CORPO ANIMA e SPIRITO: UN "SOTTILE" FILO CHE...DIVIDE !!!

TEMPI VIOLENTI E CORROSIVI QUESTI GIORNI DI MARZO,APRILE 2011 rileggamoli con accuratezza perchè... TUTTO CAMBIA SOTTO I NOSTRI OCCHI PERCHE' ..NULLA CAMBI VERAMENTE...!!!
Oggi 2 Maggio, leggiamo e scriviamo di Bin Laden come di un fantasma, conosciuto da tutti, (poi dicono che i fantasmi non esistono...) addirittura arrestato e ucciso, finalmente, molti diranno ...finalmente, come se lo avessero sopportato veramente loro, come se la loro vita fosse stata diversa da quel fatidico giorno, l'11, del settembre 2001, come se l'ipocrisia di questa società opulenta (non ho nulla contro la ricchezza o i soldi, e/o chi li fa e/o chi ce l'ha, se sono un mezzo per vivere ma ho molto da ridire quando sono un fine, come ho ampiamente sottolineato più volte) fosse venuta di colpo alla luce di occhi sempre più fintamente ciechi. Ieri si è scritto anche della beatificazione di un Papa, quel polacco di Woityla, e voglio subito sottolineare la precisa differenza che esiste tra Beato, che è colui che si venera a livello locale, e Santo, che invece è colui che riceve gli onori di tutta la Chiesa universale. Il processo di beatificazione e il grande vociare intorno alla tempistica accelerata, viola senza appello le millenarie e severe burocrazie pontificie, ma servirà almeno a ricordare o a far scoprire a chi non la conoscesse, la vita di quello che è considerato uno dei Papi più rivoluzionari e moderni della storia e non certo perchè lo si considerasse ..un papa buono. Perchè mi domando sommessamente, ma non tanto sommessamente, e vorrei sapere cosa dovrebbe essere fondamentalmente uno che fa il papa....di "mestiere"....??? La bontà è una prerogativa e non una finalità da raggiungere per chi "studia" da papa, altrimenti che papa sarebbe chiunque lo facesse. Il Papa veramente "buono" secondo la mia accezzione del termine fu, era ed è, papa LUCIANI, che è morto, appena dopo 33 giorni del suo pontificato, in ..malo modo!!!!
L'altro ieri si scriveva del matrimonio del secolo tra William e kate, che gli astri certamente non proteggeranno sia per natalità che per transiti, (almeno senza un "aiuto" serio -psicoastrologico- di un astrologo di livello, che ben conosca il controintuitivo, ovvero quella particolare tecnica mentale di azione e reazione che io ho chiamato "controintuitiva", intendendo cioè con essa, una tecnica interventista che sappia applicare le logiche della dinamica psicologica in action, e come la si applichi alle regole di fondo della tradizione astrologica che non va mai tralasciata, non dimentichiamolo mai...). Ancora poco più in la, si è parlato della scoperta dei 70 libri sacri. E' la vicenda, ovviamente controversa, dei 'libri di piombo'. Ovvero 70 volumi 'sigillati' da 15 pagine l'uno, scritti in ebraico e greco su fogli di metallo, scoperti a quanto pare in Giordania tra il 2005 e il 2007 da un beduino. E ancora prima Gheddafi e la "guerra" libica, senza un vero perchè...direbbe ironicamente una canzone, ma purtroppo non è affatto una canzone: Tripoli, oltre mille morti, si legge sui rotocalchi. La rivolta infiamma: il prezzo del petrolio e del gas sopratutto sono a rischio, quella in Libia è "una guerra sporca, per l'energia, per il petrolio,e per il gas" altro che missione di pace.....!!!  Altra notizia di questi mesi violenti e trasgressivi è la rivelazione dell'FBI su gli alieni. “Gli UFO esistono: parola dell’FBI". Secondo l’agente Guy Hottel, il 22 marzo del 1950 tre oggetti volanti non identificati precipitarono nel New Mexico e furono “catturati” dal servizio investigativo americano. All’interno dei velivoli c’erano nove corpi dalle fattezze umanoidi alti circa 90-100 centimetri. Gli oggetti non identificati avevano un diametro di circa 16 m ed erano leggermente rialzati al centro. Prima ancora di questa rivelazione si è dovuto registrare lo sconvolgente "terremoto tsunamico" in giappone, con il conseguente pericolo nucleare e gli effetti della superluna...Potrei continuare ancora a lungo, ma con questo articolo, voglio far capire come in ogni possibile notizia di cronaca, ci sia una certezza di verità, come e in egual misura, può emergere una certezza di fandonia o bufala, come dir si voglia....
 Esiste una linea e il suo controluce?? C'è verità o falsità..?
