questo è il suo funzionamento, non è un singolo punto nel Sole. Dato che il Sole è una sfera gassosa ruotante, il baricentro forma un cilindro verticale che è parzialmente dentro e parzialmente fuori dal corpo solare principale. Tutti i pianeti hanno questo “cilindro", uno dentro l'altro, in base alla massa relativa e alla posizione dei loro baricentri. Quello di Giove in particolare interseca la superficie solare a 35.9 gradi Nord e Sud. Qui è dove precisamente l'attività delle macchie solari e dei flare inizia e finisce durante ciascun ciclo di 11 anni. Gli scienziati hanno notato che quando Giove e Saturno sono allineati, dallo stesso lato del Sole, l'attività solare è al suo massimo; quando sono presso lati opposti del Sole l'attività solare è al suo minimo: un grande motivo di studio dal punto di vista della realtà astrologica in chiave analogica a ben vedere...Questi cilindri sono di solito abbastanza ordinari perchè i pianeti aderiscono ad un piano stretto, chiamato eclittica che ricorda un sottile piatto che si estende dall'equatore del sole. I pianeti rimangono appesi qua fuori perchè (in termini semplici) questa è la zona dove la gravitazione del sistema è più forte. I pianeti orbitano attorno al Sole in uno stretto piano chiamato eclittica. Ma, come pochi sanno, la natura che non è poi così perfetta come si crede (in realtà è l'uomo che ha i suoi limiti conoscitivi..) dice che il Sole ruota, dondolando, ad un angolo (7.25 gradi), similmente a quello che fa la nostra Terra. Man mano che dondola, sposta i cilindri, causandone lo scontro l'uno con l'altro ed eventualmente distruggendone la superficie. Questo disturbo, per metterla semplicemente, si fa strada verso la superficie ed erutta in macchie solari e flare solari. L'ultimo ciclo solare è avvenuto nel 2001. Ogni ciclo solare attivo ha un periodo in cui i flare sono più forti, solitamente avviene attorno all'equatore solare, chiamato “massimo solare". Questo ragionamento è importante perchè il prossimo “massimo solare" coinciderà con il 21 Dicembre 2012...quindi si può presupporre qualche sobbalzamento nell'esistenza degli esseri viventi.. Ma aspettate, c'è dell'altro...! I flares solari sono pezzi del Sole che saltano nello spazio, liberando radiazioni e forti correnti elettriche che viaggiano nello spazio. Spesso ricadono sulla superficie del Sole. A volte, un flare molto forte, chiamato CME (Coronal Mass Ejection), lascia per la verità il Sole e questa massa mortale viene sparata fuori dal Sole verso i pianeti come un proiettile. Solitamente non colpiscono nulla, ma occasionalmente, possono colpire un pianeta qualsiasi, compresa la nostra Terra. Molti flare sono piccoli. Ma anche un flare piccolo puo' essere pericoloso (se ricordate quello che era scritto all'inizio dal Cicap vi rendete conto che c'è molta differenza...).. Nel 1989 un flare colpì il continetne Nordamericano e bruciò le linee elettriche, fece saltare le power grid negli Stati Uniti e in Canada, e creò gravi blackout di corrente: non ne parlarono, come al solito, compiutamente adducendo scuse banali....!!!  I flares possono anche influenzare il nostro umore e la nostra salute fisica se si orienta verso la nostra superficie: in teoria, un grosso flare che impatta con la Terra potrebbe arrostire la ionosfera ed irradiare la superficie, uccidendo qualunque organismo vivente ne fosse toccato...Questo non è catastrofismo è astrofisica.. astronomia...e, perchè no, anche astrologia..!!! I flares solari e le macchie solari hanno un ciclo medio di 11.120412 anni (stimato tra un “massimo solare" e l'altro), mi viene da dire quasi una rivoluzione di Giove come sopra menzionato: sarà per questo motivo che Giove/Zeus è il dio dell'universo planetario.. La piccola discrepanza tra questa figura del ciclo e il periodo di 11.8671773 anni di Giove è abbastanza vicina da essere decisamente significante ma suggerisce anche che qualcos' altro sta influenzando i disturbi solari. Nel 2007, eravamo in una parte del ciclo relativamente tranquilla. Di sicuro, potrebbe essere attribuito alle varie posizioni degli altri pianeti meno massivi, ma potrebbe anche derivare da qualcosa di addirittura più importante, come può certamente essere considerata la Via Lattea, cioè la nostra intera Galassia....a cui apparteniamo come terrestri cioè abitanti del pianeta Terra.

altOra, LEGGETE CON ATTENZIONE...,e, come spesso faccio, vi chiedo di ragionare liberamente, in quanto anche per me, si tratta di un'avventura.....concettuale...: nessuno può dire, ovvero affermare, che la realtà dei moti universali sia effettivamente questa, come questi scienziati cioè hanno provato concretamente a descrivere, dandoci l'idea di tutto l'insieme di questo moto che ci coinvolge in un continuum spazio-temporale in quanto abitanti del pianeta Terra. Non voglio prendere le distanze, s'intende, ma in questo caso specifico, io devo sottolineare la mia incompetenza tecnico-scientifica, unica vera arma capace di capire con esattezza simili affermazioni, che a leggerle sembrano essere corrette..., anche deduttivamente. Come ben sapete, non avendo bisogno di sensazionalismi, ne di superficialità per vivere, la mia onestà intellettuale mi dice di avvisarvi e di leggere attentamente il seguito, armati in questo caso, di una verve polemico-critica giusta, per essere aderenti il più possibile alla realtà dei fatti..: insomma decidete voi liberamente sul ragionamento che sto avanzando alla vostra coscienza e conoscenza, essendo di natura sostanzialmente matematico-fisica che non appartiene al mio bagaglio culturale.. Tanto vi dovevo..! Quindi leggete questa parte specifica dell' articolo con la necessaria dose di scetticismo: i milioni di dati che la tecnologia attuale sta raccogliendo nello spazio trovano estrema difficoltà di interpretazione e quando qualcuno prova a farlo (come Dan Eden l'articolista da cui prendo lo spunto) lo fa a suo rischio e pericolo. L’articolo è una contaminazione di dati provenienti da ricerche in campo astronomico condotte da diversi ricercatori in diversi programmi non necessariamente correlati ed effettuate nel corso dell’ultimo decennio. Mi è sembrata un’ipotesi stimolante che valeva la pena di tradurre e condividere soprattutto per scongelare da quel monolite in cui è racchiusa la logica astrologica.. Il nostro sistema solare è parte di una enorme collezione di stelle e pianeti di forma discoidale chiamata Via Lattea. Noi, come Terra, siamo posizionati in qualche punto sul bordo del disco, leggermente verso l'alto sullo stretto disco. Ma molto presto ci sposteremo verso il fondo del disco. Questo cambiamento, dall'alto al basso, inizia il 21 Dicembre 2012.  Sì, proprio così ci viene detto..dai calcoli astronomici. Affermazione questa che non posso accertare...coi miei ridottissimi mezzi astrologici, tranne constatare, come faccio da luglio 2012, il momento planetario particolarmente importante...aldilà di qualsiasi profezia Maya, che interessa tre dei particolari pianeti più incisivi in questo senso: Urano, Plutone coadiuvati da Marte nei segni decisamente poco pacifici dello zodiaco come l'Ariete e il Capricorno. Nello stesso giorno quando il Sole è al suo massimo solare, dicono gli astrofisici, con a capo Steven Majewski, del department of Astronomy of University of Virginia, accadrà qualcosa che non è mai accaduto prima – l'eclittica del nostro sistema solare intersecherà il piano Galattico, chiamato “Equatore Galattico" della Via Lattea...!!!  Se provate ad immaginare, dicono per semplificare l'evento, che il nostro sistema solare sia un mucchietto di pere su di un piatto, con una grande polpetta nel centro, immaginate la Via Lattea come una pizza delle dimensioni di una città che ha nel suo centro una mega-polpetta gigante da Guinnes dei Primati.... Prima del Dicembre 2012 abbiamo navigato sulla parte più alta della "pizza", non riuscendo mai a vederne il fondo.  Il piatto e la pizza non sono paralleli. Si stanno muovendo ad angoli diversi. Abbiamo navigato in basso, in basso, in basso...e il 21 Dicembre 2012, saremo esattamente a livello con la crosta – formando una “x" all' Equatore Galattico dove la gravità galattica è al suo massimo. Dopo il 2012, se saremo ancora qui, dice Steven, passeremo attraverso la zona inferiore, vedendo la pizza della Via Lattea da Sud....