Questi dubbi così seri, nascondono i veri mali del mondo, meglio, di un mondo che si sta dilaniando da solo, con quel Plutone -ipermaterico- così motivato in Capricorno -solitudine del potere-  che espande la sua insofferenza al Granchio, alla Bilancia e all'Ariete tutti peraltro ben assistiti, si fa per dire, da pianeti come Urano e Saturno: STIAMO NEL VORTICE signori....e il ballo è solo iniziato      
Il Colonnello Mu’ammar Gheddafi nel suo discorso alla nazione, trasmesso dalla tv di stato libica e da Al Jazeera, si è detto pronto a negoziare la fine dei raid aerei con le potenze alleate: “Noi non vi abbiamo attaccato né abbiamo sconfinato- ha detto il colonnello-. Perché ci attaccate? Trattiamo, siamo pronti a parlare con i Paesi che ci attaccano. Trattiamo“. Un’apertura che sostanzialmente vuole porre fine ai raid aerei della Nato che, ultimamente, si stanno facendo sempre più frequenti.....Ecco questo ulteriore appello crea verità o alza nebbie di intollerante incertezza...? Perchè si vive, si vivono, queste sollecitazioni controverse che fanno scrivere nelle notizie il bianco e il nero contemporaneamente..? Perchè dietro o dentro la notizia c'è sempre una contronotizia....? Verita' o falsità: verità o falsità materiali o verità o falsità immateriali...? Il fatto è complesso e di difficile spiegazione sopratutto se restiamo ancorati alla logica solo razionale che equivale alla notizia tout court, però come si sa, c'è sempre una contronotizia, una contrologica...che ne deforma i confini, o forse in realtà, più che deformarli, li delinea. Quale delle due dimensioni è reale...? Meglio, sono solo due le dimensioni....? C'è la notizia e la contronotizia e basta o esiste anche il senso di questo processo ...? Insomma c'è il corpo, c'è l'anima e c'è lo spirito.....o sono tutte invenzioni di una società malmessa dai tempi dei tempi....?  Proviamo a capire....ma una cosa è già certa nella mia mente (e spero che lo sia anche nella mente di chi mi legge) e cioè che nulla "è", senza il suo controaltare, e sopratutto senza il senso del processo che lo definisce: il bello concettuale lo è proprio perchè esiste il brutto concettuale, altrimenti sarebbe un astrazione (un po come se in un incontro di boxe o di tennis entrasse sul ring, o sul campo, un solo attore....) esistente di per se. E la divaricazione derivante, tra brutto e bello, la forbice, come si dice tecnicamente nei settori economici, il trend insomma, che ne contraddistingue la vita reale, ne è l'essenza intima, lo spirito. 
Che cosa manca all'uomo moderno, che poi fra dieci anni, ( che forse diventeranno anche di meno) sarà considerato antico..? Manca la sua genitura e la sua completa genuflessione al suo inconscio. Inconscio trascurato per anni, indemoniati dai falsi dei, nonostante un dilagante abuso di schemi psichici e psicologici che invece di suturare la deficenza concettuale l'hanno minata alle fondamenta: il corpo è cresciuto anche troppo, considerando il sempre presente problema di obesità della società occidentale anche in età scolare, l'anima, veicolo ponte tra il reale e l'irreale, è stata frantumata in vari pezzi, per poterne capirne il principio "essente" o archetipo che, invece, è rimasto fuori dalle diatribe dei teologi, dei religiosi e dei fisici teorici inspiegabilmente ed erroneamente. Il massacro si è compiuto, come con gli indiani americani, promettendo evoluzione, si è prostituito il significato animico: con il vince il più forte, si è perso il passaggio ponte più importante per congiungersi, o meglio, per ri-congiungersi allo Spirito (le tre fasi del ciclo del Nadir dell'uomo: scuola d'Astrologia del ilNadir ), vera stazione d'approdo finale dell'essere, che solo pochi illuminati sono riusciti a contattare tramite le loro suggestioni "dis-umane": il significato di quel ciclo è legato ad un filo sottilissimo che deve unire...ma che separa inevitabilmente la linea d'unione delle anime, stravolgendone il senso e il significato....
Nella Genesi, a vedere un primo approccio religioso al problema dell'esistenza delle tre fasi evolutive,  1:26-27 è scritto: “Poi Dio disse: ‘Facciamo l’uomo a nostra immagine, conforme alla nostra somiglianza, e abbia dominio sui pesci del mare, sugli uccelli del cielo, sul bestiame, su tutta la terra e su tutti i rettili che strisciano sulla terra’. Dio creò l’uomo a sua immagine; lo creò a immagine di Dio; li creò maschio e femmina”.