Questo è quello che i Maya intendevano, s'i mmagina, per fine di un mondo e non del mondo, perchè sembra proprio che questo passaggio stia avvenendo...!! Ma non ha nulla a che vedere con il terrificante sistema apocalittico organizzato dai media...in questi anni. Semmai ce ne potremmo rendere conto col tempo se le cose nel prossimo futuro rimarranno com'erano oppure disegneranno cambiamenti di vita e di pensiero epocali, inaspettati e insospettabili, come peraltro, ora che scrivo a dire il vero, non posso non dire che nulla stia avvenendo d'insolito e di clamoroso perchè è innegabile che stanno avvenendo moti non proprio consoni alla nostra abituale presa di coscienza..: in tutta onestà, mi sentirei di confermare quella ipootesi ma voglio attendere fatti ulteriori per dare una visione più accreditabile di serietà scientifica che non l'attuale. 

La mia ridotta cultura astrofisica m'impedisce di poter calcolare con dovizia, come già detto, queste informazioni, ma non ho tema di smentita alcuna, perchè sono di fonti attendibilissime, che possono sbagliarsi, come è successo  a più riprese, ai migliori astronomi e astrofisici del mondo, ma sempre attendibili sono, cioè le loro dichiarazioni (mi riferisco a quest'ultima parte sopratutto relativa all'approfondimento del sistema solare) non sono frutto del sensazionalismo a tutti i costi... D'altra parte in Italia abbiamo assistito, nella primavera scorsa, alla questione del prof.A. Ereditato, scienziato e astrofisico di fama internazionale, (per intenderci quello della "velocità dei neutrini"), che prima aveva dichiarato all'umanità la sua grande scoperta (cioè il crollo della relatività einsteniana....), per poi rendersi conto di ..."aver fatto male i conti"...!!! Mah..a quei livelli, mi domando, se sia possibile sbagliare così grossolanamente i calcoli, dichiarandone prima apertamente la riuscita corretta.., senza aver fatto i giusti e opportuni controlli..? Faccio presente che l'equipe che lavorava alla scoperta era formata da ben 52 astrofisici di tutte le nazioni interessate (non solo italiani..). Chissà l'odore del Nobel può aver accecato la capacità scientifica di Ereditato..!! Ai posteri l'ardua sentenza...!!! Io, non sono affatto convinto della soluzione che è stata data all'opinione pubblica...ma, per ora, tant'è..!! 

Beh, se i fisici stanno vedendo bene, essi aggiungono che  c'è dell'altro...da comprendere.. Per qualche strana coincidenza, non solo intersecheremo l'Equatore Galattico, ma lo faremo mentre siamo precisamnte allineati con il centro della Galassia dove c'è il massimo della massa! Più massa significa più gravità. Più gravità significa più influenza da parte dei baricentri nel nostro Sole. Questo significa aumenti esponenziali nelle eruzioni solari – il tutto coincide nello stesso giorno...!!!!  Il centro dinamico della Galassia (o Centro Galattico -C.G.- di cui in questi anni sto intensificandone gli studi per capirne la reale ingerenza nella relazione con l'uomo) si trova nellaalt direzione della costellazione del Sagittario ed è individuato dalla radiosorgente "Sagittarius A".