Questi versetti indicherebbero, tra le tante altre cose significative, che c’è qualcosa di diverso nell’uomo rispetto a tutte le altre creature. Gli esseri umani sono stati destinati, dice la genesi, (ma non solo, dico io) ad avere un rapporto con Dio (o dio, in piccolo, e interno a noi, meno gloriosamente, secondo chi come me, non crede a quel Dio religioso troppo esterno a noi)  e, in quanto tali, Dio ci ha creati con aspetti sia materiali sia immateriali. Gli aspetti materiali sono ovviamente quelli tangibili: il corpo fisico, gli organi, ecc., che sono considerati esistenti solo finché vive la persona. Gli aspetti immateriali sono quelli intangibili: l’anima, lo spirito, l’intelletto, la volontà, la coscienza, ecc. Queste caratteristiche sono considerate esistenti, erroneamente, al di là dell’arco della vita fisica dell’individuo.

Tutti gli esseri umani possiedono nella loro esistenza le caratteristiche tanto materiali quanto immateriali. È chiaro che tutta l’umanità abbia un corpo che contiene carne, sangue, ossa, organi e cellule. Tuttavia, spesso le qualità intangibili dell’umanità sono messe in discussione.
Che cosa dice la Scrittura a loro riguardo? Genesi 2:7 , afferma che l’Uomo fu creato come “un’anima vivente”.  Numeri 16:22 (Nuova Diodati): “Ma essi si prostrarono con la faccia a terra e dissero: ‘O Dio, Dio degli spiriti di ogni carne! Poiché un sol uomo ha peccato, dovresti tu adirarti contro tutta l’assemblea?’”. Questo versetto chiama Dio come il Dio degli spiriti posseduti da tutti gli esseri umani.
Proverbi 4:23: “Custodisci il tuo cuore più di ogni altra cosa, poiché da esso provengono le sorgenti della vita”. Questo versetto indica che il cuore è centrale per la volontà e le emozioni dell’umanità. Atti 23:1: “Paolo, fissato lo sguardo sul sinedrio, disse: ‘Fratelli, fino ad oggi mi sono condotto davanti a Dio in tutta buona coscienza’”. Romani 12:1-2: “Vi esorto dunque, fratelli, per la misericordia di Dio, a presentare i vostri corpi in sacrificio vivente, santo, gradito a Dio; questo è il vostro culto spirituale. Non conformatevi a questo mondo, ma siate trasformati mediante il rinnovamento della vostra mente, affinché conosciate per esperienza quale sia la volontà di Dio, la buona, gradita e perfetta volontà”.
Si può vedere che ci sono vari aspetti della parte immateriale dell’umanità, e che tutti gli esseri umani condividono le qualità tanto materiali quanto immateriali. Quest’elenco di riferimenti, di natura esclusivamente e volutamente religiosa, sfiora appena la superficie del problema. Perciò, mentre buona parte della discussione sull’aspetto immateriale dell’umanità si concentra sull’anima e lo spirito, la Scrittura delinea molti più aspetti di questi due.
In qualche modo, gli aspetti summenzionati (anima, spirito, cuore, coscienza e mente) sono connessi e correlati . L’anima e lo spirito, però, sono certamente i principali aspetti immateriali dell’umanità, che probabilmente racchiudono anche gli altri. Tenendo questo a mente, l’uomo può essere dicotomico (diviso in due, corpo/anima-spirito) o tricotomico (diviso in tre, corpo/anima/spirito). È impossibile essere dogmatici. Esistono buone argomentazioni per entrambe le tesi.
Un versetto chiave è "Ebrei 4:12": “Infatti la parola di Dio è vivente ed efficace, più affilata di qualunque spada a doppio taglio, e penetrante fino a dividere l’anima dallo spirito, le giunture dalle midolla; essa giudica i sentimenti e i pensieri del cuore”. Questa Scrittura ci dice almeno due cose riguardo a questo dibattito: (1) che l’anima e lo spirito possono essere divisi; (2) che la divisione dell’anima e dello spirito è qualcosa che può operare solo la Parola di Dio.
Possiamo star certi che, come esseri umani, possediamo un corpo, un’anima, uno spirito e molto di più per come la intendo io, pur prendendo come base concettuale la logica religiosa. Tesi, antitesi e sintesi sono il motivo dominante della manifestazione fenomenica: Peter Deunov spesso parlava della essenza dello spirito, dell'anima e del corpo. Spiegava il loro significato universale. Senza la conoscenza di queste tre entità, l'individuo non è in grado di comprendere il suo posto come parte integrale dell'Universo. Solo colui che ha percepito la sua sostanza spirituale e si conosce come spirito, anima e corpo, può trascendere la trivialità della vita e vedere la vera realtà..o la realtà vera, aldilà dell'essenza meramente religiosa.
Attraverso il corpo, possiamo metterci in relazione con il mondo fisico che, non dimentichiamolo, è soltanto uno dei tanti possibili ed è quello che sperimentiamo quando siamo qui sulla Terra.