All'epoca 1950 le coordinate di tale punto erano: A.R.= 17h 42'.4, Declinaz.= -28° 55'. Da questa direzione, sull'equatore galattico, in senso antiorario, si contano le longitudini galattiche da 0° a 360°. Per equatore galattico si intende il piano di simmetria dello strato di idrogeno neutro della radiazione di 21 cm rilevata dai radiotelescopi. Da tale piano si contano le latitudini galattiche da 0° a 90° verso il Polo Nord galattico o verso il Polo Sud galattico. Il sistema di coordinate galattiche viene in genere impiegato per studi di statistica stellare. La radiosorgente "Sagittarius A" è un oggetto di interesse eccezionale e presenta una struttura molto complessa. Lo studio del nucleo della Galassia pone domande molto interessanti....che creano diverse risposte ancora non tutte chiarite...

Io capisco che questa "mia" è una descrizione “leggera" di quello che potrebbe accadere a fine dicembre: descrizione che ho inevitabilmente semplificato a tal punto che alcuni studiosi e scienziati (ma anche quelli del Cicap.., ci possiamo giurare..!!) potrebbero avere da ridire su questo ragionamento.., screditandolo senza neanche leggerne la logica sottesa. Ma i fatti principali sono autentici. In questo senso e solo in questo senso, quindi la data, 21 Dicembre 2012, sembra essere proprio un giorno speciale...non necessariamente per un avvenimento apocalittico che, come già detto, escludo che possa verificarsi. Rappresenta, stando a questi calcoli, la massima influenza possibile dei flare solari nell'universo. Senza dubbio i Maya, o le civiltà che li hanno influenzati, "sapevano in qualche modo" di queste cose...., ne sono certo, data la mia ferrea convinzione di una progenia aliena dell'umanità....: le prove di questa mia affermazione viaggiano nei miei studi e nelle mie ricerche legate al Centro Galattico e alla sua influenza sull'uomo e alla sua relazione con la vita extraterrestre.   

UNA SPIEGAZIONE ASTROLOGICO-COSMOLOGICA DELLA REALTA' 

Dopo questo lungo escursus di astronomia, meglio di cosmologia astronomica, anche noioso, sarebbe bene domandarsi il come facesse il popolo mesoamericano a conoscere l'esatto andamento dei cicli solari? E perché previde non la fine del mondo per il 2012 d.C , ma il suo possibile cambiamento d'asse.., tradotto inopinatamente dai media come fine apocalittica..? Ma prima di far questo, che mi sembra una risposta interessante, voglio addentrarmi nella mia specifica ricerca che mi vede impegnato da qualche annetto (una decina...giù di lì) a capire maggiormente gli schemi che smuovono certi risultati-eventi in Astrologia che sono il mio pane quotidiano. Chi non conosce l'applicazione delle logiche astrali sull'uomo, non può capire la costante "meraviglia" in cui, uno studioso integerrimo come sono io, ma anche un semplice appassionato, cade ogniqualvolta vede succedere davanti ai suoi occhi l'evento previsto ovvero si sente lodato per aver compreso le dinamiche psicofisiche di un cliente che non aveva mai conosciuto prima...., al punto di sapere, forse troppo orgogliosamente, di avere in mano un'arma del sapere, negata dalla scienza (non da tutta..fortunatamente !!), solo perchè nessuno di quei signori ha la volontà o l'accortezza di approfondirne il dettato..!! Si potrebbe gridare regolarmente al miracolo perchè, chi non conosce certe dinamiche, non può capire come certe cose possano avvenire regolarmente in un mondo che, a sentire la scienza in questi ultimi due secoli, va verso altri lidi, tutti riferiti ai processi aridamente razionali, dove il "miracolo" non ha sede e dove una scienza come l'Astrologia è svilita nel suo essere più profondo, relegata com'è a gioco da salotto nel migliore dei modi...!! Il mio modo di approcciare l'Astrologia è stato, sin dall'inizio, in chiave, direi aquariana (ho Marte e Venere in aquario appunto nonche il Mediocielo..), quindi diciamo in parola, tecnologica..., liberamente tecnologica. Nel bene e nel male potè sembrare, ai miei inizi, una forzatura dei principi originali di questa disciplina perchè l'astrologia, essendo inzuppata di connessioni esoteriche, misteriche, alchemiche, se vogliamo anche karmiche (come sapete ne discuto il nesso...), sembrava non dar spazio a logiche più matematiche, più prettamente fisiche, se mi si consente l'aggettivo non proprio pertinente..all'area di appartenenza data la visibile umanità della lettura astrologica. Io volevo capire, nella mia più profonda istintualità, perchè Venere, un pianeta del sistema solare, fosse connesso agli schemi del sentimento, della bellezza e della relazione dell'essere, ad esempio (comprensione s'intende allargata a tutti i pianeti..), in quanto lo schema puntualmente si realizzava di fatto nel cliente,  ma anche in tutti gli altri casi analizzati, che stavo studiando.. Venere, cari signori, è un pianeta intergalattico e non si capisce perchè agirebbe il sentimento di relazione di una persona, la belezza dell'Arte, pur vedendolo attuato di fatto, senza discussione alcuna, in più casi..I principi su cui lavoro ormai da anni, ed oggi cerco di mettere continuamente in pratica, quando professionalmente analizzo i temi natali dei miei cleinti, mi hanno consentito di 

altrispondere inequivocabilemte a questa domanda, proprio collegando lo schema astrologico a quello della genetica..., al punto che la mia astrologia si potrebbe oggettivare come "astrogenetica" fondendone i termini in un unico nome. In pratica, sul finire degli Anni '80, leggendo alcuni importanti studi di M. Cotterel e di altri genetisti, scoprii che gli influssi che tipicamente l'astrologia assegna ai pianeti, che stabiliscono i periodi positivi e negativi dei vari segni, altro non sono, detto in sintesi estrema, su un piano più scientifico, che dei "condizionamenti" magnetici emessi direttamente dal Sole. Cotterell e la sua equipe, (ma anche le pratiche sugli aspetti planetari escogitate dall'ing. Nelsonn dell'RCA sulle problematiche delle comunicazioni via terra...risalenti agli anni 60) rifacendosi agli studi della U.S. Navy in Maryland nel 1984, sostenne che variazioni dei campi magnetici ambientali influenzano la sintesi del Dna delle cellule...

QUESTO FU IL PRINCIPIO, (grazie alla lettura di Cottorel) CHE CONSENTI', NELLA MIA MENTE DA RICERCATORE INSTANCABILE, L'APERTURA DI NUOVI INPUT, DI NUOVI IMPULSI PER DIMOSTRARE L'INDIMOSTRATO...Aldilà del risultato finale, di la da vedersi, questo approccio mi ha condannato a risalire la corrente del sapere astrologico allontanandomi dal consueto tam tam del tamburo ipnotico, che ripete da secoli il senso di una scuola tradizionale che non sa smuoversi dal ristagno delle sue acque melmose..dove si è incagliata senza speranza di potersi ri-muovere dai suoi convincimenti di base che, utili senza dubbio, per iniziare la lotta della piena conoscenza fra le acque procellose del sapere universale, poi devono essere lasciati andare, proprio come fa il razzo vettore quando accompagna oltre l'atmosfera terrestre la navicella che si alllineerà al moto universale..per continuare il suo viaggio interstellare. Volevo e voglio comprendere lo scopo del moto astrologico nella sua istanza più preziosa che arde nella mia coscienza come poc'altro: c'è una realtà che sfugge alla dimostrazione della pratica astrologica come la conosciamo, che in qualche modo si deve portare alla luce dato l'avvento, anche, in molti campi del sapere, della meccanica quantistica e dei suoi metodi d'apprendimento del reale, molto simili agli accostamenti astrologici.           
In pratica, il Sole cambia intensità del campo magnetico che genera nel sistema solare ogni mese, in modo tale che gli organismi viventi, ne subiscono un forte influsso. E' questo influsso, si può pensare, che dà origine, sia all'oroscopo sia alle modificazioni in ambito cellulare che poi segneranno il carattere interiore dell'essere vivente sottoposto alle differenti onde magnetiche....Tradotto può significare che un essere umano, nato o vissuto in un ambito di un particolare flares solare (e del