Il corpo è quindi uno strumento, un mezzo attraverso il quale è possibile fare un certo tipo di esperienze, quelle relative a questo specifico piano esistenziale, utilizzando i cinque sensi ordinari che tutti conosciamo. Grazie al corpo percepiamo colori, forme, sapori, odori e tutto ciò che è ricavabile dagli oggetti e dalle esperienze fisiche.Il corpo è il veicolo dell'anima
. L'essere umano, la sua essenza o Nadir astrologico, non è nel corpo. Questo è per lui come una piccola casa per un uso temporaneo. Durante il tempo in cui l'essere umano si trova sulla Terra, la sua anima risiede occasionalmente in quella casa. L'essere umano "studia" simultaneamente in tre scuole:  Il corpo studia sulla Terra, ogni cellula nel suo organismo ha una precisa funzione, ma allo stesso tempo apprende. L'anima impara nel mondo spirituale e lo spirito nel mondo divino.
L’anima è quella componente attraverso la quale l’entità umana ricava impressioni dalle esperienze che fa attraverso il corpo. Ognuno di noi, in altre parole, vede, sente, tocca, annusa e assapora, e da queste esperienze ricava impressioni che possono essere di piacere o dolore, gioia o disperazione, attrazione o repulsione e via di seguito.
Attraverso l’anima, le cose che percepiamo con i sensi corporei acquistano per noi un significato, una valenza. L’anima valuta le esperienze e gli oggetti percepiti dal corpo in base a ciò che quelle esperienze e quegli oggetti determinano come impressione. Una cosa che imprime un sentimento di piacere, di gioia o di attrazione avrà per noi un certo valore, un’altra cosa che imprime un sentimento di dolore, disperazione o repulsione ne avrà un altro completamente diverso “L'Anima dimora nei cieli. Se si allontana dalla persona, questa diventa triste e infelice; se le fa di nuovo visita, si riempie di gioia. L'anima è una SOSTANZA DIVINA attraverso la quale si manifesta l'AMORE DIVINO. La mente e il cuore assistono l'anima e lo spirito la guida. L'anima resta nelle funzioni degli organi e fa uso dell'energia che essi ricevono e trasmettono. L'anima umana che ha origine da Dio è un elemento specifico del mondo spirituale. È un principio inseparabile da Dio. L'anima umana include una serie di forze e qualità, di abilità e doni che si manifestano in ogni momento. È assolutamente libera e può agire indipendentemente dal cervello; usa il sistema nervoso solo per manifestarsi nel mondo fisico. Quando l'anima è nel corpo, la persona si sente forte e grande. Quando non lo è, si sente debole e piccola. Dovete fare in modo che il vostro corpo sia in condizioni tali da farvi risiedere più a lungo l'anima”.
Lo spirito è invece quella componente attraverso la quale abbiamo la possibilità di comprendere il significato intrinseco delle cose, e delle persone, indipendentemente dall’impressione che esse determinano nella nostra anima. Questo è più compiutamente il senso e il significato di Nadir, che ho estrapolato, studiando a fondo e per anni, una serie infinita di temi natali e i loro grafici, per capire cosa si potesse realmente evidenziare dalla loro analisi, oltre la verifica già accertata della combinazine degli eventi in accadimento o accaduti.    
Un oggetto o una esperienza non viene valutata dallo spirito in base al fatto che questa ci sia piaciuta o no, ma in base al significato che ha per sé stessa nell’ordine naturale delle cose, in modo del tutto distaccato e imparziale. Alla componente spirituale è strettamente connessa l’attività di pensiero, perché è attraverso questa che possiamo comprendere, attraverso il ragionamento, il significato intrinseco delle cose. Lo SPIRITO è il principio supremo dell'essere umano. Lo spirito umano e la mente umana sono senza forma perchè in continuo movimento esattamente come fa l'universo che ci accoglie e che probabilmente, contribuiamo ad espandere senza rendercene conto direttamente. Questo movimento è come un raggio che si estende. E' attraverso lo spirito che l'individuo può conoscere Dio, dice la chiesa, ed io aggiungo che è vero; l'individuo può conoscere dio, il suo dio, la sua divinità interna tramite il raggiungimento del significato del proprio spirito.
Lo spirito unisce le due origini dell'essere umano, (e le pervade di essenza) la natura basica e quella nobile: da questa unità nasce o meglio dovrà nascere, il nuovo essere umano....consapevole delle sue incommensurabili potenzialità solo se persegue il suo principio divino interiore, che viene continuamente alimentato dall'uso corretto del PENSIERO, vero ed unico propellente della grandezza dell'Uomo e dell'Universo in cui vive: creatore creato dal suo stesso ...alito.

dr. Claudio Crespina  IlNadir 

© tutti i diritti riservati

 

 

 

Naviga verso:

banner-logica-cosmologica 

Monitoraggio Personale sul nadir