suo magnetismo..specifico) si comporta in un modo appunto particolare, assai affine a quello dei nati nello stesso periodo, così come anche le modifiche al Dna potranno essere simili per tutti..!! SPIEGAZIONE QUESTA CHE CERTAMENTE SODDISFA (comunque ci prova..degnamente) LA DOMANDA INIZIALE IN QUANTO INEQUIVOCABILMENTE CORRELAVA e CORRELA,  L'ESSERE VIVENTE ALLA NATURA SPECIFICA DEL SOLE A CUI APPARTIENE..e libera il Sole dal governo disequilibrante di un solo segno.. Ecco spiegati i segni zodiacali e la loro "indole"particolarizzata..., o perlomeno abbiamo una traccia su cui lavorare più adeguatamente dato il fatto incontestabile che a tut'oggi non esiste una paternità culturale di chi abbia approfondito le significanze astrologiche dei segni e la loro anima genetico-comportamentale a cui tutti gli studiosi di astrologia si rifanno e non solo loro..: D'ALTRA PARTE NON SI CONOSCE DI FATTO CHI SIA L'AUTORE DEL SIGNIFICATO DEI SEGNI ZODIACALI: UNICA VERA TEORIA DELLA PERSONALITA' ATTENDIBILE COME OGGETTIVA aldilà di quelle oltremodo soggettivizzanti degli psicologi di fama mondiale come Jung, Freud, Adler che ne hanno approntata una strettamente personale (soggettiva..quindi) per quanto eticamente ed esteticamente corretta..

Un problema che sollevò Cotterel fu che tale influsso avveniva già al concepimento, quando il patrimonio genetico è esposto e non protetto dalla membrana cellulare, e non alla nascita ufficiale come sostengono tutti i libri di astrologia. Io provai a sostenere che il contatto originario, avviene per osmosi universale, in quanto esseri immersi nella genia universale: quindi il processo di "benedizione" si realizza anche tramite la menbrana cellulare protettiva, che in realtà "sente" le correlazioni dell'appartenenza a quello specifico  Sole...e le ritrasmette al nascituro..come sue onde specifiche al momento della nascita. Quindi, secondo i miei studi, è valido il momento della nascita, come momento di inizio al Sole d'appartenenza in quanto siamo un tutto in un tutto più grande....e lo schema del Dna ne è la validatrice fisica del riferimento universale e cosmologico a cui si riferisce al momento della nascita per ciò che riguarda l'essere umano: quello che l'astrologia chiama Cielo di Nascita, cioè il cielo espresso dal flare solare d'appartenenza..(non a caso 12 circa) che ne condiziona l'evento in modo plateale a seconda dell'emissione. Ne deriva che questo influsso altro non è che una specie di immenso battito cardiaco, un battito del cuore del Sole (suo governatore), che attraverso le particelle magnetiche del vento solare arriva sulla Terra, sfondando la barriera naturale delle Fasce di Van Allen, (esattamente come agisce lo spermatozoo..) e colpendo, pur in modo attenuato, differentemente ogni creatura della Terra..a seconda della sua esposizione celeste.

Questa mia anticipazione, ripresa dai studi di M. Cotterel, per farvi capire che i Maya erano in linea con le dinamiche che poi la genetica comprese e che oggi determinano molti dei nostri comportamenti...che potrebbero dare una risposta esaustiva alla domanda del come agiscono i pianeti su di noi ma anche di come facessero i Maya ad essere così "in-formati"..Proprio approfondendo gli studi di  M.Cotterel, da bravo genetista e biologo  quale è, si capì quale poteva essere questa connessione..., senza dover ascoltare le chiachiere insulse delle radio e delle tv o del web che parlano impropriamente senza alcuna base informativa. Cotterell, tra i suoi lavori, scoprì ad esempio che il ciclo ormonale di 28 giorni alla base della produzione degli ovuli nella donna era direttamente comandato dalla nostra stella, il Sole, per la precisione dal ciclo delle macchie solari che si estende per 187 anni. Una cifra che per esattezza ammonta a 68.302 giorni... Una cifra importante, in quanto da questo anno, che potremmo definire "delle macchie solari", attraverso calcoli complessi relativi alla "curvatura dello strato neutro" (termini da fisici solari che, perdonatemi, non spiego per semplificare questo già complesso articolo...). Cotterell genialmente ricavò un super-numero: 1.366.040 giorni, corrispondenti al periodo di inversione della polarità del campo magnetico solare. Ebbene, il nostro scienziato si stupì di trovare un numero simile (1.366.540) nei testi sacri del popolo mesomaricano dei Maya: ecco la straordinaria connessione validante... Secondo loro, il ciclo di 1.366.540 giorni iniziò con la nascita del pianeta Venere (inteso come il dio-serprente piumato Quetzacoatl) nel 3114 A.C. e finirà esattamente nel 2012 (se il nostro conteggio calendariale è giusto..) con il tramonto del mondo attualmente conosciuto, così com'è conosciuto. Per ora acenni ad un cambiamento preciso mi sembrano piutosto evidenti ma, come detto, mi riserverò di approfondire meglio la questione, con il passare del tempo per rendermi conto con maggiore obiettività se le cose stanno realmente avvenendo o sono solo frutto di un'ipnotizzazione collettiva.

Il millenaristico 2012, tanto famoso in ambienti esoterici e new-age, citato in film e serial come "X-Files" , segnerà il cambio di epoca e i cataclismi generati dal Sole porteranno quella che in Occidente è chiamata Apocalisse....??? Avverrà ...? Non avverrà e non certamente in questi termini terrifici per come è stata presentata in questi anni che precederebbero l'impatto.!! NON E' IN QUESTI TERMINI CHE BISOGNA RAGIONARE, ma ne sapremo di più ormai tra pochi giorni ...

Per capirne di più, se vi siete sufficientemente appassionati alla vicenda, che investe problemi di psicogenetica e naturali non indifferenti, invece dovrete leggere la seconda parte di questo articolo che vertendo sulla storia dei Maya, quella vera, e non quelle immense sciocchezze scritte in questi anni bui, darà a colui che si è avventurato inopinatamente in questo ginepraio culturale senza fondo una qualche motivazione maggiore che non quelle superficiali finora descritte da molti organi di stampa....che, senza approfondire e senza la volontà necessaria per capire la grandezza di quel popolo..., hanno pensato a vendere il loro prodotto commerciale qualunque esso sia...: giornale, programma radio o televisivo, film o rivista che sia.C'è senza dubbio di più sulla terrorizzazione collettiva dell'evento..credetemi i Maya c'entrano poco con questo argomento..e per capirlo bene prima conosciamo quella popolazione straordinaria e poi capiremo perchè, secondo il mio modo di vedere, studioso di astri quale sono, la motivazione è ben altra..certamente al di fuori della portata di questa invenzione pubblicitaria che è la FINE DEL MONDO 2012 ..Terrore organizzato che a breve sfumerà...Vedrete.  

I MAYA, si dovrebbe sapere, sono i co-creatori  di....PALENQUE ...uno dei siti archeologici più importanti del mondo dove ho avuto la fortuna di esservi stato..per vedere coi miei occhi e per rimanerne esterefatto..!!! Il suo immenso significato...è alla base di molte risposte che proveremo a capire nella seconda parte di questo mio articolo se avrete la pazienza e la necessaria lucidità di seguirmi in questo mio approfondimento culturale e astrologico non di poco conto.

                                                                                                                   segue  2^parte

            Roma 18/12/2012                               il Nadir  Claudio Crespina

 

 

  

Naviga verso:

banner-logica-cosmologica 

Monitoraggio Personale sul nadir